Il marchio ormai si è affermato, inutile girarci intorno. Oppo è riuscita in pochissimi mesi ad imporsi con credibilità e solidità nel panorama occidentale, soprattutto in quello italiano, forte anche di una progressiva recessione di Huawei.

Le vendite nel BelPaese sono incoraggianti, i prodotti sono di qualità, grazie anche alle innovazioni che l’azienda riesce a portare sul mercato con tempi contenuti e con costanza.

Oppo Find X3 Neo 5G rappresenta l’essenza dell’azienda: lo smartphone migliora sensibilmente alcuni limiti del precedente modello e offre tanta qualità agli utenti che non vogliono spendere cifre esagerate per prodotti premium, ma allo stesso tempo pretendono affidabilità e giusta innovazione.

venduto da 
€ 699.9
€ 799.99  [-13%]

Ricordiamo che Oppo Find X3 Neo è “il fratello di mezzo” della nuova serie Find X3 presentata da Oppo per il 2021 e si affianca al piccolo Oppo Find X3 Lite ( che abbiamo recensito qui ) e al top gamma Find X3 Pro con il suo display da 1 miliardo di colori che abbiamo già avuto modo di apprezzare nella recensione.

Unboxing Oppo Find X3 Neo 5G

Tralasciamo il packaging: nulla di eccezionale. Il vero gioiello, qui, è lo smartphone. Dentro alla confezione trovano posto una comoda custodia trasparente in silicone, il cavo USB – USB TypeC per la ricarica/trasferimento dati e un trasformatore con tecnologia SuperVooc 2.0 da 65W, che consente allo smartphone di passare dallo 0% al 100% di batteria in appena mezz’ora.

Una tecnologia di cui Oppo è pioniera e che garantisce un plus non da poco, grazie allo sviluppo nel corso degli anni della tecnologia e anche grazie alla soluzione di inserire nel device due batterie da 2.250 mAh, in grado di assorbire energia contemporaneamente durante la fase di ricarica.

Oppo ha inserito in confezione anche un paio di cuffie con cavo USB Typec di qualità non eccelsa; concessione dell’azienda per accontentare gli utenti, ma con la chiara intenzione di spingere l’attenzione di tutti verso il proprio ecosistema e verso le proprie cuffie tws.

Scheda tecnica Oppo Find X3 Neo

A bordo del Find X3 Neo 5G la casa cinese ha installato il processore Qualcomm Snapdragon 865, ovvero il core top di gamma dello scorso anno. Le motivazioni possono essere molteplici e possono risiedere, ad esempio, nella crisi globale inerente alla produzione di semiconduttori che hanno ostacolato l’implementazione di una soluzione più moderna o dedicata, oppure nell’esigenza di Oppo di utilizzare un system-on-chip potente, collaudato, che potesse concorrere con tutti senza alcun problema. Il fatto è che la soluzione è stata azzeccata.

Lo Snapdragon 865 è una sicurezza in termini di affidabilità e prestazioni, supportato in questo dispositivo da 12GB di RAM LPDDR4x e da 256GB di memoria interna UFS 3.1 velocissima. Di seguito la scheda tecnica completa:

Sistema Operativo Android
Versione Sistema Operativo Android 11 ColorOS 11.2
Dimensioni 159.9mm x 72.5mm x 7.99mm
Peso 184 grammi
CPU Snapdragon 865 Qualcomm SDM865 1x 2.84 GHz Kryo 585 + 3x 2.42 GHz Kryo 585 + 4x 1.80 GHz Kryo 585
GPU Adreno 650
RAM (GB) 12 GB
Memoria interna (GB) 256 GB
Pollici Display 6.55
Risoluzione Display 1080 x 2400 pixel
Tipologia Display OLED colori più di 16 milioni Gorilla Glass 5
Capacita batteria (mAh) 4500

Vai alla scheda completa: Scheda tecnica Oppo Find X3 Neo 5G.

Design Oppo Find X3 Neo 5G

Congratulazioni a colui che ha studiato il processo di design Oppo Glow. La colorazione Galactic Silver dell’Oppo Find X3 Neo 5G vive con la luce grazie al trattamento del vetro posteriore: la texture piramidale del retro risulta porosa, brillante e garantisce riflessi unici. Difficile far passare inosservato lo smartphone, che è realizzato con tanta attenzione dalla casa cinese. Inoltre, è impossibile notare aloni dovuti all’utilizzo con le mani del device; per questo motivo la scelta estetica acquista ancora più valore.

Oppo ha scelto la sapiente commistione di linee squadrate con elementi più morbidi, pensiero estetico che ha portato alla realizzazione di uno smartphone in 20:9, in grado di garantire un’ottima presa e facilità di utilizzo anche con una sola mano. Oppo Find X3 Neo 5G è un oggetto industriale che vuole risultare premium, grazie al frame in metallo e al vetro Gorilla Glass 5 della Corning. Proprio il vetro frontale curva ai bordi, ma la stondatura non risulta fastidiosa e aiuta a creare un piacevole effetto di riduzione delle cornici frontale.

Display Oppo Find X3 Neo 5G

Rispetto al modello dello scorso anno, Oppo ha scelto di non variare il rapporto display/corpo: 92,1%. Il display è un’ottima unità AMOLED che abbraccia completamente il frontale, luminosa e dotata di refresh a 90Hz, in grado dunque di garantire estrema fluidità in tutti gli ambienti del sistema operativo.

Nello specifico, parliamo di un pannello da 6,55″, FULL HD+, HDR10+, 402 ppi, campionamento tattile a 180Hz quando è attivo il refresh a 90Hz.

Tutti questi numeri stanno ad indicare che la qualità dello schermo dell’Oppo Find X3 Neo 5G è assolutamente adeguata al prezzo al quale viene proposto il device. E’ un piacere guardare contenuti multimediali, non ci sono difetti apprezzabili.

Avrei preferito, in realtà, che su un dispositivo di alta fascia fossero presenti più opzioni per modificare i parametri del display. La ColorOs 11 installata permette solo di scegliere tra la modalità Vivace (Spazio colore P3) e Delicata (spazio colore sRGB), senza alcuna regolazione fine della taratura dei colori. Questa mancanza l’avevo notata anche nel Find X2 Neo e a distanza di un anno Oppo ha deciso di vincolare ancora l’utente. Peccato!

Utilizzo Oppo Find X3 Neo 5G

Oppo è andata sul sicuro: perchè utilizzare una piattaforma nuova quando si può implementare il processore top di gamma dello scorso anno? I vantaggi sono molteplici, a partire dalla conoscenza approfondita del semiconduttore, che consente all’azienda di ottimizzare molto bene hardware e software. A bordo dell’Oppo Find X3 Neo 5G troviamo lo Snapdragon 865 di Qualcomm, assistito da 12GB di RAM e da 256GB di memoria interna UFS 3.1 velocissima. Quest’ultima riesce a garantire 1,2GB/s in lettura e 661Mb/s in scrittura. Le applicazioni si aprono in maniera istantanea e muoversi nell’interfaccia utente è sempre piacevole.

D’altra parte, il processore garantisce un quantitativo di potenza enorme, che in alcuni sporadici casi si traduce in un leggero riscaldamento del device, soprattutto quando si aggiornano tante app o quando si gioca per diverso tempo a titoli impegnativi.

In ogni caso il processore riesce a sostenere qualsiasi esigenza dell’utente; non si raggiunge mai il throttling e la reattività è sempre ai massimi livelli. L’unica nota veramente negativa risiede nell’autonomia. Non si può parlare di durata della batteria scadente, ma si fa fatica durante un utilizzo standard quotidiano a superare le quattro ore di display attivo. Si riprende, per fortuna, con una tecnologia di ricarica avanzatissima, che consente al telefono di raggiungere il 50% di carica in appena 15 minuti e di arrivare al 100% in poco più di 30.

La ColorOS in pochi mesi ha fatto passi da gigante. E’ arrivata alla versione 11.1, basata su Android 11. Un processo di occidentalizzazione che serviva alla User Interface di Oppo, che all’arrivo sul mercato italiano pagava in termini di vendite a causa di un software troppo orientale. Ora la ColorOS rappresenta una certezza nel panorama degli smartphone: è affidabile e leggera, grazie ai soli 13GB di spazio occupato sulla memoria.

Interessante la presenza dell’opzione Clonatore di Sistema, che consente all’utente di duplicare il sistema operativo in modo da creare un ambiente pulito utilizzabile, attraverso l’immissione di una password, da una persona terza, in modo da salvaguardare i propri dati. Inoltre, sono sempre apprezzate le funzioni che consentono di richiamare in finestra tutte le applicazioni installate, le gesture per effettuare un screenshot o quelle per attivare il Multitasking.

Rimane ancora margine di miglioramento, in quanto ho notato che non tutte le applicazioni vengono visualizzate con il refresh rate di 90Hz. Inoltre, quando appaiono le famose notifiche “Nuvole” (o a bolla, come le chiama Google) proprie di Android 11 e le si lascia in background, il sistema si muove a 60Hz e non è possibile tornare alla maggiore fluidità finchè non si eliminano. Ma sono soddisfatto di Oppo soprattutto perchè è riuscito a migliorare, rispetto al precedente modello, due aspetti importanti ai fini dell’esperienza utente.

Il primo è il motore della vibrazione, finalmente deciso e di qualità, capace di restituire un feedback appagante e piacevole. Il secondo è la presenza di un sensore di impronte digitali, posto sotto al display, rapido e funzionale. Nel modello dello scorso anno per avere uno sblocco rapido bisognava assolutamente ricorrere al riconoscimento del volto, poco sicuro in quanto bidimensionale. Finalmente Oppo Find X3 Neo 5G consente di accedere alla home rapidamente, con un tocco fulmineo del polpastrello sul pannello, senza incertezze.

