SwagBot: il robot che si crede un cane da pastore

Sviluppato presso l'Australian Centre for Field Robotics, è in grado di attraversare i terreni più sconnessi; presto avrà la capacità di valutare le condizioni di salute del bestiame

I robot stanno conquistando il mondo? Sicuramente siamo ancora lontani da questa eventualità, ma è un dato di fatto che lo sviluppo tecnologico stia via via automatizzando alcuni processi di lavorazione industriali. Basti pensare alla Foxconn, che recentemente ha rimpiazzato 60.000 operai con dei robot per “ottimizzare” la produzione e l’assemblaggio dei vari dispositivi realizzati dalla multinazionale cinese (i robot non hanno bisogno di ferie, riposo, e non scioperano).

Ad ogni modo, pare che nemmeno il lavoro dei cani da pastore sia più al sicuro. L’Australian Centre for Field Robotics ha infatti sviluppato un nuovo robot, chiamato SwagBot, presso l’Università di Sidney. Creato con l’unico obiettivo di radunare le greggi, SwagBot è in grado di operare su qualsiasi tipo di terreno, e anche, all’occorrenza, di trainare rimorchi o carrelli. La speranza è quella di riuscire a condurre il bestiame attraverso varie regioni dell’Australia.

SwagBot robot pastore

Il robot è estremamente robusto ed efficiente: è in grado di superare agilmente fossati, attraversare zone paludose e tanti altri tipi di impedimenti che potrebbero ostacolare il suo “cammino”. La prossima fare sarà quella di aiutare SwagBot a riconoscere quando un animale è malato o sofferente. Un primo passo in questo senso è già stato compiuto grazie all’implementazione di un sensore per la misurazione della temperatura. Se siete curiosi di vedere il robot pastore in azione, non vi resta che dare una occhiata al video di presentazione di SwagBot:

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: