Introduzione

Il nuovo OPPO Reno 8 Pro da poco presentato a Parigi per il mercato Europeo è l’ultima aggiunta del brand al suo portfolio della famiglia Reno. Un smartphone bello e accattivante è spesso la marcia in più per convincere un utente all’acquisto e anche in questo caso la serie Reno propone una formula vincente e già collaudata: uno smartphone bello da vedersi, con buone prestazioni e che si vuole collocare nella parte più alta della fascia media.

Nonostante i componenti interni non siano tutti all’altezza di un vero fascia alta, OPPO Reno 8 Pro viene proposto a 799€ e per questa cifra ha diversi assi nella manica per cercare di emergere in questa fascia di mercato sempre molto affollata, a cominciare dal design premium dello smartphone.

Reno 8 Pro è dotato di un potente chipset Mediatek Dimensity 8100-Max affiancato da 8GB di memoria RAM e 256GB di storage interno. La cosa più interessante è però il fatto che ad aiutare questo chipset ci sia la nuova NPU Marisilicon X di OPPO, che si dedicherà solamente a migliorare la qualità delle foto e dei video ripresi. Troviamo poi un display AMOLED con cornici sottilissime, audio stereo e un modulo fotografico da 50Mpx sul retro e frontale da 32Mpx.

venduto da 
venduto da 

Le promesse sono quindi buone e dopo averlo usato in questi giorni posso dire che offre un’esperienza complessiva paragonabile a quella di uno smartphone premium del 2022. Ha ovviamente punti di forza e debolezze ma Reno 8 Pro potrebbe essere probabilmente migliori di molti smartphone di fascia medio-alta che vedremo quest’anno. Ha ovviamente dei difetti di cui ora andremo a parlare ma nel complesso ha diversi punti a suo favore – a cominciare dal bellissimo look&feel.

Unboxing

All’interno della confezione di vendita troveremo:

  • Smartphone Reno 8 Pro
  • Caricabatteria da parete Super VOOC 80W
  • Cavo USB Type-C di ricarica
  • Manualistica
  • Pin per rimozione Sim
  • Manualistica
  • Adattatore USB type C per le cuffie

Specifiche Tecniche

Sistema Operativo Android
Versione Sistema Operativo Android 12 ColorOS 12.1
Peso 188 grammi
CPU Mediatex MAX 8100
GPU Adreno
RAM (GB) 8 GB
Memoria interna (GB) 256 GB
Pollici Display 6.62
Risoluzione Display 1080 x 2400 pixel
Tipologia Display AMOLED colori 16 milioni Gorilla Glass 5
Capacita batteria (mAh) 4500

Vai alla scheda completa: Scheda tecnica Oppo Reno 8 Pro.

Design & Materiali

Se lo mettiamo a fianco degli altri fascia media di quest’anno, il Reno 8 Pro non passa di certo inosservato. La prima impressione non manca: il suo profilo è piuttosto sottile con appena 7,34mm di spessore e i 183g di peso e un design veramente accattivante che riprende il linguaggio visivo della serie Reno.

Il frame di metallo è di alluminio e contribuisce al feel premium del device, oltre al vetro sul retro del dispositivo che aumenta questa sensazione al tatto e alla vista. Il retro è protetto dal vetro Gorilla Glass 5 che tutto sommato se la cava anche bene con il trattenere le impronte. Se volete scoprire di più sul design futuristico di OPPO e la ricerca e sviluppo che c’è dietro vi lasciamo a questo approfondimento.

I due colori inizialmente disponibili per il mercato Europeo sono quello color nero (Glazed Black) e verde (Glazed Green). Quest’ultima colorazione è molto interessante ed è quella che ho avuto modo di provare e rispetto al nero aiuta meglio a nascondere le ditate sul vetro posteriore.

Reno8 Pro, disponibile nelle due colorazioni Glazed Green e Glazed Black, trae ulteriore ispirazione dalle tecniche di smaltatura della porcellana per aggiungere un ulteriore tocco di eleganza alla scocca posteriore.

Il design del retro è poi interrotto dall’enorme modulo fotografico principale che richiama le linee della serie Find di OPPO, infatti il vetro continua sulla curvatura del modulo fotografico senza interruzioni. Un marchio distintivo dei telefoni OPPO di questi anni.

E’ senza dubbio un look aggressivo, che potrebbe non piacere a tutti per via del grande modulo fotografico. Questo influisce anche sul bilanciamento del dispositivo che tende verso la parte alta. In realtà se avete intenzione di usare una cover sul Reno 8 Pro non dovrebbe fare troppa differenza, visto che il modulo sarà molto meno visibile e anche il grip migliorerà.

Il modulo fotografico posteriore è inspirato alle fotocamere vintage, con una disposizione geometrica che crea un look unico per un telefono, con un led circolare a completare il tutto.

Il display del Reno 8 Pro 5G è piatto ma con una gentile curva verso i bordi e la cornice dello smartphone è una delle più sottili viste su uno smartphone in questa fascia di prezzo. In particolare nei bordi laterali parliamo di 1,48mm di distanza dal display che conferisce allo smartphone un rapporto dimensione schermo maggiore e un’immersione maggiore nei contenuti multimediali o nel gaming.

Reno 8 Pro 5G ha poi la certificazione IP52 per acqua e polvere che aiuta a proteggere lo smartphone.

Sul lato destro troviamo il tasto di accensione, mentre sul lato sinistro troviamo il bilanciere del volume con i tasti separati.

Sulla parte superiore abbiamo poi il microfono ambientale e lo speaker superiore.

Infine nella parte inferiore il jack di ricarica USB type-C. Purtroppo niente jack audio 3,5″ ma Oppo fornisce un adattatore per cuffiette USB C da collegarci.

Hardware

All’interno di OPPO Reno 8 Pro 5G troviamo un potete chipset MediaTek Dimensity 8100-Max, versione custom del Dimensity 8100 che abbiamo già visto in un altro dispositivo, il OnePlus 10R con cui questo OPPO sembra condividere molto. La sigla MAX indica una customizzazione insieme agli ingegneri OPPO che aumentano le performance del chipset soprattutto sotto al profilo AI, Gaming e per migliorare la qualità grafica insieme al chipset Marisilicon X.

Si tratta di un SoC Octa-Core a 5nm con 4 core Cortex-A78 a 2.85 Ghz e 4 Core Cortex-A55 ad un clock di 2.0Ghz affiancato da una GPU Mali-G610 MC6, da un ISP MediaTek Imagiq 780 ed infine un MediaTek APU 580 per il calcolo con AI.

Ad affiancare il chipset principale troviamo poi 8GB di memoria RAM LPDDR5 e storage UFS 3.1 e questo significa che Reno 8 Pro 5G è in grado di soddisfare egregiamente qualsiasi tipo di compito.

troviamo poi il sistema Memory Boost introdotto da OPPO in questi ultimi anni che permette di sfruttare lo storage interno veloce UFS 3.1 come memoria RAM virtuale Extra e questo può aiutare la fluidità del sistema e soprattutto il multitasking.

Per chi se lo sta chiedendo la vibrazione del telefono è robusta nonostante le dimensioni compatte e questo anche grazie allo X-axis Linear Motor che permette di avere un feedback alla vibrazione migliore e personalizzato.

Prestazioni

Per fare un paragone con la controparte Snapdragon, le prestazioni sono simili a quelle dello Snapdragon 888 dello scorso anno. Parlando di performance brute, una passata su GeekBench rivela un punteggio di circa 3583 punti in multi-core e 904 in single-core.

Ma tralasciando i numeri, nell’utilizzo quotidiano lo smartphone risulta fluido e reattivo nelle operazioni di tutti i giorni, tra cui un moderato multitasking. Di questo è complice anche la buona Color OS di OPPO che andremo ad esaminare meglio a breve.

Parlando di giochi, per quanto questo OPPO Reno 8 Pro 5G non abbia un anima da gaming, le prestazioni sono state soddisfacenti con i titoli più comuni del momento tra cui Genshin Impact, Apex, CoD Warzone, Pokèmon Unite e Asphalt.