Fotocamera Oppo Find X3 Neo 5G

E’ bello fotografare il mondo con le lenti di Oppo. Oppo Find X3 Neo 5G conferma il buon impegno in questi anni della casa cinese sul fronte fotografico. Soprattutto perchè il comparto multimediale è in parte ripreso dal top di gamma, il Find X3 Pro. Parliamo nello specifico del sensore posteriore principale da 50 Mpx, il Sony IMX766 con apertura f/1.8. La camera principale riesce a catturare scatti di qualità di giorno, con un bilanciamento del bianco corretto e con tanti dettagli. Ma il sensore stupisce anche di notte, grazie all’algoritmo ottimizzato della “Modalità Notte” che realizza scatti precisi e dettagliati, anche con la camera grandangolare.

Il sensore Wide è da 16 Mpx e non delude mai, nemmeno in condizioni difficili. Chiudono il comparto fotografico posteriore una camera zoom 3x, che consente di avvicinare i soggetti senza artefatti e carenza di dettagli e un obiettivo macro da 2 Mpx.

Oppo riempie di funzioni i propri dispositivi, soprattutto quelli di fascia più alta. Riguardo al comparto fotografico, non brilla soltanto la Modalità Ritratto, che funziona con uno scontorno credibile solo quando si inquadrano i volti, ma non usa la camera zoom, bensì il sensore principale, rendendo lo scatto poco professionale, poco effetto reflex.

Davvero incredibile la stabilizzazione video. Oppo è una delle aziende più all’avanguardia in merito allo sviluppo di tecnologie video che stabilizzino in maniera ottimale le camere dello smartphone. C’è la ripresa video fino al 4K a 60 fps; manca il video in 8K, ma i risultati che si ottengono grazie all’ OIS + EIS e al dettaglio video non fanno rimpiangere risoluzioni maggiori.

Non è possibile nemmeno criticare l’impianto audio, costituito da due speaker che regalano all’utente un suono stereo avvolgente, grazie anche all’equalizzazione Dolby Atmos.

Conclusioni Oppo Find X3 Neo 5G

Consigliare l’acquisto dell’Oppo Find X3 Neo 5G risulta assolutamente naturale. Apprezzo l’impegno che l’azienda sta mettendo continuamente per migliorare i propri prodotti e per innovare, partendo dai settori in cui è particolarmente forte. Inoltre, rispetto al modello dello scorso anno, i miglioramenti sono consistenti e ora il device medio – alto di gamma può tranquillamente fare concorrenza a tutti, soprattutto ai top di gamma dello scorso anno, con i quali condivide la piattaforma hardware, che sono scesi fisiologicamente di prezzo.

venduto da 
€ 699.9
€ 799.99  [-13%]

Disponibile a 799 euro di listino (si trova già ad un centinaio di euro in meno street price), Il Find X3 Neo 5G garantisce ottima affidabilità, grazie ad un software supportato e ben funzionante, ad un’esperienza di utilizzo appagante e all’hardware potente. Il dispositivo è dotato di un modulo fotografico curato, di un sensore di impronte digitali ben funzionante e di un feedback della vibrazione deciso e curato nei minimi dettagli.

Le alternative non mancano, ma il nuovo Find X3 Neo 5G si difende bene e ora può risultare una scelta opportuna, anche rispetto ai prodotti più performanti di qualche mese fa che, sebbene possano offrire un sistema di ricarica wireless, hanno già del tempo alle spalle e, dunque, ormai un ciclo di vita più breve del fresco e giovane Oppo Find X3 Neo 5G.

Prestiamo attenzione ad Oppo, perchè l’azienda ha tanto da dire!

Oppo Find X3 Neo 5G

Scheda tecnica

  • Display:6.55
  • CPU:Snapdragon 865 Qualcomm SDM865 1x 2.84 GHz Kryo 585 + 3x 2.42 GHz Kryo 585 + 4x 1.80 GHz Kryo 585
  • RAM:12 GB
  • Memoria Interna:256 GB
  • Fotocamera:Mp
  • Sistema Operativo:Android 11 ColorOS 11.2
OPPO Find X3 Neo Smartphone 5G, Qualcomm865, Display 6.55''FHD+AMOLED, 4 Fotocamere 50MP, RAM 12GB+ROM 256GB, 4500mAh, WiFi 6, Dual Sim, con cavo dati OPPO Tipo-C, [Versione Italiana], Starlight Black

Pro

  • Software
  • Prestazioni
  • Stabilizzazione video
  • Cura al posteriore

Contro

  • Autonomia
  • Mancanza Ricarica Wireless

I nostri voti

Design9
Display9
Audio7.5
Utilizzo8.5
Autonomia6.5
Fotocamera - Video9
Rapporto qualità - prezzo9
Voto finale8.4

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.