La conferenza Steam Dev Days di Valve si è tenuta ieri a Seattle. Una delle novità più interessanti riguarda un prototipo di controller per la realtà virtuale il quale, pur non essendo stato ancora annunciato ufficialmente, ha catturato le attenzioni del pubblico. Ciò che rende il nuovo controller speciale è la possibilità di eseguire operazioni che le attuali soluzioni di casa Valve non sono in grado di gestire.

valve vive controller vr

La differenza fondamentale riguarda l’impugnatura: il prototipo permette di identificare l’apertura e la chiusura della mano, garantendo in questo modo la possibilità di prendere e lasciare oggetti nella realtà virtuale in maniera intuitiva anziché affidarsi, ad esempio, ad un noioso pulsante: i controller attuali di Valve simulano la presa e il rilascio proprio tramite un pulsante posto sul lato posteriore del dispositivo, rovinando in un certo senso l’immersione VR e ricordando sconvenientemente agli utenti che si tratta solamente di una simulazione. Valve non è naturalmente l’unica compagnia interessata a rendere l’esperienza della realtà virtuale sempre più coinvolgente: anche gli ormai prossimi controller Touch di Oculus saranno in grado di simulare il movimento naturale della mano.

valve vive controller vr

Dalle foto, sembrerebbe che i prototipi dei nuovi controller di Valve siano progettati per essere utilizzati con una sorta di strap, la qual cosa si traduce certamente in un grosso vantaggio nei confronti della maggior parte dei controller disponibili oggi in commercio: non sarà infatti più obbligatorio tenere costantemente in mano il controller e fare attenzione a non mollare la presa, dal momento che esso sarà sostanzialmente indossabile. Valve per il momento non ha rilasciato informazioni circa la data di rilascio del prodotto.


Partecipa alla discussione