E’ possibile, al giorno d’oggi, implementare la tecnologia con stile. E’ possibile che le nuove soluzioni tecnologiche vengano inserite all’interno di prodotti di tendenza, in modo che possano svolgere il loro compito ed essere allo stesso tempo fashion. Ne abbiamo avuto un assaggio con gli indossabili, ad esempio, ma il prossimo futuro ci riserverà tante interessanti soluzioni.

Proprio in questa direzione procede lo studio condotto dal MIT in collaborazione con l’ Harvard Medical School: realizzare un progetto che prende il nome di DermalAbyss.

Tatuaggi smart – Controllare il nostro corpo con stile

L’interessante idea prevede la sostituzione del tradizionale inchiostro per i tatuaggi con uno sviluppato dai ricercatori, costituito da biosensori sensibili alle variazioni di PH, del sodio e dei livelli di zucchero nel sangue. Al variare di questi parametri, l’inchiostro cambia colore, permettendo di elargire feedback all’utente.

tatuarsi il futuro

La sperimentazione, la quale si sta conducendo al momento sulla pelle di maiali, sta dando ottimi risultati e permette di immaginare, dunque, i possibili vantaggi dell’implementazione di questi tatuaggi sulla pelle umana. Ad esempio, imprimere sul derma tale inchiostro potrebbe essere vantaggioso per i diabetici, i quali giornalmente hanno necessità di misurare il livello di zucchero nel sangue. DermalAbyss cambierebbe colore in base alla concentrazione degli zuccheri, avvertendo la persona delle alterazioni in corso. Oppure si pensi al processo di disidratazione: l’inchiostro virerebbe verso un colore verde quando i livelli di sodio nel sangue aumentano.

La ricercatrice del MIT Katia Vega ha dichiarato a CNET che ci sono ancora degli step da effettuare prima che il progetto venga ultimato, prima che l’inchiostro possa essere iniettato sulla pelle umana. Trapela comunque ottimismo, la speranza che il supporto a tale tecnologia possa essere tanto importante al punto da aprire nuovi scenari sull’utilizzo di questi biosensori, i quali rappresentano il futuro della tecnologia!

Via
Fonte

Partecipa alla discussione