La scorsa settimana Samsung ha annunciato la sua prima linea di memory card UFS (Universal Flash Storage). Basate sullo standard UFS 1.0, le nuove schede di memoria presentate dal produttore coreano potrebbero – o meglio, dovrebbero, salvo contrattempi – succedere alle attuali schede microSD che tutti conoscono e utilizzano su un vastissimo numero di dispositivi elettronici. Le schede UFS sono molto, molto più veloci e performanti rispetto alle soluzioni basate sull’attuale tecnologia microSD, e costituiscono dunque il futuro dello storage mobile.

C’è tuttavia un piccolo, grande problema: le nuove schede UFS non sono compatibili con gli sloti microSD esistenti su prodotti quali gli smartphone, i tablet, le action cam, i Chromebook e via discorrendo. Ciò crea indubbiamente un ostacolo per l’adozione e la diffusione del nuovo standard. Ma Samsung sembrerebbe aver già pronta una soluzione.

UFS Samsung

La compagnia coreana ha progettato uno slot combo capace di supportare sia le schede microSD che le nuove memory card UFS. E non è tutto: Samsung starebbe già lavorando con “differenti partner industriali per l’integrazione dello standard UFS nei dispositivi di prossima generazione”.

Questo significa che quando gli utenti acquisteranno un dispositivo dotato di questo nuovo tipo di slot, potranno comodamente riutilizzare le vecchie schede microSD utilizzate nel loro precedente terminale, o “migrare” sulla nuova e più potente tecnologia UFS. C’è naturalmente il sospetto che Samsung abbia deciso di sfruttare il loro ultimo ritrovato tecnologico per promuovere l’ormai prossimo e attesissimo phablet Samsung Galaxy Note 7. Staremo a vedere.

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: