Si è discusso molto con il passare del tempo della differenza in termini di sicurezza tra iOS, sistema operativo molto chiuso e che non permette a programmi di terze parti di modificare nessuna informazioni fondamentale dell’OS, ed Android, sistema molto più libero ed aperto su cui però si stanno diffondendo a macchia d’olio sempre più virus, spyware e chi piu ne ha più ne metta.

Non è mai stato affrontato l’argomento per quanto riguarda il nuovo Windows Phone 7, dalle prime analisi è emerso che il sistema sia abbastanza chiuso e sicuro. Tra qualche giorno però verrà messo a dura prova. A Vienna si terrà il Deepsec, evento a cui parteciperanno i migliori esperti e ricercatori in termini di sicurezza informatica e che discuteranno di tutti i possibili metodi per penetrare il sistema operativo mobile di Microsoft.

Di seguito vi riporto la dichiarazione del responsabile dell’evento:

“Il nostro scopo è quello di svelare alcuni dettagli del modello di sicurezza adottato da Windows Phone 7 per permettere agli esperti di sicurezza informatica e agli sviluppatori di applicazioni per questa piattaforma di comprendere meglio alcuni dettagli precedentemente nascosti di questa piattaforma, relativi ai livelli di sicurezza attualmente implementati.

Al momento, infatti, non è disponibile molto materiale riguardo la sicurezza su Windows Phone 7, pertanto i rischi a cui sono sottoposti i dispositivi che sono equipaggiati con questo sistema operativo sono piuttosto nascosti. L’obiettivo della conferenza, dunque, resta quello di illustrare quali sono le vulnerabilità che un utente malintenzionato potrebbe utilizzare e come questo utente può sfruttarle per aggirare i livelli di sicurezza della piattaforma.”

Non ci resta che attendere la fine della conferenza per sapere quale sia il rischio di vulnerabilità con tale sistema operativo e quanto i nostri dati siano al sicuro.

via


Partecipa alla discussione