Dopo quattro anni di paziente ricerca, è stata confermata la scoperta dell’elemento 117° della tavola periodica.

L’ Elemento 117, altrimenti noto come ununseptium, è stato originariamente scoperto nel 2010 da un gruppo di fisici americani e russi insieme al Joint Institute for Nuclear Research (JINR). Tuttavia, ci sono voluti anni perchè la scoperta riuscisse ad essere replicata da un altro gruppo indipendente, come richiesto dall’International Union of Pure and Applied Chemistry (IUPAC), per la certificazione della scoperta.

Ora l’elemento, con l’approvazione della IUPAC, può essere denominato e aggiunto alla tavola periodica, estendendo la nostra comprensione degli elementi transuranici.

L’ultimo esempio di elemento 117 è stato creato da un team presso il GSI Helmholtz Center for Heavy Ion Research in Germania, i cui risultati sono stati pubblicati su Physical Review Letters . Come la squadra del JINR, il gruppo GSI è riuscito a creare l’elemento facendo reagire isotopi di calcio con Berkelium radioattivo – e non è un compito semplice.

“Realizzare l’elemento 117 significa arrivare al confine assoluto di ciò che è possibile fare in questo momento”,

ha spiegato il professor David Hinde della Australian National University. Come con altri elementi transuranici, l’ununseptium è altamente instabile, ed ha un tempo di vita brevissimo, di appena 80 millisecondi.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: