In un mondo ormai dominato da monsterphone quad-core (o addirittura Octa-core!), con specifiche tecniche che li fanno sembrare più dei computer che dei “semplici” smartphone, Sony presenta uno smartphone dalla scheda tecnica non entusiasmante rispetto ai top di gamma del momento, ma che ha tutte le funzioni e tutte le qualità per imporsi anche contro avversari ben più pompati. Sony Xperia SP è uno smartphone dal prezzo di circa 395€.

IMG_1522

Per presentare Sony Xperia SP ci affidiamo alla scheda tecnica completa che comprende:

  • Supporto reti: 3G 42Mbps HSDPA e 5.8 Mbps HSUPA; 100Mbps LTE
  • Schermo da 4.6″ a 16M di colori con risoluzione 720p TFT con tecnologia BRAVIA Engine 2 e Corning Gorilla Glass
  • Sistema operativo Android 4.1.2 Jelly Bean
  • Processore Dual-core da 1.7 GHz Krait, 1 GB RAM, GPU Adreno 320; Chipset Qualcomm S4 Pro MSM8960T
  • Fotocamera da 8 MP con autofocus e flash LED capace di registrare video 1080p @ 30fps anche in HDR, con fuoco continuo e audio stereo
  • Fotocamera frontale VGA
  • Wi-Fi a/b/g/n, Wi-Fi Direct e DLNA
  • GPS con A-GPS, GLONASS
  • Memoria da 8GB espandibile con microSD
  • Porta MicroUSB che supporta l’MHL
  • Bluetooth v4.0
  • NFC
  • Ingresso jack da 3.5 mm
  • Batteria da 2370 mAh
  • Tasto dedicato per la fotocamera

Dopo questa dovuta introduzione con la scheda tecnica è il momento di giudicare sul campo questo nuovo Xperia sfornato da Sony. GSMArena lo ha giudicato con un “SPlendid“, io riprendo il loro gioco di parole e lo giudico come uno “SPettacolo“. Perché devo ammettere che questo smartphone, che subito colpisce per il design ormai conosciuto degli Xperia, col passare del tempo lo si riesce ad apprezzare sempre di più, scoprendone chicche e imparando ad utilizzarlo in tutte le nostre azioni quotidiane.

IMG_1552

MATERIALI, COSTRUZIONE E DESIGN

L’Xperia SP, appena preso in mano, comunica due sensazioni: dimensioni che rasentano la perfezione e un peso forse un po’ eccessivo, al quale però ci si abitua in fretta. Il design Xperia ci piace sempre molto, salvo alcune eccezioni (qualcuno ha detto Xperia J?), la barra trasparente inferiore è una chicca di design che si sposa bene con questo dispositivo e fa strabuzzare gli occhi degli amici più curiosi. Il tasto di accensione è davvero ben fatto, spicca tra i pulsanti laterali, nella posizione giusta e dalla facile pressione. Presente anche un tasto dedicato per la fotocamera, utile ma non troppo in quanto il secondo clic, dopo la prima messa a fuoco, è un po’ troppo “difficile”, col rischio di avere una foto leggermente mossa. Design pulito, materiali non di prim’ordine ma ben assemblati, per un telefono senza fronzoli ma con tanta sostanza. Ci piace.

IMG_1537

HARDWARE

L’hardware di questo Xperia SP sembra quasi farsi beffe di noi: è capitato di dimenticarsi di avere a che fare con un dual-core e pensare di avere tra le mani un quad-core. Questo a dimostrazione di quanto sia poco influente la scheda tecnica se l’ottimizzazione software risulta impeccabile. Il processore dual-core da 1.7 GHz di questo smartphone ci da ottime sensazioni, non si scompone mai, non scalda particolarmente anche se stressato con giochi pesanti, e riesce a far girare il software in maniera sempre impeccabile. Anche la RAM da 1GB si comporta bene, anche se qualche volta, stressandolo a fondo, abbiamo avuto qualche (velocissimo) ricaricamento della home. Niente di trascendentale.

207177_10200946607978013_92827623_n

Anche nei benchmark questo telefono fa la voce grossa, con risultati esagerati che superano quelli di Nexus 4 e Galaxy S3. Stupore garantito.

IMG_1526

SOFTWARE

Questo nuovo dispositivo marchiato Sony monta la versione 4.1.2 di Android Jelly Bean, con la ormai conosciuta interfaccia Timescape distintiva degli smarphone Xperia. Come dicevamo, questo dispositivo non soffre situazione alcuna, dai giochi all’apertura di un ingente numero di applicazioni, il sistema operativo risulta sempre scattante, fluido e molto gradevole. Non ci fa impazzire a livello estetico (in questo Xperia dovrebbe forse puntare su qualcosa di nuovo) in quanto le icone sono un po’ giocattolose e non si sposano perfettamente col design minimal del telefono. Apprezzatissime le chicche come le Small Apps, richiamabili dal pulsante multitasking, i toggle che non fanno mai male (anche se avrebbero potuto essere di più), e i software dedicati per foto, video e musica. Da segnalare: la presenza della modalità car già preinstallata, molto utile alla guida, della radio FM e del software TrackID per riconoscere i titoli delle canzoni che ascoltiamo.

IMG_1532

NAVIGAZIONE INTERNET

Sony sta facendo davvero un ottimo lavoro di ottimizzazione sui suoi terminali, e questo Xperia SP potrebbe facilmente diventare il fiore all’occhiello di tale impegno: lo smartphone, anche e soprattutto nella navigazione su internet, non si è mai scomposto, non ha mai rallentato o mostrato lag di nessun tipo (nonostante si navighi con Chrome for Android, ndr.), sia in modalità mobile che in modalità desktop, riuscendo a dimostrarsi più veloce dei più acclamati Galaxy S3 e iPhone5. Veramente una bellissima sorpresa quella di Sony.

IMG_1544

MULTIMEDIALITA’

Xperia SP è un terminale a tutto tondo, e anche la parte multimediale è stata molto ben curata: la fotocamera ci da’ buone sensazioni, soprattutto nelle macro dove da’ forse il meglio di sé. Le immagini panoramiche a volte mancano di alcuni piccoli dettagli per una stabilizzazione dell’immagine forse non ottimizzata come tutto il resto del device, ma ci sentiamo di dire che sono veramente inezie: i colori delle foto sono belli, vivi, fedeli. I video escono molto bene, anche in 1080p, e l’audio è nitidissimo. Parte audio invece che non ha bisogno di considerazioni, basta solo dire che è Walkman.

PRO SONY XPERIA SP

  • Design curato
  • Barra trasparente con led di notifica integrato che fa sempre scena
  • Ottimizzazione software
  • LTE

CONTRO SONY XPERIA SP

  • Batteria che ci porta fino a cena, ma da una 2370mah ci aspettavamo di più.
  • Peso eccessivo 155g
  • Fotocamera frontale veramente scarsa

IMG_1536

CONSIDERAZIONI FINALI

Sony ci sta davvero prendendo gusto, e ogni nuovo dispositivo ha un suo perché e un suo punto forte. Personalmente, prima di utilizzarlo quotidianamente, pensavo si trattasse della batteria (da 2370mah) che però si è dimostrata essere solo “normale”, portandomi a sera con uso intenso. Utilizzandolo, però, ho notato che questo è un terminale a tutto tondo. La scheda tecnica può non entusiasmare, ma il suo utilizzo lo farà di sicuro. E’ un telefono che fa tutto, che lo fa bene, a cui forse manca solo qualcosa che lo elevi a super-phone. Se solo la batteria fosse stata ottimizzata meglio, forse saremmo a parlare del dispositivo più azzeccato da tempo..

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: