Gli ultimi due mesi dell’anno sono stati davvero molto fruttuosi per Spotify: il celebre servizio di streaming musicale da “bollino verde”. Infatti, secondo le ultime indagini, la società svedese avrebbe raggiunto a gennaio 2015 la cifra di ben 60 milioni di utenti (a fine ottobre 2014 se ne contavano giusto 50 milioni!). Ma le ottime notizie non sono finite qui per Spotify.

E alla faccia della crisi, il servizio ha visto lievitare tantissimo anche il numero dei abbonamenti premium: ad oggi si contano circa 15 milioni di utenti paganti (+2,5 milioni di utenti rispetto allo scorso bimestre).

I Fontatori Ek e Lorentzon si son detti molto soddisfatti di questo trend nettamente in positivo:

Abbiamo trascorso un meraviglioso 2014 qui a Spotify e lo dobbiamo solamente a voi, ai fan che ascoltano, scoprono, condividono e celebrano con noi la musica e gli artisti ogni giorno dell’anno. Prima dell’inizio del 2015 abbiamo raggiunto i 15 milioni di abbonati e i 60 milioni di utenti attivi. Dunque, facendo il nostro ingresso nel nuovo anno, vogliamo ringraziarvi molto.

La notizia che, in tutta sincerità, ha lasciato stupiti gli esperti è la percentuale di utenti che utilizzano la versione Mobile di Spotify: il 52%, dunque una platea maggiore (ma di poco) rispetto a quella usa la versione desktop totalmente gratuita. Ultima, ma non meno interessante, curiosità è il metodo con cui gli utenti accedono al servizio: il 55% degli account ha accesso a Spotify attraverso il log-in automatico di Facebook.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: