La JEDEC, l’organismo di standardizzazione dei semiconduttori, ha annunciato un nuovo standard UFS che giunge alla versione 3.0.

UFS, acronimo di Universal Flash Storage, riguarda tutte le memorie flash contenute negli smartphone. Sono memorie raffinate e costose, molto più delle semplici eMMC, le UFS sono impiegate negli smartphone top di gamma e contribuiscono a velocità e reattività del sistema.

Il nuovo standard UFS 3.0 promette un raddoppio nella velocità di trasmissione  dati fino a 11,6 Gbps a singola corsia e fino a 23,2 Gbps a doppia corsia.

Un occhio di riguardo anche per i consumi, l’incremento delle prestazioni non comporterà un aumento dei consumi, anzi il voltaggio è stato portato a 2,5V contro le generazioni precedenti che lavoravano tra i 2,7V e i 3,6V.

JEDEC ha assicurato che le nuove memorie UFS resisteranno a sollecitazioni termiche maggiori che vanno dai -40°C e i +105°C, basti ricordare che qualche mese fa iPhone X ha avuto grossi problemi a certe latitudini.

iPhone X: alle basse temperature il touchscreen non risponde
A quanto pare il nuovo iPhone X è ancora al centro di molte polemiche ( e tante lodi ) e l’ultima riguarda il touchscreen  che teme il freddo e diventa inutilizzabile con uno sbalzo di temperatura verso gli 0 °centigradi. In relazione agli ultimi [...]

Una novità importante è l’ulteriore protezione dei dati sotto cifratura: più difficile da violare e allo stesso tempo più veloce.

Molto difficile che i top di gamma che saranno presentati al Mobile World Congress di Barcellona possano montare queste nuove memorie. La UFS 3.0 verrà sicuramente integrata negli smartphone premium che verranno svelati nella seconda parte dell’anno. Samsung sta già per preparare la produzione di questa tipologia di memorie, non a caso il Galaxy Note 9 sarà quasi sicuramente equipaggiato con il nuovo standard.

Infine, è stato annunciato anche il nuovo standard UFS Card 1.1, per schede di memoria esterna. Trovate informazioni più approfondite nel comunicato di JEDEC. Le domande a questo punto sorgono spontanee, quanto incideranno queste memorie nell’uso quotidiano? Ci saranno sostanziali differenze tra un Galaxy S9 con UFS 2.1 e Galaxy Note 9 con UFS 3.0?

Sarà forse il momento di vedere memorie UFS anche in smartphone medi di gamma? Non ci resta che attendere, e voi che ne pensate? Scrivetelo nei commenti!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: