Fa caldo, forse anche troppo. Agosto è appena iniziato e, di conseguenza, chi può permettersi qualche giorno di relax è pronto per partire. Trovare la meta giusta non è l’unico problema dei nostri tempi. C’è chi programma la destinazione mesi e mesi in anticipo, chi, invece, aspetta un last minute sperando in offerte vantaggiose. In ogni caso, le persone devono decidere anche cosa mettere in valigia, e tra gli oggetti da tenere a mente figurano anche gli accessori tecnologici.

Lo smartphone sotto l’ombrellone

Pagomeno, il comparatore di prezzi e prodotti di Schibsted Media Group, ha condotto una ricerca sull’uso della tecnologia in estate, rivelando come gli italiani non ne possano più fare a meno.

Non possiamo fare a meno di smartphone, notebook e tablet, ma non mancano accessori del beauty e dello sport. Su Pagomeno, in vista della bella stagione, le ricerche vertono sui prodotti informatici (48%), tra telefonia e GPS (42%), elettrodomestici (28%) e dispositivi audio-video (21%).

Entrando maggiormente nel dettaglio della ricerca, si evince che al primo posto tra gli indispensabili in valigia troviamo lo smartphone (85%), strumento indispensabile per rimanere connessi, in contatto con gli amici virtuali e non. Seguono fotocamere e videocamere con Wi-Fi (27%) e gli smartwatch (14%), strumenti ideali per dare uno sguardo all’attività quotidiana e per controllare le notifiche, in caso non si abbia il telefono a portata di mano.

Staccare da tutto tranne che dallo smartphone

Se gli uomini, per il 7%, non possono rinunciare in vacanza nemmeno alle console portatili, le donne, invece, preferiscono inserire in valigia l’asciugacapelli, l’ epilatore salva-bikini, la piastra per capelli portatile e l’ esfoliante viso elettrico. Parliamo sempre di strumenti 2.0, ma in questo caso dedicati alla cura della bellezza.

Pagomeno, inoltre, ha evidenziato che il mare rimane ancora la meta preferita dagli italiani (83%). Ecco allora che spopolano le ActionCam subacquee (41%), gli audiodock portatili Bluetooth (38%) ed il lettore mp3 waterproof (33%), per chi non può rinunciare alla musica nemmeno in spiaggia.

Meritano menzione anche i droni, i quali, però, sono presenti negli zaini dei vacanzieri solo nel 25% dei casi. Si tratta di una tecnologia che sta prendendo piede ora tra gli utenti ed ancora ha bisogno di qualche tempo prima che possa diffondersi completamente la passione per le riprese dall’alto. Il costo elevato di acquisto, inoltre, e le stringenti regole per il volo con il drone scoraggiano i tanti utenti interessati.

Che si scelga il mare, la montagna o la città turistica con i suoi musei, comunque, non può mancare all’appello l’utilissimo powerbank (l’89% degli utenti intervistati lo utilizza), strumento ideale per non doversi preoccupare dell’autonomia dei gadget tecnologici.

Ed al termine della vacanza?

Il rientro da alcuni giorni di assoluto relax è sempre traumatico. Gli italiani, secondo l’indagine, cercano di mitigare il tragico effetto del ritorno alle abitudini quotidiane attraverso l’uso del tablet (55%), seguito dall’ e-reader (41%) e dal marcatore Bluetooth da collegare allo smartphone (14%).

E voi che cosa metterete in valigia? Di qualche gadget tecnologico non potete privarvi?


Partecipa alla discussione