Non erano state celate agli addetti ai lavori le novità. Diversi rumors si erano rincorsi nelle settimane precedenti. Nonostante questo, vedere sul palco il nuovo MackBook Pro ha comportato ugualmente interesse ed approvazione, poiché il passo in avanti c’è stato ed è inutile negarlo. Il nuovo MackBook Pro è più sottile della precedente generazione, più potente e con una novità interessante. Rimangono le due configurazioni da 13 pollici e da 15 pollici, ma ora il portatile vede la presenza di una barra touch che prende il posto della classica riga dei tasti funzione.

TouchBar Retina Multitouch

Si tratta di un vero e proprio display secondario che supporta fino a 10 tocchi, in grado di offrire molteplici funzioni contestuali al software con il quale si sta lavorando. Infatti, la nuova barra posta sopra alla tastiera si adatta all’applicazione visualizzata sul display principale. E’ possibile fare solo alcuni esempi, poiché le modalità di interazione sono pressoché infinite. Su Foto è possibile scorrere tra le foto del rullino semplicemente con uno swype, aggiungere e modificare effetti alle immagini ed anche controllare la riproduzione dei video. Durante la digitazione, ad esempio, la nuova barra di Apple mostra i suggerimenti del correttore automatico e permette di scorrere la libreria di emoji.

TouchBar è sinonimo di produttività

Ma tutto diventa ancora più produttivo quando vengono avviate le applicazioni di Apple, come ad esempio Final Cut , iWorks, GarageBandiMovie ed altri. Non solo prodotti dell’azienda, ma anche software di terze parti, come Photoshop e Djay Pro. La TouchBar si adatta all’applicativo e potenzia le funzionalità disponibili all’utente, semplificando e velocizzando le operazioni quotidiane. La casa di Cupertino ha sottolineato come siano in dirittura di arrivo altre partnership importanti, una tra tutte quella con Microsoft, la quale porterà una gestione avanzata delle funzioni con tutta la suite Office, Outlook e Skype for Business.

Hardware

MacBook Pro

Durante la kermesse hanno tenuto a sottolineare come il trackpad del nuovo MacBook Pro sia il doppio rispetto alle soluzioni precedenti e come siano riusciti a diminuire lo spessore, grazie soprattutto all’adozione dei nuovi switch della tastiera mutuati dal MacBook. Si parla, infatti, di uno spessore di 14,9 mm per il 13 pollici e 15,5 mm per il 15 pollici.

Il display risulta essere il 67% più luminoso ed è maggiormente performante nella gamma colori rispetto alla precedente generazione. Il processore adottato è un i5 o i7, in base alle configurazioni, accompagnati da una GPU Radeon Pro o una Intel Iris. La RAM può essere installata da 8 o 16GB, mentre l’SSD può avere uno spazio massimo di 2TB, nella versione da 15 pollici.

Grande connettività grazie alle 4 porte Thunderbolt 3/Type-C. Poco si sa sull’effettiva capacità della batteria, che comunque dovrebbe garantire circa 10 ore di autonomia.

Configurazioni

Tre sono i modelli che vanno a completare la nuova line-up di soluzioni portatili di Apple per il 2016-2017:

13″ MacBook Pro

  • Intel Core i5 dual-core 2.0 GHz (Turbo Boost fino a 3,1GHz)
  • Intel Iris Graphics 540
  • 8GB memoria a 1866MHz
  • 256GB SSD (estendibile fino a 1TB)
  • due porte Thunderbolt 3
  • Prezzo IT: €1749
  • Disponibilità IT: Consegna Lun 31 Ott

13″ MacBook Pro

  • Touch Bar e Touch ID
  • Intel Core i5 dual-core 2.9 GHz (Turbo Boost fino a 3,3GHz)
  • Intel Iris Graphics 550
  • 8GB memoria a 2133MHz
  • 256GB SSD (estendibile fino a 1TB)
  • quattro porte Thunderbolt 3
  • Prezzo US: €2099
  • Disponibilità IT: 3-4 settimane

15″ MacBook Pro

  • Touch Bar e Touch ID
  • Intel Core i7 quad-core 2.6 GHz (Turbo Boost fino a 3,5GHz)
  • Radeon Pro 450 con 2GB di memoria
  • 16GB memoria a 2133MHz
  • 256GB SSD (estendibile fino a 2TB)
  • quattro porte Thunderbolt 3
  • Prezzo IT: €2799
  • Disponibilità IT: 3-4 settimane

MacBook Pro

Interessante la versione base da 13 pollici che è priva di TouchBar, disponibile immediatamente all’acquisto. Questo segna la fine, in qualche modo, del MacBook Air da 11 pollici, il dispositivo che per molti anni è stato lo strumento perfetto per far avvicinare gli utenti al mondo Apple. Ogni hanno l’hardware viene migliorato, le prestazioni aumentano e lo spessore diminuisce. Nell’ultimo periodo la gamma Air è sempre più compressa, da un lato dal maneggevole MackBook, dall’altro dai MackBook Pro che divengono sempre più compatti e leggeri. I tre MackBook Pro presentati nella giornata di ieri hanno di fatto sancito la fine di una glorioso portatile, la cui gamma continua a vivere attraverso il MacBook Air da 13 pollici, il quale ha un prezzo a partire da 1.179 euro.


Partecipa alla discussione