Si è cominciato a parlare di Amazon Prime Air, servizio per la consegna via drone dei prodotti, nel “lontano” 2013; ai tempi, però, negli Stati Uniti non era permesso l’utilizzo di droni per applicazioni di tipo commerciale, e dunque la piattaforma di testing fu organizzata in un altro paese anglosassone, ovvero il Regno Unito. Il primo centro di consegna Amazon Prime Air ha base a Cambridge e da alcuni giorni è “operativo”: la prima consegna di sempre con un drone Amazon è stata effettuata in data 7 dicembre.

Amazon Prime air

Naturalmente, si tratta ancora di un servizio in fase di rodaggio. I clienti che possono beneficiarne si contano sulle dita di una mano (sono al momento soltanto due!), e abitano tutti nei pressi del magazzino Amazon di Cambridge. Non c’è dubbio, tuttavia, che si tratti di un’importante pietra miliare per la creatura di Jeff Bezos, che grazie al buon esito di questa prima missione di consegna si addentra con successo in un territorio inesplorato.

Nel frattempo, la Federal Aviation Administration statunitense ha legiferato in merito alla questione dell’uso commerciale dei troni, e le regole partorite non sono state gradite da Amazon. Divenute ufficiali lo scorso anno, tali regole impediscono a Prime Air di operare nella maniera che Amazon vorrebbe: ogni singolo drone dovrebbe essere controllato da un operatore certificato, e rimanere sempre visibile durante il volo. Dal momento che Amazon vorrebbe pianificare missioni di volo con tragitti nell’ordine delle decine di chilometri, chiaramente l’attuale legislazione americana si rivela più che ostica per l’azienda di Seattle. È comunque anche in visione di possibili cambiamenti per il futuro che Amazon ha continuato a investire in Prime Air e ha avviato le operazioni di testing a Cambridge.

Passiamo finalmente alla cronaca – a dir vero non particolarmente avvincente – della missione: l’esperimento è stato condotto in un’area rurale, e dunque il drone, dotato di guida autonoma, ha raggiunto con facilità le coordinate GPS inviategli, trasportando in 13 minuti un pacco pesante poco più di due chilogrammi. Amazon intende estendere il servizio a dozzine di utenti nei mesi seguenti, espandendo il raggio di azione del servizio. Il tutto in attesa che l’US Federal Aviation Administration batta un colpo.

Via

Partecipa alla discussione