Elle-Recensione

"La più pericolosa, Michèle, sei comunque tu"

SCRITTO DA Pubblicato il

Michelè, capo di una grande società di videogiochi, gestisce gli affari come le sue relazioni sentimentali: con il pugno di ferro. Improvvisamente la sua vita cambia, quando viene aggredito in casa da un misterioso sconosciuto.

Michelè decide a quel punto di rintracciare il suo assalitore. Una volta trovato, tra loro si stabilisce uno strano gioco. Un gioco che potrebbe sfuggire di mano..

 

Opinioni

Grande ritorno per Paul Verhoeven (Basic Instinct, Atto di forza), con questo film provocatorio e anarchico, reduce di vittoria ai Cesar (Miglior film francese, Miglior attrice) e ai Golden Globe (Miglior film straniero, Miglior Attrice). La pellicola lascia nello spettatore un gusto di ambiguità condito da un umorismo spiazzante tipico del regista, che qui si fa sempre più dark e scomodo.

La protagonista, Isabelle Huppert, è molto convincente nel ruolo della donna manager col pungo di ferro ma pronta anche a mostrarsi complice, iniziando un rapporto oscuro e disturbato con il suo persecutore.

Colpisce  il fatto che il film alterni un registro ironico ( la cena di natale) a momenti di estrema tensione e drammaticità (la scena nello scantinato). In qualche modo il regista, come ha affermato in un’intervista, si sente libero di sovvertire i generi, e di scardinare l’immagine classica borghese, abbattendo le barriere. Senza troppi giri di retorica e “pistolotti” morali; il film inizia con una scena di stupro vista però dallo sguardo di un gatto, che fissa la scena con uno sguardo gelido, quasi a voler indicare il mood dell’intero film.

Verhoeven sostiene che aver girato il film in Francia gli abbia dato più libertà creativa in fase di sceneggiatura, rispetto ad altri paesi dove ci sono più restrizioni e complicazioni (etiche) dovute all’argomento trattato.

SCHEDA TECNICA

Regia Paul Verhoeven

con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny, Charles Berling

Titolo originale: Elle. G

Genere Drammatico

Francia 2016

Durata 130 minuti.

 

Voto 6.8

 


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:


COMMENTA