Il survival horror è un genere piuttosto particolare; abbiamo esempi di giochi che hanno fatto la storia dei videogames con mega produzioni del calibro di Dead Space 3 e Resident Evil, e altri giochi che, con budget ristretti o addirittura partendo da zero, riescono a creare mode e tendenze: chi di voi non conosce Slenderman?

Non è l’unica suddivisione che possiamo dare al genere; quella più marcata riguarda il gameplay. Abbiamo da un lato giochi dove la sopravvivenza è garantita dall’uso intensivo di armi da fuoco, bombe, e armi contundenti, per massacrare mostri enormi o ondate di zombie; in questo tipo di survival horror, la componente horror è presente, ma non è il fulcro del gioco, è piuttosto il contorno, la salsa che arricchisce il tutto.

Nella seconda categoria di Survival Horror la componente horror è il vero protagonista, le armi (se presenti), sono rare, con pochi colpi e ci fanno sentire tutt’altro che al sicuro; in questa seconda categoria, oltre a Slenderman, possiamo citare Silent Hill, Amnesia, Call of Cthulhu.

The_Slender_Man
Slender Man è sempre in agguato, in ogni bosco.

The Evil Within, di Shinji Mikami (celebre creatore della serie Resident Evil) potrebbe essere una riuscita via di mezzo tra i due tipi di survival horror descritti sopra.

Dai primi screenshot del gioco si capisce subito che non mancherà il sangue. Il punto di vista del giocatore è in terza persona, alla Silent Hill, e si intuisce che si farà uso di alcune arme. Tuttavia, l’immersione e l’atmosfera danno l’impressione che The Evil Within sia qualcosa di più del classico gioco ammazza zombie.

The Evil Within uscirà per PS4, PS4, Xbox 360, Xbox One e PC, il prossimo anno. Il titolo giapponese è Psychobreak, e sarà sviluppato da Bethesdaa seguire il trailer ufficiale e gli screenshot del gioco.

Trailer Evil Within

http://www.youtube.com/watch?v=Zc-jvqJV4SI

Galleria Screenshot di The Evil Within

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: