Oggi Apple è anche e soprattutto sinonimo di iPhone, ma i tempi in cui l’azienda di Cupertino guadagnava per la prima volta le luci della ribalta con un altro dispositivo non sono poi così lontani. Ci riferiamo naturalmente al mitico iPod: il lettore musicale di Apple è stato presentato esattamente 15 anni fa, in data 23 ottobre 2001, da nientepopodimeno che Steve Jobs, rivoluzionando per sempre il mondo della musica digitale. Pur non essendo stato il primo lettore MP3 a giungere sul mercato, l’iPod di casa Apple è stato sicuramente il primo lettore di musica digitale a raggiungere le masse.

L’iPod originale era ben lungi dall’essere un prodotto perfetto: funzionava solamente con i Mac, costava 399 dollari e offriva “solamente” 5GB di spazio di storage. La sua partenza fu piuttosto lenta, ma nel momento in cui il fenomeno prese piede, i lettori della concorrenza (ai tempi principalmente di casa Creative, Sony e Rio) furono letteralmente spazzati via. iTunes si può amare a odiare, ma è un dato di fatto che si trattò di un software rivoluzionario: l’acquisto online permetteva agli utenti di accedere alle canzoni dei propri autori preferiti in maniera estremamente semplice in un’epoca in cui il metodo principale per portare la musica sui lettori MP3 era costituita dal ripping dei CD.

apple-ipod-compie-15-anni

Successivamente, Apple utilizzò la stessa strategia per il mercato smartphone: l’iPhone originale, per quanto fosse estremamente innovativo, non era certamente esente da difetti, né era il miglior smartphone sul mercato. Ma l’introduzione dell’App Store in breve tempo portò Symbian e Windows Mobile all’estinzione. Apple ha preferito non festeggiare il compleanno del suo iPod: nonostante al momento gli iPod touch, iPod nano e iPod shuffle siano ancora presenti sul mercato, si tratta di prodotti piuttosto datati – rilasciati nel 2015 – e ormai lontani dalla cresta dell’onda. Il miglior lettore di musica digitale di Apple, al momento attuale, è decisamente l’iPhone 7.

Via

Partecipa alla discussione