Razer è famosa per aver prodotto nel tempo prodotti destinati al gaming che si sono affermati nel mercato e sono entrati rapidamente nel cuore di ogni videogiocatore. Ancora oggi a più di 3 anni dalla sua uscita, se chiedete un mouse molti vi diranno Razer Lachesis, magari consigliandolo in abbinamento con una Razer Lychosa. Chi dunque meglio di Razer poteva costruire un portatile per il gaming?

Razer ha presentato qualche ora fa Blade. Sotto la caratteristica scocca nero lucida che caratterizza i prodotti Razer è presente una dotazione hardware di tutto rispetto. Ecco le specifiche:

  • Processore: Intel Core i7-2640M Dual Core a 2,8Ghz, aumentabile fino a 3,5Ghz in modalità Turbo;
  • Chipset: Intel Mobile Express Series PCH “Cougar Point”;
  • RAM: 8Gb di Ram DDR3 a 1333Mhz;
  • Display: 17,3″ a LED retroilluminati, con risoluzione di 1920*1080p;
  • Grafica e Video: Chip integrato per la modalità “mobile”, chip dedicato Nvidia GT 555M, con 2Gb di memoria dedicata GDDR5 per i videogiochi e webcam integrata;
  • Memoria fisica: disco fisso da 320Gb S-ATA, 7200rpm;
  • Connessioni ed Espansioni: Presa HDMI, 1x presa USB 3.0, 2x prese USB 2.0 (alimentate anche a PC spento), jack combo da 3,5mm per microfono e cuffie, porta Gigabit Ethernet;
  • Batteria: Batteria integrata da 60Wh;
  • Connessioni wireless: capacità di connessione Wi-Fi wireless su protocolli 802.11 b/g/n, Bluetooth 3.0

La caratteristica più interessante però risiede nello Switchblade UI un trackpad che, oltre a permettere lo spostamento del cursore, permette di visualizzare informazioni aggiuntive sul videogame in uso. Al momento i titoli che supportano/supporteranno questo sistema sono Battlefield 3, RIFT, End of Nations e League of Legends.

Blade sarà disponibile a fine anno ad un prezzo di 2800 dollari.

httpv://www.youtube.com/watch?v=H2Nbn4bjf6s&feature=player_embedded

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here