Introduzione

Abbiamo avuto modo di passare un po’ di tempo con il realme GT Neo 3T Dragon Ball Edition che dall’8 Luglio è possibile acquistare anche in Italia: un prodotto che sicuramente farà gola ai tantissimi appassionati dell’opera di Toriyama in tutto il mondo.

Queste edizioni limitate sono molto frequenti nel mercato Asiatico dove hanno una presa decisamente maggiore sul pubblico e per questo spesso non vengono neanche portate in Europa, ma Dragon Ball è senza dubbio un caso a parte vista la sua popolarità tra grandi e piccoli in tutto il mondo. Abbiamo infatti visto nel corso degli ultimi anni tante edizioni limitate dedicate a One Piece, Gundam, CyberPunk 2077 e anche il più recente realme gt neo 3 a tema Naruto.

Sotto questo aspetto Dragonball è senza dubbio una garanzia, un’opera oramai immortalata nel tempo e a cui tantissimi mangaka di oggi ancora prendono come riferimento per le proprie opere.

realme smartphone GT NEO 3T 5G 8+256 Dash Yellow EU

Oggi vogliamo partire a scoprire insieme questa bellissima edizione limitata del Realme Gt Neo 3T Dragon Ball edition partendo da una premessa: lo smartphone è in tutto e per tutto identico a livello hardware al GT Neo 3T “standard”: stesso display, stesso chipset, stesse specifiche tecniche e certificazioni e così via.

Le uniche differenze sono ovviamente l’estetica, con la bellissima back cover inspirata al mondo di Dragon Ball Z e alcune personalizzazioni software come gli sfondi e il pack di icone.

Nei mercati Asiatici potrete trovare anche la versione realme GT Neo 2 a tema DragonBall che sostanzialmente è lo stesso prodotto con gli stessi accessori e personalizzazione di questo modello. Non lasciatevi ingannare dal nome perchè il 99% del telefono è identico tra cui lo stesso SoC Snapdragon 870.

Tutto il resto è identico quindi l’analisi hardware riguarda tanto questa versione quanto il realme GT NEO 3T in versione standard. Iniziamo quindi a scoprire questa edizione dedicata a DragonBall cominciando dal contenuto della confezione.

Unboxing

Questo modello limitato di GT Neo 3T di realme si fa riconoscere sin da subito per via della sua confezione altamente personalizzata. Nello specifico questo smartphone è dedicato alla serie Dragon Ball Z e più nello specifico al suo protagonista – Goku.

Non lasciatevi infatti ingannare dal nome dello smartphone “GT” in quanto non vi è nessun richiamato alla serie DragonBall GT, infatti la stessa non è reputata canon e come sapranno bene i fan non è stata scritta dal creatore della serie Akira Toriyama.

Sulla superficie della confezione ( che è più grande della tipica confezione del realme gt 3t ) possiamo vedere tre versioni di Goku – adulto, super Saiyan e Super Saiyan 3. Particolare cura è stata posta nella confezione, infatti alcuni elementi della stampa sono leggermente in rilievo – come i capelli di Goku – e passandoci sopra con il dito potremo sentire l’effetto leggermente in rilievo.

Sui lati della confezione troviamo invece un dettaglio del radar per trovare le sfere del drago.

Già questo packaging basterebbe a mandare su di giri un fan di Dragonball, ma la parte più interessante è ovviamente all’interno dove realme ha deciso di inserire molti gadget e accessori a tema.

Appena aperta la confezione ci ritroveremo davanti un pacchetto che contiene i manuali e la cover dello smartphone con diverse scene tratte dalla saga. In particolare troveremo Goku SSJ3 e Kid Bu. All’interno di questo pacchetto, oltre alla manualistica, possiamo trovare una “carta da collezione” a tema realme x DragonBall che ritrae il drago Shenron oltre a 4 fogli di adesivi vari dedicati a Dragon Ball e a questa partnership.

