Già dal 2014 abbiamo visto diverse aziende riportare in auge il sensore di impronte digitali come livello di sicurezza aggiuntivo sui nostri dispositivi mobile. Ad oggi moltissime aziende adottano questa tecnologia sui propri dispositivi a cominciare da Apple, Samsung, Huawei, HTC e molte altre.

Per quanto riguarda Samsung, l’introduzione del sensore di impronte digitali è avvenuto nel 2014 con il Galaxy S5 che poi è+ stato successivamente adottato da dispositivi come il Galaxy S5 Mini, il Galaxy Alpha, il Galaxy Tab S, il Note 4 e il Note Edge.

Insieme a quella di Apple, l’integrazione di Samsung per il lettore di impronte digitali era forse una delle più precise e complete a livello software infatti oltre a sbloccare il dispositivo senza l’utilizo del codice di sblocco, il lettore di impronte permette di eseguire anche altre azioni come pagamenti online o acuisti di app. Il problemacon il sensore Samsung è tuttavia riscontrabile nel fatto che l’azienda ha posizionato il lettore nel pulsante Home e la poca superficie di questo poteva causare errori di lettura della nostra impronta. Questo a meno che l’utente non registri la propria impronta da diverse angolature, ma è un’operazione che in pochi conoscono visto anche lo scarso tutorial proposto da Samsung durante la configurazione.

Tuttavia stando ad alcune fonti di Sammobile sembra che il nuovo Galaxy S6 possa portare una ventata di aria fresca anche in questo senso infatti il nuovo Galaxy S6 potrebbe optare per un lettore di impronte “touch”, quindi a contatto, senza la necessità di far passare il dito sopra il lettore. In modo analogo a quanto utilizzato da Apple e Huawei, potremo utilizzare l’intero dito invece che passarlo sopra il sensore.

IL nuovo sensore sarà integrato sempre nel tasto Home come il suo predecessore, tuttavia il pulsante è ora leggermente più grande rispetto a quello che troviamo su S5 o Note 4 e questo dovrebbe rendere l’esperienza più facile ed immediata. Non avremo più bisogno di strusciare il dito sul tasto home ma basterà appoggiarlo.Samsung sta inoltre pensando a nuovi modi per sfruttare il sensore e tra questi ci sono:

Fingerprint Unlock: Verifica l’identità dell’utente e sblocca il dispositivo
Web sign-in: Facciamo il login nei siti web con il dito
• Verify Samsung Account: Verifica l’identità del Samsung Account, anche per acquisti
• Private Mode: Permette di utilizzare l’impronta per sbloccare la modalità
• Pay with PayPal: Pagamenti sicuri e veloci con Paypal grazie all’impronta del dito
Ricordiamo che il Samsung Galaxy S6 dovrebbe debuttare i primi di Marzo con display QHD, Snapdragon 810 ( e variante Exynos ), 3GB di RAM.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: