Quanti di voi conoscono Synaptics? Pochi, sicuramente. Probabilmente però, state utilizzando una loro tecnologia proprio in questo momento.

Sì, perché Synaptics è la società che sviluppa gli imput touch per milioni e milioni di trackpad di notebook e display di smartphone. Il colosso degli imput ha annunciato la produzione di massa del sensore di impronte digitali sotto al display.

Si chiamerà Clear ID e probabilmente sarà implementato su alcuni top gamma a partire dai primi mesi del 2018, già al Mobile World Congress sarà possibile vedere qualcosa del genere.

La posizione del sensore di impronte digitali è stato un trend di questo 2017 composto da tantissimi smartphone borderless che non sapevano dove piazzare il fingerprint. Due esempi su tutti:

  1. Samsung Galaxy S8, S8 Plus e Note 8: uno dei più grandi difetti dei nuovi Samsung è la posizione del sensore di impronte digitali. Posto di fianco alla fotocamera, con il nuovo form factor allungato, risulta scomodissimo.
  2. Apple iPhone X: con il cambio netto di design, Apple ha dovuto per forza di cose rimuovere il tasto home con fingerprint per far spazio al display borderless. Il sensore non è stato posizionato da nessuna parte ma sostituito dal Face ID.

L’annuncio da parte di Synaptics avrà delle grosse conseguenze per tutta l’industria. Si partirà con la diffusione prima sui top gamma, poi si passerà alla fascia media, poche le probabilità di vedere questa tecnologia sulla fascia bassa.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: