L’attuale CEO di RIM Thorsten Heins ha dovuto prendere alcune decisioni difficili nei primi mesi del suo mandato, l’ultima riguarda il difficile taglio di circa 2000 dipendenti entro le prossime due settimane, per far fronte alle forti perdite dell’azienda. La notizia proviene dalla testata canadese, The Globe and Mail  che riporta che RIM, azienda canadese produttrice dei Blackberry, taglierà “almeno” 2.000 posti di lavoro entro il 1 ° giugno.

I numeri potrebbero quindi essere persino maggiori: Reuters infatti parla di ben 6.000 licenziamenti. RIM ha preferito non commentare quelle che definisce “voci e speculazioni”, e speriamo che si rivelino veramente tali. E’ probabile però che i licenziamenti ci saranno, visto che RIM deve ormai adattarsi alla contrazione del mercato dei BlackBerry, stretti in una morsa tra gli iPhone di Apple e Android di Google. RIM punta tutto su Blackberry 10, che secondo Heins riporterà l’azienda agli antichi splendori.


Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: