Hai una Playstation 1 ancora funzionante da qualche parte, magari in qualche scatolone o in cantina? E’ quello che devono aver pensato gli ingegneri NASA, quando nel 2006 hanno deciso di equipaggiare la sonda spaziale New Horizons con il MIPS R3000, ovvero la CPU della Playstation originale.

Proprio così, la stessa CPU che ha eseguito nel vostro saletto giochi come Final Fantasy VII e Metal Gear Solid sta guidando una sonda per migliaia di km nello spazio in direzione di Plutone, il pianeta nano orbitante nelle regioni periferiche del sistema solare.

GLI INGEGNERI DELLA NASA NON HANNO BISOGNO DI POTENZA; HANNO BISOGNO DI AFFIDABILITÀ

Questo non è un comportamento inusuale per la NASA, visto che l’agenzia spaziale preferisce sempre hardware provato e testato piuttosto che hardware all’avanguardia, anche se decisamente più potente. Il veicolo spaziale di nuova generazione Orion, per esempio – quello che secondo i piani dovrebbe portare l’uomo su Marte, un giorno – è controllato da un processore IBM realizzato nel 2002.

La CPU della Playstation 1, al comando del New Horizons, potrebbe essere stata ottimizzata un pò per la sopravvivenza nello spazio aperto e per il costante bombardamento di radiazioni a cui sarebbe stato sottoposto, ma resta il fatto che il risultato è straordinario.

La sonda è stata lanciata nel gennaio 2006, ma è ormai il fase di avvicinamento finale su Plutone; si muove ad una velocità di quasi 60.000 Km/h e ha una data di arrivo prevista per il 14 luglio. Una volta lì, la sonda esplorerà il pianeta e le sue lune prima di cominciare a viaggiare attraverso la fascia di Kuiper – la massiccia cintura di asteroidi vicina al nostro Sistema Solare.

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: