Prosegue il nostro percorso di prova delle cuffie Philips, e oggi ritorniamo alla gamma Fidelio, che solitamente combina un design elegante e ricercato con prestazioni al top.

Qualche tempo fa avevamo parlato delle Philips Fidelio X2, cuffie monitor adatte ad un utilizzo casalingo, mentre oggi ci spostiamo su una cuffia sempre della gamma Fidelio ma con ambizioni opposte: sto parlando delle Philips Fidelio M2BT, ovvero il modello on-ear wireless. Erano nella mia wishlist da diverso tempo, e dopo averle provate sono ancora più sicuro di volerle nel mio parco cuffie. Vi spiego perché.

PHILIPS FIDELIO M2BT – SPECIFICHE TECNICHE

Tipo CuffiaOn ear (Chiuse)
Connettività CuffiaBluetooth 4.0, NFC
Microfono Cuffia
Cavo removibile Cuffia
Driver Cuffia40 mm
Sensibilità Cuffia107 dB
Impedenza Cuffia16 Ohm
Risposta Cuffia7 - 23.500 Hz
Potenza in ingresso massima Cuffia40 mW

Vai alla scheda completa: Scheda tecnica Philips Fidelio M2BT.

PHILIPS FIDELIO M2BT – OFFERTE

Philips Fidélio M2L Cuffie Chiuse Hi-Res con Connettore e Coperchio Integrato a DAC

152,21€  Amazon Prime

27,95€ Kelkoo [venduto da Tannico]

PHILIPS FIDELIO M2BT – VIDEORECENSIONE

PHILIPS FIDELIO M2BT – UNBOXING E PRIME IMPRESSIONI

La scatola comprende tutti gli accessori necessari per una cuffia wireless:

  • la nostra cuffia, in bella mostra in tutto il suo splendore appena aperta la scatola,
  • un cavo jack da 3.5 lungo 1.2m, con tessitura esterna anti-ingarbugliamento e anti-rottura,
  • un cavo USB-microUSB lungo 1m per ricaricare le nostre cuffie,
  • un case morbido e per nulla imbottito in cui riporre le nostre cuffie.

Appena prese in mano le nostre Fidelio M2BT, si notano subito i dettagli importanti, che vanno dalla costruzione perfetta alle cuciture della pelle. Sono i dettagli a rendere queste cuffie qualcosa di speciale, curate in ogni minimo aspetto.

Philips Fidelio M2BT
Le Philips Fidelio M2BT si dimostrano anche un fantastico oggetto di design

Le dimensioni sono ridotte, con padiglioni piccoli e archetto sottile, ma non sono richiudibili. L’unica colorazione disponibile è quella nera, sobria e elegante, anche se una versione white o silver sarebbe stata un’ottima variante. Il cavo con tessitura esterna è solido e allo stesso tempo in armonia con lo stile delle Fidelio M2BT, è molto utile per trasformare le nostre cuffie da wireless a con cavo in caso di batteria esaurita. Vicino al jack di collegamento con la cuffia, sono presenti degli “aiuti” magnetici, per rendere quasi impossibile uno scollegamento accidentale.

Il tasto multifunzione tramite cui accendere, spegnere, accoppiare le nostre cuffie e fare play/pause è l’intera superficie esterna del padiglione destro, su cui troviamo un controller per alzare o abbassare il volume ma anche per la funzione brano precedente/brano successivo. Presente un piccolo led colorato per notificare lo stato del dispositivo: blu ad intermittenza veloce per la ricerca della connessione, blu ad intermittenza più lenta per il collegamento effettuato, bianco per accensione e spegnimento.

Sempre su questo padiglione, su un lato, un microfono per usare le Fidelio M2BT anche in caso di chiamate, mentre sul fondo è presente l’ingresso microUSB per ricaricare le nostre cuffie.

Sul padiglione sinistro, invece, è presente il tag NFC tramite cui accoppiare il nostro smartphone: non semplice da trovare visto che manca ogni tipo di segnalazione riguardo la sua posizione (la scritta NFC Bluetooth è presente su entrambi i padiglioni ma vicino agli ingressi dei cavi). Sul fondo di questo padiglione, invece, è presente l’ingresso jack.

Philips Fidelio M2BT recensione
Le Fidelio M2BT sono eccellenti per materiali e qualità costruttiva

PHILIPS FIDELIO M2BT – DESIGN, COMFORT E COSTRUZIONE

La gamma Fidelio di Philips in questo ambito può insegnare. Proprio come le Fidelio X2 provate qualche tempo fa, anche queste Fidelio M2BT sono costruite in maniera eccellente: il mix di costruzione in metallo, rivestimento in pelle e padiglioni on ear morbidissimi in memory foam regalano sensazioni premium sia alla vista che al tatto.

Queste cuffie attireranno sguardi come calamite, nonostante le dimensioni contenute: sono cuffie preziose, prima che costose. Le dimensioni sono davvero contenute per questo sono facilmente trasportabili in una borsa. Tuttavia, l’impossibilità di richiuderle su sé stesse ma solamente di appiattirle fa un po’ storcere il naso.

Il comfort è assicurato dai padiglioni che, pur essendo on ear, sono molto imbottiti e morbidi. Tuttavia, la stretta sulle orecchie è un po’ forte, aspetto che può essere positivo o negativo: ne sconsiglio l’utilizzo per un uso prolungato perché alla lunga potrebbero dare fastidio, ma allo stesso tempo sono utilizzabili tranquillamente durante l’attività fisica, senza il rischio che scivolino via.

L’archetto è interamente rivestito di tessuto e pelle ma non è particolarmente imbottito: non risulta comunque essere un problema grazie all’estrema leggerezza della cuffia (191 grammi). Il meccanismo di estensione per adattarle alle dimensioni della nostra testa (un po’ duro) non permette estensioni estreme, in quanto io che ho una testa abbastanza grossa devo portarle al limite per poterle indossare.

L’unico aspetto che non mi ha fatto impazzire riguarda i comandi, che sono un po’ ballerini nel caso della piccola levetta per il volume e di facile pressione nel caso del tasto centrale: mi è capitato diverse volte di far partire involontariamente la musica semplicemente portandole al collo. Philips, prendi nota per il prossimo modello: sono sì piccolezze, ma su una cuffia dal prezzo tutt’altro che contenuto come le Fidelio M2BT non vorrei notarle.

Philips Fidelio M2BT
Che sia wireless o cablata, la qualità sonora delle Philips Fidelio M2BT è impressionante.

PHILIPS FIDELIO M2BT – FUNZIONAMENTO E RESA SONORA

Le Philips Fidelio M2BT sono le cuffie wireless più sorprendenti che io abbia mai provato, ancora di più perché hanno un’equalizzazione perfetta per i miei gusti. Ma trattandosi di una cuffia wireless, prima di parlare della resa sonora, vi parlo della connettività estrema di cui queste cuffie sono dotate. La connessione NFC è fantastica e avviene in 2 secondi netti. Col Bluetooth ci mettiamo qualche secondo in più ma sempre rapido e indolore.

Ho trovato tuttavia un piccolo difetto, ma non so se imputarlo alle cuffie o al mio Macbook: una volta effettuata il pairing (la primissima connessione) che avviene senza problemi, i successivi collegamenti sono un problema. Il mio Macbook segnala la connessione ma al momento della riproduzione questa non avviene tramite le cuffie ma tramite gli altoparlanti: ho risolto (o meglio mi sono regolato) decidendo di “disaccoppiarle” ogni volta che smetto di utilizzarle, per poi riaccoppiarle quando necessario. E’ una rottura ma almeno così riescono a collegarsi. Con altri dispositivi come smartphone (Android, iPhone e WP) e normali PC Windows nessun problema. Philips aspetto chiarimenti.

Le ho provate con diverse sorgenti audio: sia wireless che cablate, con il mio smartphone (Galaxy Note 4), con il mio computer (Macbook Pro Retina 13) e anche con un amplificatore per cuffie (Creative Sound Blaster E3), e i risultati sono stati diversi, seppur sempre di alto livello. Il Bluetooth 4.0 insieme alla tecnologia aptX riescono ad assicurare una qualità sonora degna di una connessione cablata, con risultati di altissimo livello. Se la sorgente non supporta questa tecnologia la qualità un po’ ne risentirà ma rimanendo sempre su ottimi livelli per una “semplice” cuffia Bluetooth.

Philips-Fidelio-M2BT
Le Philips Fidelio M2BT creano dipendenza.

Con il cavo la qualità è altissima, soprattutto per la limpidezza del suono, ma ho notato che cambia l’equalizzazione: in modalità wireless la cuffia enfatizza un po’ i bassi e gli alti, con i primi molto presenti ma morbidissimi e i secondi piacevolmente arricchiti, forse solo i medi sono un po’ indietro; al contrario, con il cavo collegato l’equalizzazione sarà quasi flat, con i bassi forse un po’ indietro e più secchi, ma ce la giochiamo sui gusti. Io preferisco l’equalizzazione Bluetooth, più ricca e piacevole per i miei generi musicali che spaziano un po’ su tutto ma soprattutto sulla musica electro. Il volume massimo è molto elevato, ancora di più in modalità wireless (quasi esagerato). Per essere cuffie chiuse devo dire di aver trovato un soundstage niente male, con i vari strumenti larghi e ben distinti.

Ho provato queste cuffie con diversi generi musicali, e questa è la mia personalissima pagella:

  • Elettronica wireless 10/cablata 8.5: per me sono il Santo Graal, adoro i bassi morbidi e queste cuffie, in modalità wireless, quasi mi emozionano per quanto rispecchiano i miei gusti. In modalità cablata si perde un po’ di divertimento.
  • Rock wireless 9/cablata 9.5: il rock riesce ad essere riprodotto abbastanza fedelmente, senza alcun tipo di distorsione e senza frequenze che vanno a coprirsi (almeno niente di troppo evidente). Meglio col cavo.
  • Classica wireless 9.5/cablata 9: Limpidezza estrema e soundstage non male per le dimensioni di questa on ear. Con un po’ di bassi della modalità wireless mi piace di più.

L’utilizzo con film, serie tv e videogiochi è incredibilmente soddisfacente: certo, non si avrà una sensazione di perfetto surround, ma riescono a gestire la spazialità molto bene seppur non sia il loro ambito. Con The Walking Dead sono saltato sulla sedia un paio di volte.

L’insonorizzazione è molto buona, seppur non eccellente: all’interno si ha subito una sensazione di “tappo” grazie alla struttura chiusa on ear ma soprattutto grazie ai padiglioni che non hanno il foro al centro ma poggiano come una spugna sulle orecchie. Già senza la musica sarà difficile sentire quello che ci circonda, con la musica in riproduzione è impossibile. All’esterno la situazione è un po’ peggiore: anche a causa del volume elevato (soprattutto in modalità wireless) qualcosa fuoriesce, ma basta un background metropolitano o la tv accesa per coprire la nostra musica. Nulla di preoccupante.

Philips Fidelio M2BT review
Dopo aver provato le Philips Fidelio M2BT sarà difficile tornare indietro.

PHILIPS FIDELIO M2BT – CONCLUSIONI

Queste Philips Fidelio M2BT mi hanno emozionato.

Questa è la mia conclusione: sono belle, sono leggere, sono comode, sono eleganti ma adatte allo sport, sono wireless, sono piene di tecnologia e soprattutto si sentono benissimo. Come per le Fidelio X2, la qualità si paga.

Le Philips Fidelio M2BT costano 249,99€ di listino, ma si trovano a circa 210€ online: tutto questo ha un prezzo, ma non è troppo se si pensa a quello che si acquista. Altri prodotti offrono molto meno a molto di più, accanirsi sul prezzo come unico difetto sarebbe sbagliato, perché Philips ha fatto semplicemente ciò a cui ogni brand dovrebbe ambire: fare ottimi prodotti, con tante qualità e tanta tecnologia, al prezzo giusto. L’unico difetto (incomprensibile) è nell’accoppiamento col mio Macbook, sempre difficile, mentre nessun problema con tutti gli altri dispositivi.

La conclusione è tra le più semplici che mi siano capitate di scrivere: se ci fosse un TZ Award per la sezione cuffie, le Philips Fidelio M2BT, almeno per il momento, vincerebbero a mani basse…

PHILIPS FIDELIO M2BT – GALLERIA FOTOGRAFICA

PHILIPS FIDELIO M2BT – PRO E CONTRO

[scheda device=”1″]

ProEControFidelioM2BT

I nostri voti

Funzionalità e dotazione9.5
Design10
Materiali e costruzione9
Ergonomia e comfort8.5
Trasportabilità8.5
Prestazioni9.5
Rapporto qualità-prezzo8
Voto finale9.0

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: