Alcuni telefoni economici venduti nei paesi in via di sviluppo contengono app preinstallate che raccolgono segretamente i dati degli utenti, secondo il Wall Street Journal .

Il principale indiziato nell’articolo è un’applicazione che invia dati a una società pubblicitaria di Taipei chiamata GMobi. L’azienda raccoglie questi dati per indirizzare gli utenti agli annunci. L’app è stata trovata sugli smartphone venduti dall’OEM Singtech di Singapore, in Myanmar, Cambogia. L’app è stata avvistata anche su dispositivi venduti in Brasile, India e Cina.

Upstream Systems, una società di pubblicità e marketing mobile citata da The Wall Street Journal , ha affermato che, durante i test, l’app GMobi ha inviato numeri IMEI, indirizzi MAC e, in alcuni casi, dati di localizzazione ai server di Singapore.

Secondo il suo sito web, GMobi serve oltre 100 OEM e supporta 2.000 dispositivi Android con oltre 150 milioni di utenti. Il CEO di GMobi Paul Wu ha dichiarato al Wall Street Journal che gli OEM hanno permesso a GMobi di installare la sua app sui telefoni in modo che potesse inviare aggiornamenti software gratuiti agli utenti. Ha negato che la sua azienda violi le leggi sulla raccolta dei dati.

Secondo il Wall Street Journal:

La taiwanese GMobi, con quartier generale a Shangai, avrebbe dichiarato di utilizzare i dati per mostrare agli utenti annunci pubblicitari mirati sui dispositivi mobili. In alcune occasioni avrebbero anche condiviso i dati con i produttori di smartphone stessi per aiutarli a comprendere le abitudini di utilizzo dei propri consumatori.

Sempre nel report diffuso dal WSJ si legge:

Molte applicazioni che utilizziamo quotidianamente sul nostro smartphone raccolgono informazioni come i contatti o la posizione ma gli utenti sono consapevoli di questo perchè sono chiamati ad accettare queste condizioni al momento dell’installazione, oltre a poter disinstallare l’applicazione in ogni momento. Il software GMobi giunge invece pre-installato al momento dell’acquisto e non può essere rimosso se non con una procedura molto elaborata

GMobi elenca decine di produttori di smartphone come partner sul proprio sito Web, tra cui Huawei, Xiaomi e BLU. Tutte e tre le aziende hanno negato di aver mai lavorato con GMobi.

Il modo in cui le aziende raccolgono e utilizzano i dati degli utenti è stato un grosso problema negli ultimi mesi, con le pratiche di Facebook investigate negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nell’UE. Proprio all’inizio di questa settimana, sono emerse polemiche intorno alla pratica di Google di fornire a terze parti l’accesso ai contenuti di posta elettronica .

Cambridge Analytica: dov'è finita la nostra privacy?
Facebook è al centro di nuove accuse sulla gestione dei dati sensibili.

Mentre gli utenti nel mondo occidentale, e in particolare l’UE, godono di un minimo di protezione legale, le persone nei paesi in via di sviluppo sono gli obiettivi principali per i raccoglitori di dati a causa della scarsa protezione della privacy in molti paesi.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: