Computer
SCRITTO DA Pubblicato il

Windows ce l’ha fatta! Dopo mesi di sviluppo intenso, al quale hanno partecipato più di 10 milioni di utenti Insider, Windows 10 Creators Update è disponibile al download. Per essere precisi, il roll-out partirà ufficialmente l’ 11 Aprile, ma abbiamo pensato di anticipare i tempi e di installare il nuovo sistema operativo su un Surface Pro, in modo da illustrare le principali novità.

Focus

Il 3D ed il nuovo Paint

Alla base dell’aggiornamento c’è l’idea di Microsoft di spingere gli utenti alla creazione e fruizione dei contenuti 3D. Per fare ciò, l’azienda americana ha sviluppato un software dal nome alquanto familiare: nasce Paint 3D.

Si tratta di un programma di modellazione 3D basilare, ma appagante nell’utilizzo. Il nuovo Paint, che convive in Creators Update con il Paint tradizionale, permette di creare progetti in 3 dimensioni. Non è affatto un problema inserire diverse figure e titoli all’interno dello stesso progetto, salvare la creazione ed esportarla all’interno del network Remix 3D.

Paint 3D è basilare ma appagante

Questo social network fatto di immagini in 3 dimensioni consente anche il download dei progetti degli altri utenti, in modo da modificarli ulteriormente, nonché di commentare e di lasciare mi piace. Al momento il servizio è in inglese, ma nei prossimi aggiornamenti software arriverà anche la lingua italiana.

Windows Mixed Reality

La nuova interfaccia è preinstallata in tutti i dispositivi desktop e rappresenta una shell interattiva da utilizzare con visori VR.

Si parla, nello specifico, di realtà mista, ed è una soluzione adottata da Microsoft per far provare agli utenti l’esperienza esclusiva che si avrebbe con HoloLens. Le Universal Apps possono essere spostate e ridimensionate nello spazio virtuale, all’interno del quale è possibile muoversi in libertà. Anche se non si è in possesso di un visore è comunque possibile provare l’esperienza, emulandola. E’ bene però precisare che occorre hardware di livello per avviare Windows Mixed Reality. Ecco i requisiti minimi:

  • Processore: Intel Core i5 Mobile (7200U), dual-core e con hyperthreading o equivalente
  • GPU: Intel HD 620 o equivalente con supporto a DirectX 12
  • RAM: 8GB, dual channel
  • HDMI: HDMI 1.4 con risoluzione 2880×1440 @ 60 Hz
  • HDMI 2.0 o DisplayPort 1.3+ con risoluzione 2880×1440 @ 90 Hz
  • Hard disk: 100 GB, meglio se SSD
  • USB 3.0 Type-A o USB 3.1 Type-C con modalità Alternate per DisplayPort
  • Bluetooth 4.0, per gli accessori.

Con Windows Mixed Reality, Microsoft ha creato un insieme di standard e requisiti che i produttori di terze parti devono rispettare per realizzare Hardware 3D in Windows 10. Partner importanti come HP, Dell, Acer ed altri stanno già costruendo i primi visori con i dettami imposti da Microsoft.

Xbox

Microsoft pensa anche ai videogiocatori, inserendo all’interno del sistema operativo nuovi strumenti, volti in particolare alla condivisione dei contenuti. Integrato all’interno di Creators Update c’è Beam, il servizio di streaming che facilità la condivisione delle sessioni di gioco online. Con la pressione dei pulsanti Win+G appare una barra di Gioco che agevola le operazioni di registrazione, di cattura screenshot e di condivisione all’interno del mondo Xbox.

Merita poi attenzione la Modalità Gioco, attivabile all’interno della voce Xbox presente nelle Impostazioni, che riserva la potenza di CPU e GPU (fino all’ 80%) alla sessione di gioco, con l’effetto di migliorare l’esperienza videoludica.

Cortana

Sempre più produttiva Cortana, grazie ad un potenziamento della sua capacità di dialogare tra dispositivi appartenenti ad uno stesso utente. Il centro notifiche permette infatti di mostrare quale operazione si stava effettuando su un differente device, facilitando la ripresa dell’attività dal punto in cui la si era interrotta.

Miglioramenti anche per la sincronizzazione delle notifiche tra smartphone e PC. In questo caso, è necessario che Cortana sia installata sul dispositivo mobile. Nessun problema su Windows 10 Mobile, mentre su Android l’app non è disponibile ufficialmente in Italia (per aggirare il problema basta scaricare manualmente l’apk).

EHI, cortana

Infine, è bene segnalare che l’assistente di Microsoft è in grado di recepire un maggior numero di comandi vocali: ad esempio, è possibile chiedere a Cortana di alzare/abbassare il volume, di riavviare/spegnere il PC.

Windows Ink

L’area di lavoro con il pennino è stata interessata marginalmente dall’update. Poche novità, ma tute gradite. La prima, sicuramente, è il debutto dello strumento goniometro, che è possibile utilizzare con un’interazione molto simile a quella che è necessaria per il righello. Migliora la fluidità, la precisione di questi strumenti, come anche le performance e l’affidabilità di tutte le app di base di Windows Ink.

Inoltre:

  • È ora presente un pulsante su Screen Sketch che permette di recuperare dalla cronologia uno screenshot che si era già modificato. C’è un pulsante apposito nella barra del programma.
  • Incrementato a 6 il numero delle app usate di recente ed incluso un link rapido per aprire le impostazioni della penna.
  • Possibilità di scegliere spessore e colore del tratto in una singola azione, senza dover riaprire il menu due volte.

Microsoft Edge

Il browser di Microsoft presenta ora un pulsante in alto che permette di mostrare le anteprime delle schede. Aggiornamento del layout che ha sicuramente meno importanza del nuovo pulsante che mette da parte le schede aperte. La sezione che si crea è poi possibile riaprirla velocemente, al fine di ottimizzare gli spazi e di migliorare la produttività.

Interessante la nuova funzione di Edge che trasforma il browser in un lettore di eBook( formati PDF ed EPUB compatibili), con le nuove impostazioni che facilitano la lettura. Non mancano, infatti, i segnalibri e l’indice dei contenuti, utile per arrivare al punto di interesse velocemente. Merita attenzione anche il supporto al 3D, grazie all’implementazione dello standard WebVR.

Ritocchi grafici e nuove Funzionalità

L’azienda americana ha lavorato anche per portare rinnovamenti all’interfaccia utente. Innanzitutto, nel menù Start è ora possibile creare cartelle con le Tiles. Non si tratta di una novità assoluta, ma di una funzione ripresa dalla controparte mobile del sistema operativo: per creare una cartella è sufficiente spostare una Tile sopra l’altra. Manca però la possibilità di dare il nome alla cartella. Inoltre, è possibile nascondere la lista Tutte le App. Selezionando la Modalità nelle Impostazioni, la lista dei software viene inserita in una sezione secondaria, alla quale è possibile accedere tramite il menù hamburger.

Cambia anche l’interfaccia di condivisione, la quale si presenta come un popup a sé, a discapito della precedente ubicazione nella barra laterale che era stata inaugurata con Windows 8. Che dire poi della Modalità Notturna, richiesta espressamente dagli utenti, la quale permette di affaticare meno la vista durante l’utilizzo del PC di notte.  Si può attivare tramite la nuova Quick Action nel Centro Notifiche oppure tramite Impostazioni e presenta, tra le altre cose, l’attivazione automatica al tramonto e all’alba.

Con Creators Update è possibile anche installare Temi per personalizzare in maniera approfondita Windows. Sono già più di 200 e sono tutti scaricabili gratuitamente dallo Store.

Inoltre:

  • Picture -in-Picture.  E’ un’esclusiva delle app Universal e, ad oggi, solo poche di esse supportano tale funzione (Skype UWP e Film e TV). I software compatibili possono ridursi in una finestra, in modo da permettere all’utente di lavorare ad altro nel frattempo.
  • OOBE (Out Of The Box Experience). La casa di Redmond ha provveduto a modificare la serie di schermate iniziali che appare durante il primo avvio di Windows.
  • Touchpad Virtuale. Oltre alla tastiera virtuale, fa la sua comparsa anche il touchpad virtuale. Può risultare comodo utilizzarlo quando si adopera il device in modalità tablet ed il software non è ottimizzato per l’uso con il touch.
  • Dynamic Lock. Il nuovo sistema di sicurezza rientra sotto la voce Windows Hello e consiste nella possibilità di bloccare automaticamente il PC quando lo smartphone associato tramite Bluetooth si disconnette.
  • Sensore memoria. La voce è individuabile all’interno delle Impostazioni, riorganizzata con Creators Update. Dentro Sistema—>Archiviazione è presente una funzione per cancellare i file non più necessari, liberando spazio all’interno del disco.

Windows Defender

Potenziato il software di controllo di Windows, anche nel nome, che diventa ora Windows Defender Security Center. Defender ha ora una grafica più curata ed un’organizzazione più articolata, con 5 sezioni utili per impostare le funzioni relative alla sicurezza online. Non manca il controllo parentale per l’uso da parte dei bambini.

Windows Update

Windows Update ha subito cambiamenti in termini di gestione degli aggiornamenti. innanzitutto, l’orario di attività è esteso a 18 ore per tutti. Questo significa che, in questo specifico periodo di tempo, Windows non cercherà di installare gli aggiornamenti forzando il riavvio del dispositivo. I pacchetti di aggiornamento verranno comunque scaricati, non appena disponibili.

Molto interessante il passaggio di Windows 10 all’ Universal Update Platform. Il protocollo in questione riduce in maniera significativa le dimensioni dei download degli aggiornamenti, i quali si compongono ora dei soli file modificati. Sorridono per la scelta di Microsoft soprattutto gli utenti Insider, che installano una nuova build praticamente ogni settimana.

Windows 10 Creators Update sarà distribuito con tempistiche che variano in base alla piattaforma:

  • 29 marzo: inizio distribuzione per Xbox One.
  • 11 aprile: inizio distribuzione scaglionata ai PC e Tablet tramite Windows Update.
  • 25 aprile: inizio distribuzione scaglionata agli smartphone Windows 10 Mobile

Se gli accorgimenti apportati da Microsoft con il nuovo aggiornamento vi soddisfano, non resta che scaricare il pacchetto. Buon Download a tutti!


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:


COMMENTA