HTC è, in questi giorni, al centro dell’attenzione internazionale. Si parla da una parte di possibili trattative per la vendita della divisione mobile, dovuta alle evidenti difficoltà della casa taiwanese in questo campo negli ultimi anni, dall’altra dell’aumento di interesse verso la realtà virtuale. D’altro canto, HTC sta sviluppano HTC Vive, un visore che risulta essere uno dei più promettenti e meglio funzionanti in questo settore. A questo proposito, HTC ha deciso di aumentare il capitale in favore della ricerca, annunciando l’apertura di un centro di ricerca in Cina in collaborazione con la municipalità di Shenzhen.

HTC – Sempre più presa dalla realtà virtuale

Il China VR Research Institute vedrà la presenza di diversi ricercatori, università ed aziende, al fine di trovare nuove soluzioni in termini di sensori, display, grafica ed altro. Inoltre è stato istituito lo Shenxhen VR Investment Fund, in modo da accelerare la crescita del settore, grazie ad un investimento iniziale di 1,5 miliardi di dollari.

HTC dunque è sempre più coinvolta: è convinta di poter trovare fortuna con la realtà virtuale. Vive è la reale incarnazione di quello che ha ingegnerizzato nel corso degli anni, e molto farà nel prossimo futuro. La casa Taiwanese, soprattutto, vuole spingere fortemente le aziende a realizzare nuove soluzioni, al punto da essere inserita all’interno della Industry of Virtual Reality Alliance in Cina, il cui scopo è quello di aiutare le società a risolvere eventuali problematiche che possono allentare la crescita del settore.

Via

Partecipa alla discussione