Dentro la confezione troviamo anche una cover protettiva in TPU di colore nero. Ora, apprezzo il gesto di realme, ma è quasi inutile. Non fraintendetemi, è una cover “classica” e probabilmente protegge egregiamente il dispositivo, tuttavia mettere una cover nera su uno smartphone che si acquista principalmente per il suo design è come darsi la zappa sui piedi. Sarebbe stato meglio inserirne una trasparente per preservare – almeno in parte – l’estetica dello smartphone oppure sfruttare l’occasione per inserire una cover personalizzata a tema DragonBall.
Sotto questa piccola scatola di cartone troveremo poi il protagonista di questa recensione: il bellissimo realme gt neo 3T in edizione limitata DragonBall.

Questo smartphone ha un retro in vetro con una tinta arancione e blu che riprendono il tipico outfit di Goku. Una delle personalizzazioni più evidenti è il Kanji 悟 che significa Saggezza e che ricorderete per essere sempre presente sulla tuta di Goku. C’è poco da dire: l’effetto finale è bellissimo, richiama appieno lo stile di DragonBall senza risultare eccessivo o fuori luogo, inoltre questa accoppiata di blu e arancione è una combinazione decisamente atipica per uno smartphone e non passerà di certo inosservato.

Infine troviamo il caricabatteria da muro e il cavetto di ricarica super rapida DART da 80w che può ricaricare il 50% della batteria in circa 12 minuti. Questi due non sono personalizzati come gli altri elementi ( peccato! ) mentre l’ultima chicca che troveremo è lo spillo per la rimozione del vano sim-CARD che è personalizzato con il logo di DBZ e dall’altro lato con la sfera del drago a 4 stelle.

Specifiche tecniche

  • Display: AMOLED da 6,62″ FHD+, refresh rate fino a 120 Hz (30/60/90/120 Hz) HDR10+, 1.300 nit di luminosità massima, 100% di copertura dello spazio colore DCI-P3, protezione in Gorilla Glass 5
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 870, octa core a 7 nm da 3,2 GHz con raffreddamento a camera di vapore
  • Memoria: 8 GB di RAM LPDDR5 e 128 o 256 GB di archiviazione UFS 3.1
  • Fotocamere:
    • anteriore: 16 MP
    • posteriori:
      • 64 MP f/1.79 principale
      • 8 MP f/2.2 ultrawide
      • 2 MP f/2.4 macro
  • Sblocco e sicurezza: lettore impronte digitali in display
  • Connettività: 5G, Dual SIM, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.2, GPS, Glonass, Qzss, Galileo, NFC, USB-C
  • Interfaccia utente: Realme UI 3.0 su base Android 12
  • Audio: stereo
  • batteria: 5.000 mAh
    • ricarica rapida: SuperDart da 80 watt, 50% in 12 minuti
  • dimensioni: 162,9 × 75,8 × 8,65 mm, peso di 194,5 grammi
  • colorazioni: Dash Yellow, Drifting White, Shade Black. Cover a tema DragonBall per questa Limited Edition.

Design e Materiali

Sono spesso scettico riguardo le limited edition dei brand di telefonia, perchè spesso si tratta solamente di una nuova estetica ad un prodotto già esistente accompagnato da alcuni gadget a tema e che a volte non è neanche molto performante lato hardware. Fortunatamente questo realme GT Neo 3T DBZ Edition esce fuori da questi schemi portando uno smartphone che incarna appieno lo stile di DBZ senza risultare eccessivamente kitsch e mantenendo un buon rapporto qualità prezzo come vedremo in seguito.

Come abbiamo visto nell’unboxing lo smartphone è fondamentalmente un realme GT Neo 3T con una nuova tinta che richiama la tipica tuta d’addestramento di Goku in DragonBall. Non vi sono elementi “aggiunti” e “unici” a livello hardware come nel caso di One Plus 8T in edizione CyberPunk 2077 che aveva un design personalizzato per l’occasione.

Poco male, visto che lo smartphone è compatto e ben maneggevole, con linee snelle e un altezza di circa 8,6mm.

Sul retro troviamo l’isola per la fotocamera con il sensore principale da 64Mpx, il doppio flash led e il Kanji appartenente a Goku che campeggia nella parte in alto a destra del retro. Il lato frontale presenta invece un display piatto, con fotocamera punch hole posizionata in alto a sinistra.

Il lato destro presenta solamente il tasto di accensione ( in tinta aranciione per richiamare il retro dello smartphone).

Nella parte inferiore troviamo invece l’ingresso USB Type C, la griglia per l’altoparlante e un microfono ambientale.

Nel lato sinistro troviamo infine il bilanciere per il volume e lo slot per la sim card.

Hardware

Per quanto riguarda l’hardware ci troviamo di fronte alla medesima scheda tecnica del realme GT NEO 3T e questa include un SoC Snapdragon 870, 12GB di memoria RAM, 256GB di storage interno, speaker stereo e una batteria da 5.000mAh.

Il display è invece un AMOLED con refresh rate a 120Hz per un’esperienza d’uso più fluida anche durante la navigazione dell’interfaccia utente.

Questa dotazione hardware colloca il realme GT Neo 3T nella fascia medio/alta e, nonostante il chipset Snapdragon 870 non sia tra i più recenti del mercato è in grado di offrire ottime performance, consumi sotto controllo e la possibilità di utilizzare lo smartphone anche per il gaming a buona qualità di dettagli. Purtroppo non ha il rating IP per la resistenza a acqua e polvere.

Nonostante non sia un top gamma il chipset Snapdragon 870 è un’ottimo fascia media e fondamentalmente è una versione overclocckata dello Snapdragon 865 ( il flagship del 2020 ) e per i fanatici dei numeri possiamo dire che ha ottenuto circa 998 punti su Geekbench 5 e 993 in single-core. Si tratta quindi di buoni risultati soprattutto in single core e sono migliori anche di prodotti come il Dimensity 1300 utilizzato su smartphone della stessa fascia di prezzo.

Grazie alla camera a vapore di realme che tiene sotto controllo le temperature, questo smartphone non disdegna anche sessioni di gaming, ad esempio siamo riusciti a giocare a Genshin Impact a 60fps con buoni risultati e anche a CoD Warzone con prestazioni sopra la media. La generosa dotazioni di RAM, insieme al display a 120Hz contribuiscono poi ad un’esperienza utente fluida e piacevole.

Display

Lo smartphone è dotato di un display da 6,62 pollici AMOLED con risoluzione FHD+ e un refresh rate massimo di 120Hz. Questo è sicuramente un punto a suo favore visto che smartphone analoghi come OnePlus Nord 2T e lo stesso realme 9 Pro+ non arrivano a questo refresh rate.

La luminosità massima dichiarata da realme è di 1300nits e questo lo rende ben leggibile anche sotto la luce del sole e abbastanza per fruire dei contenuti HDR.

Per quanto riguarda la calibrazione dei colori ho trovato il preset Naturale del display il più realistico in termini di resa cromatica. Non è tra i migliori AMOLED che ho avuto modo di provare ma è comunque un’opzione più che valida per uno smartphone da 400€ nella sua versione standard ( 500€ per questa edizione a tema DragonBall ).

C’è il sensore di impronte digitali e fortunatamente è collocato sotto al display: un posizionamento che a mio avviso dovrebbero avere tutti gli smartphone ad oggi in quanto più facile da utilizzare rispetto ai sensori laterali o posteriori. Lo sblocco è veloce e preciso, non ho mai problemi durante il test.

Il display in condizioni di luce solare diretta

Un plauso va poi a realme per aver messo due speaker stereo per l’audio, sempre rari sulla stragrande maggioranza di smartphone, anche di fascia alta a volte. L’audio, come sempre succede su questi setup, è più forte dallo speaker inferiore rispetto a quello superiore posizionato nella capsula. Non vi è jack audio da 3,5″ come invece troviamo su realme 9 Pro+.

Utilizzo e Software

Arriviamo ora all’altra parte interessante di questo smartphone in edizione limitata DragonBall, infatti oltre alla bellisima cover a tema troviamo anche alcune personalizzazioni software dedicate all’opera di Toriyama e che si integrano con la realme UI del sistema. Prima di andare a vedere come si comporta a livello software parliamo delle personalizzazioni di questa edizione che comprendono sfondi, icone e altri dettagli a tema DragonBall.

Personalizzazioni DragonBall Edition

Appena avvieremo lo smartphone vedremo comparire il logo di boot di realme. Un peccato visto che si sarebbe potuta sfruttare l’occasione per inserire una custom boot animation a tema.

Arrivati sul drawer potremo vedere già da subitole principali personalizzazioni del sistema che comprendono sfondi e un set di icone personalizzato a tema DragonBall.

Il set di icone è a base arancione e richiama con uno stile cartoon vari elementi iconici visti nella serie di DragonBall. Le icone sono ben fatte si integrano bene con lo spirito dello smartphone e per le app di terze parti viene applicato un bordo arancione.

Altra nota dolente per gli sfondi invece: sono solamente 3 preinstallati e sono tutti Goku-centrici. Sarà oramai chiaro che lo smartphone gira tutto intorno al protagonista nella serie Z. Oltre ad essere pochi, gli sfondi sono statici: un vero peccato visto che degli sfondi animati avrebbero reso lo smartphone più “a tema” e sicuramente avrebbe valorizzato di più questa bella edizione. Poco male, visto che ci vorranno pochi minuti per scaricare altri sfondi a tema DragonBall in base al nostro gusto.

Qui sotto gli sfondi disponibili:

Oltre agli sfondi e alle icone troveremo poi altre piccole chicche che richiamano il mondo di Dragon Ball. Ad esempio durante la ricarica avremo un’animazione personalizzata per segnalare la batteria, inoltre anche la Modalità GT avrà un’animazione personalizzata quando la attiveremo.

Il resto del sistema operativo è basato sul classico realme GT NEO 3T con la sua realme UI 3.0.

Realme UI 3.0 e Android 12

Tralasciando le personalizzazioni a tema DragonBall al suo interno anche il software è in tutto e per tutto basato sul realme 3T “classico” e al momento della prova abbiamo la realme UI 3.0 con Android 12 con tanto di Google Feed con lo scroll a destra dal drawer.

Ci sono alcune app preinstallate nel sistema come TikTok, LinkedIn, Booking, Amazon Shopping. In ogni caso niente che non posso essere rimosso dal sistema. Il sistema è piuttosto snello e ricorda molto l’esperienza stock di Android – e per me questo è un bene.

Le opzioni e le personalizzazioni sono molte e le abbiamo già viste in dettaglio nelle recenti recensioni di smartphone dell’azienda come realme 9 5G. Troviamo anche le impostazioni di realme Labs per attivare alcune funzionalità sperimentali come la possibilità di collegare contemporaneamente un paio di cuffie da 3,5″ e delle cuffie bluetooth. Peccato solo che realme neo 3T non ha il jack audio da 3,5″.

Realme poi garantisce 2 anni di aggiornamenti Android e 3 anni di aggiornamenti alla realme UI.

Nel complesso la realme UI ci piace molto, sopra tutto con gli ultimi aggiornamenti che l’hanno resa più consistente e organizzato alcuni elementi del menù che erano confusionari.

Fotocamera

Abbiamo già parlato delle similitudini con realme GT Neo 2 e queste si espandono anche al sistema fotocamere che è praticamente identico con un sensore principale da 64Mpx, un ultrawide da 8Mpx e un macro da 2Mpx.

La qualità complessiva è inferiore a quella del Gt Neo 3 e dei suoi sensori Sony IMX766, ciò nonostante ha saputo regalarci buoni scatti soprattutto di giorno.

[Galleria fotografica in aggiornamento ,per i sample HI-res potete chiederceli nei commenti ]

In buone condizioni di luce il sensore principale è infatti in grado di risaltare bene le scene, con colori vibranti e tonalità accurate. Attivando l’assistente AI la luminosità e il contrasto dell’immagine migliora sensibilmente anche se in alcuni casi l’ho trovata troppo aggressiva, con i colori accesi ( come il rosso e verde ) anche troppo saturi.

Non c’è sensore periscopico quindi lo zoom digitali è fondamentalmente un crop del sensore principale. Buono in 2X ma oltre si iniziano a perdere dettagli.

Quando cala la sera dovremo affidarci alla modalità notte per cercare di trarre il meglio dalle scarse condizioni di luce. Questa – a fronte di un’esposizione più lunga di circa 2/3 secondi – può regalare foto più luminose anche se i bordi e i dettagli inizieranno a perdere definizione non appena si inizia a zoomare.

La fotocamera ultrawide da 8Mpx ha una buon apertura ma il sensore con meno megapixel si traduce anche in foto con meno fedeltà di colori e dettagli.

Il sensore Macro da 2Mpx non regala grandi soddisfazioni come era facile aspettarsi da questo sensore anche se insistendo si possono ottenere discreti risultati. Abbiamo anche la modalità Ultra Macro nella fotocamera ma mi aspettavo qualcosa di più in termini di dettagli in quanto risultano molto “morbide” e con bordi non ben marcati.

La fotocamera frontale fa il suo lavoro discretamente, è buona per videochiamate e qualche selfie sporadico ma non è certo il fulcro di questo setup fotografico.

Nel complesso il sistema di fotocamere è in linea con la fascia di mercato anche se non è il focus di questo smartphone e quello che spicca è principalmente il sensore da 64Mpx. Buono per qualche foto on-the-go soprattutto in condizioni di buona luce ma non pretendete di chiedere troppo a questi sensori.

Autonomia e Ricarica

realme ha lavorato molto sodo sulle batterie e in particolare sul sistema di ricarica veloce che ad oggi è tra i più performanti e affidabili del mercato.

La batteria è da 5.000mAh ed è sufficiente per chiudere una giornata con un utilizzo moderato ( 4 ore di display acceso ) tra social, fotocamera, streaming video e qualche gioco sporadico.

In ogni caso se la batteria dovesse terminare prima della fine della giornata arriva in nostro soccorso il caricatore da 80W che permette di ricaricare oltre il 50% della batteria in appena 15 minuti. Basterà quindi il tempo di una pausa caffè per avere quell’autonomia in più non rimanere a secco.

Conclusioni

Di tanto in tanto si vedono produttori di smartphone abbracciare qualche icona degli anime, manga o videogiochi e proporci delle limited edition di dedicate ai protagonisti di queste avventure.

Questa usanza è principalmente in voga nel mercato Asiatico e spesso questi prodotti non arrivano ma ufficialmente fuori da quei territori ma nel caso di Dragon Ball era lecito aspettarsi un’eccezione. realme ha infatti portato in Italia questo smartphone a 499€ attraverso il suo store ufficiale su eBay.

Personalmente non ho mai apprezzato troppo queste edizioni soprattutto per il fatto che spesso si tratta di dispositivi di fascia medio/bassa ( soprattutto se prendiamo in esame gli smartphone a tema di 2-3 anni fa ) che sono più utili come oggetto da collezione che come smartphone quotidiano.

DragonBall tuttavia è un’icona intramontabile della cultura pop e Goku è praticamente conosciuto da tutti, piccoli e adulti, in quanto l’opera di Akira Toriyama è senza dubbio nell’olimpo delle serie più seguite insieme a Naruto e One Piece. A proposito, vi ho detto che esiste una versione di realme inspirata proprio a Naruto? A questo punto aspetto con ansia quella dedicata a One Piece.

Ciò nonostante devo dire che questa Limited Edition dedicata a DragonBall presenta diversi aspetti che faranno felici i fan e non della serie. Mi sono divertito a fare l’unboxing di questo smartphone: già la confezione era ricca di minuziosi dettagli e al suo interno troviamo molti accessori a tema come gli sticker e la spilla personalizzata per togliere il vano sim.

La back-cover che si estende ai lati è poi bellissima: non è pacchiana e il contrasto di colori arancione/blu è sicuramente una tinta unica per uno smartphone e per chi conosce il manga di DB è subito riconoscibile ed è senza dubbio il vero cavallo di battagli di questo smartphone. Le personalizzazioni software sono carine e a tema anche se secondo me si sarebbe potuto fare di più ad esempio con temi animati e con una boot animation dedicata. Insomma, realme ha optato per una personalizzazione marcata ma senza creare un prodotto unico come nel caso nel One Plus 8T dedicato a CyberPunk.

Sostanzialmente è un realme GT Neo 3T con una cover personalizzata e alcune personalizzazioni software, tuttavia da fan di Dragon Ball sono stato contento del risultato finale – così come ha attirato la curiosità e l’invidia delle altre persone a cui lo ho mostrato.

Parliamo ora del realme GT Neo 3T a livello hardware, tralasciando le personalizzazioni a tema DragonBall. Lo smartphone infatti è al 100% un realme GT NEO 3T a livello hardware e nel complesso è un buon fascia media, con un buon processore collaudato ( snap 870 ) e con una buona dotazione RAM: 8GB espandibili virtualmente di 1/3/5GB.

Il sistema è fluido anche complice il display a 120Hz che non sempre si trova in questa fascia di prezzo, un’ottima autonomia con ricarica rapida a 80W e un sistema fotocamere che non spicca nel complesso ma che è in grado di regalare buoni scatti in condizione di buona luce.

Realme GT NEO 3T DragonBall Edition è senza subbio una collaborazione ben riuscita tra realme e DragonBall e che farà felici i tanti fan. Lo smartphone è bello e ben curato ed è anche un buon compagno di fascia media per la vita di tutti i giorni.

Attualmente viene venduto a circa 500€ sullo store ufficiale eBay di realme, un prezzo tutto sommato in linea con la limited edition proposta e che in proporzione viene a costare 100€ in più rispetto al realme GT NEO 3T “classico”.

[ebay id=”394158094249″ ]pagina eBay di realme Italia[/ebay].

Quindi se siete fan di DragonBall e per voi i 100€ giustificano questa limited edition con le sue personalizzazioni hardware e software allora potete correre a comprarne un pezzo sulla

Se invece non vi hanno convinto le personalizzazioni a tema DragonBall ma vi ha convinto lo smartphone allora potete optare per l’ottimo realme GT NEO 3T in versione “liscia” che viene proposto sui 399€ di listino, anche se si vedono già offerte e street price che ne abbassano leggermente il prezzo.

realme smartphone GT NEO 3T 5G 8+256 Dash Yellow EU

Detto questo speriamo che realme continui a proporre queste edizioni limitate che sanno sicuramente ingolosire i fan più incalliti della cultura pop/nerd degli ultimi anni.

Offerte

GOGME Cover per Realme GT Neo 3T 5G/Realme GT 2 5G/Realme GT Neo 2 Cover, Custodia per Telefono in Pelle Retro Ultra Sottile Cassa Morbido TPU Silicone Case, Antiurto AntiGraffio Cover, Giallo
realme smartphone GT NEO 3T 5G 8+256 Dash Yellow EU

[ebay id=”394158094249″ ]pagina eBay di realme Italia[/ebay].

Galleria Fotografica

I nostri voti

Design e Materiali9
Display e Audio8
Hardware 7.5
Software e utilizzo7.5
Fotocamere6.5
Autonomia8
Rapporto qualità prezzo8
Voto finale7.8

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Co-fondatore e amministratore di Techzilla. Adora le nuove tecnologie e si occupa principalmente dell'amministrazione, del settore marketing e dell'aspetto grafico del sito.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.