Il motore di ricerca Google è stato creato quando la maggior parte delle informazioni in rete era aperta e disponibile a chiunque. Nell’ambiente più restrittive del web moderno, Sergey Brin e Larry Page forse non ci avrebbero nemmeno provato.

“Il tipo di ambiente in cui abbiamo sviluppato Google, e il motivo per cui siamo stati in grado di sviluppare un motore di ricerca, è che il web era così aperto”, ha detto Brin al The Guardian . “Una volta che istituisci troppe regole, ecco che l’innovazione viene soffocata.”

In un’intervista pubblicata ieri, ile co-fondatore di Google ha citato una vasta gamma di attacchi all’ “Internet open”, inclusa la censura del governo e l’intercettazione dei dati, i tentativi troppo aggressivi per proteggere il copyright, e i nuovi portali di comunicazione che utilizzano Internet sotto un restrittivo controllo societario (leggasi Facebook e Apple).

Ci sono “forze molto potenti che si sono schierate contro internet aperta su tutti i lati e in tutto il mondo”, dice Brin. “Ho pensato che non ci fosse alcun modo di mettere il genio nella bottiglia, ma ora sembra che in alcune zone il genio sia stato rimesso nella bottiglia.” (“I thought there was no way to put the genie back in the bottle, but now it seems in certain areas the genie has been put back in the bottle.”)

Non a caso, queste forze incidono tutte e 3 pesantemente sul bilancio di Google degli ultimi anni. Non c’è modo per Google di scansionare le pagine di Facebook o le applicazioni dello smartphone di Apple.

Inoltre servizi come YouTube e Google Books hanno dovuto affrontare in tribunale le industrie dei media e normative statali. Infine Google ha dovuto ritirarsi dal mercato cinese dopo una serie di attacchi e nuove regole di censura e anche su territorio statunitense il gigante della ricerca è stata costretta a consegnare le informazioni degli utenti al governo degli Stati Uniti, a volte senza essere in grado di notificare legalmente gli utenti.

“Se riuscissimo ad avere una qualche giurisdizione magica di cui tutti nel mondo si possano fidare, sarebbe grandioso,” ha detto Brin.


Partecipa alla discussione