Le prestazioni sono buone e il refresh rate del display aiuta la fluidità, anche se il dispositivo tenderà a surriscaldarsi abbastanza velocemente soprattutto con la modalità Alte Performance del chipset, per via del profilo sottile, anche se il sistema di dissipazione del calore di OPPO aiuta a tenere tutto sotto controllo. Nonostante questo non abbiamo notato gravi problemi di Throttling anche con sessioni estese di 30/40 minuti anche se sicuramente le alte temperature potrebbero ridurre prestazioni e frame rate in derminate circostanze, soprattutto con grafica alta e modalità performance attivata.

Per quanto riguarda il sensore di impronte digitali è stato posizionato sotto al display nella parte inferiore. Lo sblocco è rapido e preciso come sugli ultimi smartphone Reno/Find X e da questo punto di vista non vi è molto da aggiungere. Apprezzata invece la presenza degli speaker stereo e devo dire che l’audio è piuttosto alto e ricco e questo rende la fruizione di contenuti come Netflix o Youtube più appagante.

Display

OPPO Reno 8 Pro 5G ha un bellissimo display: le cornice sono estremamente sottili su tutti e 4 i lati mentre il pannello utilizzato è un AMOLED da 6,7″ con risoluzione FHD+ e supporta il refresh rate fino a 120Hz e un touch sampling fino a 360Hz. Troviamo poi due preset per i colori ovvero Naturale e Vivido.

Non si tratta però di un display LTPO quindi questo significa che potremo impostare il refresh rate solamente a 60Hz o 120Hz quindi non potremo sfruttare funzioni come l’Always on Display a 1Hz come per altri smartphone OPPO.

In ogni caso suggerisco di lasciare i 120Hz per la fluidità e perché la batteria dura lo stesso parecchio. Ottima anche la luminosità, che aiuta a leggere il display anche in condizioni di luce. Supporta inoltre l’HDR a patto di avere la modalità Video Luminosi HDR attiva. Reno 8 Pro 5G supporta poi Netflix HDR e Prime Video HDR. E’ inoltre certificato HDR10+, SGS Low Motion Blur & SGS Low Blue Light.

Questo aiuta nell’utilizzo quotidiano in quanto il telefono risulterà più fluido anche semplicemente nella navigazione di sistema. A proteggere la parte frontale ci pensa poi un vetro Corning Gorilla Glass 5. Devo dire che il display frontale ha un’ottimo screen-ratio che lo rende praticamente tutto schermo nella parte anteriore donandogli senza dubbio un look più curato e moderno rispetto alla concorrenza.

La camera frontale è collocata in un piccolo punch-hole nella parte alta e centrale del display.

Software e UI

Al momento della recensione OPPO Reno 8 Pro 5G viene proposto con la Color OS 12.1 basata su Android 12. Abbiamo già parlato molto di questa interfaccia utente e senza dubbio Reno 8 Pro 5G è uno dei candidati per ricevere la nuova Color OS 13 nei prossimi mesi che introduce l’Aquamorphic Design oltre a diverse nuove funzionalità e a tutte le migliorie di Android 13.

La Color OS 12 ha oramai raggiunto un grado di stabilità molto buono e nonostante non vi sia più molta differenza con la Oxygen OS di OnePlus e la UI di Realme il sistema è oramai ricco e stabile. Le opzioni di personalizzazioni sono tantissime e il sistema non ha mai mostrato il fianco con rallentamenti o impuntamenti di sistema. Peccato solo che vi sia parecchie app bloatware in questo smartphone tra cui diversi giochi, app di videochat ( Bigo) e altre app che reputo di dubbia utilità. Per fortuna può essere tutto rimosso facilmente o nascosta dal sistema.

OPPO Reno 8 Pro 5G supporta poi le Air Gesture per interagire con lo smartphone senza toccare lo schermo. E’ uno smartphone che nasce con una UI già molto matura e sono curioso di scoprire nei prossimi mesi come andrà con la nuova Color OS 13. Ricordiamo che OPPO garantisce per i propri smartphone 2 anni di aggiornamenti di sistema ( e 3 per le patch di sicurezza )mentre alcuni produttori si spingono a 3. Da questo punto di vista OPPO è molto veloce con le patch di sicurezza ma un supporto più a lungo termine farebbe sicuramente più felici gli utenti.

Per tutto il resto oramai la Color OS è rodata e piena di funzionalità sia per la personalizzazione che per le funzioni smart, con un occhio di riguardo per la privacy infatti troviamo diversi accorgimento come la password per spegnere il dispositivo, l’offuscamento dei dati dalle app recenti o i contenuti delle notifiche nascosti per aumentare la nostra sicurezza.

Fotografia

Veniamo ora al cardine di questo smartphone: OPPO infatti con la serie Reno punta molto sul comparto fotografico ed in particolare questo Reno 8 Pro 5G viene definito come “L’esperto dei ritratti”.

Ma prima di addentrarci nella qualità fotografica facciamo un ripasso della dotazione fotografica di questo dispositivo: OPPO Reno 8 Pro ha un setup con 3 fotocamere sul retro tra cui la principale da 50Mpx con sensore IMX766 di Sony. Lo affiancano un ultra-wide da 12Mpx e 2Mp per la fotocamera Macro.

Ad aumentare la qualità fotografica ci pensa poi il chip Marisilicon X, una NPU proprietaria di OPPO che abbiamo già avuto modo di apprezzare su OPPO Find X5 Pro e il cui compito è migliorare ogni nostra ripresa, soprattutto in condizioni di scarsa luminosità. Ancora una volta dal setup fotografico è facile vedere le somiglianze con OnePlus 10R e Realme GT Neo 3, tuttavia è proprio il chipset Marisilicon X a proporre quella marcia in più al Reno 8 Pro 5G, infatti questo chip a processo produttivo di 9nm alza l’asticella della qualità foto/video.

Come prevedibile da uno smartphone Reno, anche questo8 Pro riesce a regalare ottimi scatti già pronti per essere condivisi su Instagram o altri social. Gli scatti dal sensore principale da 50Mpx sono nitidi e ben definiti – la modalità AI di OPPO potrebbe tendere a sovra-saturare alcuni dettagli ma basta qualche accortezza per avere ottimi scatti. D’altronde in questi ultimi anni OPPO sta lavorando molto sulla resa dei colori delle foto e i risultati di questi anni di ricerca e sviluppo sono sempre più concreti come abbiamo avuto poi modo di constatare con la serie Find X 5.

La fotocamera wide-angle da 8Mpx fa poi egregiamente il suo lavoro e nonostante vi sia un po’ di discrepanza tra la resa del sensore principale e del wide-angle gli scatti risultano di buona qualità e utilizzabili. Questo è un sensore da 8Mpx con apertura f/2.2 e offre un campo di visione di 112 gradi.

E’ presente anche un sensore Macro da 2Mpx che tuttavia non fa molta differenza nel complesso. Non è essenziale e gli scatti che si ottengono sono buoni anche se spesso il sensore principale riesce a fare di meglio anche in questo ambito.

Di notte la situazione cambia e in questo caso la NPU Marisilicon X non può molto in quanto si concentra sulla registrazione video. Gli scatti in notturna con il sensore principale sono buoni anche se in alcuni casi gli algoritmi OPPO tendono ad elaborare troppo l’immagine e questo si nota soprattutto con il sensore ultra-wide. A volte serviranno un paio di tentativi primi di ottenere la foto perfetta.

Per quanto riguarda la fotocamera frontale siamo rimasti molto sorpresi: è probabilmente una delle migliori selfie camera provate in questo 2022 e il merito è del sensore da 32Mpx Sony IMX 709 con ottimi dettagli e un buon range dinamico.

Scatto dalla fotocamera frontale in piena luce

Anche con poca luce la qualità dei selfie è molto buona.

Il Marisilicon X lo si può apprezzare in diversi modi durante le riprese video. Per prima cosa introduce la modalità Ultra Steady con la quale potremo registrare video molto stabili anche se siamo limitati dalla risoluzione 1080P.

Rende poi possibile la cattura 4K in HDR che migliorerà la qualità e i colori a discapito di un video meno stabile rispetto alla modalità Ultra Steady. Nonostante non abbia lo stabilizzatore ottico d’immagine, il Marisilicon X fa un ottimo lavoro nel mantenere i video stabili e soprattutto ben illuminati anche di notte in 4K e la velocità di elaborazione di questi compiti è praticamente istantanea. Per fare un confronto: messi a paragone due video in condizioni di scarsa luminosità con un Galaxy S 22 Ultra le differenze non si notano, anzi, Reno 8 Pro 5G sembra uscirne vincitore nonostante il gap di prezzo dei due dispositivi.

Segnaliamo poi una grande pletora di funzionalità per foto e video tra cui la Modalità ritratto con 22 livelli di regolazioni tra cui scegliere, la modalità Hyperlapse per i video e la registrazione video Slow-motion a 960fps

Batteria

Reno 8 Pro 5G ha una batteria da 4.500mAh che permette di arrivare a fine giornata con un utilizzo moderato. Questo è anche merito della tecnologia Smart Battery Engine che permette di rallentare il deterioramento della capacità della batteria. Se siete curiosi OPPO ha rilasciato un dettagliato approfondimento sulla tecnologia dietro al Battery Health Engine.

Lo smartphone supporta poi la ricarica super rapida VOOC a 80W che permette di ricaricare lo smartphone da 0 a 100% in circa 38 minuti.

Il merito dell’autonomia è poi probabilmente imputabile alla buona gestione delle risorse del chipset Mediatek Dimensity 8100Max che ci ha permesso di arrivare a fine serata con il 20% di batteria con un utilizzo misto tra Internet, qualche scatto fotografico, una sessione di gaming da 30 minuti, qualche chiamata e contenuti video su Netflix.

Con Reno 8 Pro si riescono a raggiungere tranquillamente le 5 ore di display attivo anche con un utilizzo più intenso e in ogni caso la ricarica rapida a 80W ci permette di avere in pochi minuti quello sprint in più per chiudere anche le giornate più impegnative. Bastano infatti circa 12 minuti per raggiungere il 50% di autonomia – non male no? Peccato solo che sia assente la ricarica Wireless.

Conclusioni

In termini di offerta il nuovo OPPO Reno 8 Pro ha diversi assi nella manica per convincere gli utenti a cominciare dall’ottimo pannello AMOLED dai bordi sottilissimi al design unibody con vetro sul retro molto ricercato e premium che lo avvicinano molto al linguaggio visivo della serie Find X5. Le promesse di OPPO Reno 8 Pro sono quindi mantenute: un design che non passa inosservato, performance da fascia medio-alta e una buon comparto fotografico potenziato dal chip NPU Marisilicon X.

Il chipset Mediatek Dimensity 8100-Max non è il più performante sul mercato ma è in grado di reggere tutte le attività quotidiane che affidiamo al nostro smartphone tra cui varie app in multitasking e il comparto gaming nonostante non sia la sua vocazione.

Anche la Color OS 12 di OPPO è oramai una certezza e sono sicuro che presto arriverà la Color OS 13 basata su Android 13 che andrà a migliorare ulteriormente l’esperienza d’utilizzo di questo smartphone oltre ad aggiungere funzionalità e migliorarne la sicurezza. Purtroppo ci sono un po’ di app preinstallate, ma fortunatamente possono essere tutte rimosse qualora non dovessero servirci.

Il comparto fotografico è sopra la media e all’altezza delle aspettative ed in particolare quello che brilla maggiormente è la possibilità di registrare al buio grazie all’ausilio del chip Marisilicon X e la fotocamera frontale in grado di regalare ottimi selfie.

Prezzo e promo lancio

OPPO Reno 8 Pro 5G ha l’aspetto di un vero smartphone di fascia alta anche se il suo prezzo potrebbe suggerire il contrario. Viene infatti proposto al prezzo di listino di 799€ nelle colorazioni Glazed Black e Glazed Green con una interessante promo lancio che permette di avere gli auricolari OPPO Enco X2, OPPO Watch Free, una cover e la possibilità di vincere 2 biglietti della fase eliminatoria della UEFA Champions League ma solo per chi lo acquisterà entro il 30 Settembre 2022.

Il prezzo lo colloca quindi nella parte più alta della fascia media e nonostante la competizione sia molto accesa in questo periodo, OPPO Reno 8 Pro ha quello che serve per distinguersi tra la massa.

Ero scettico sul chipset Mediatek Dimensity 8100-Max ma nell’utilizzo quotidiano l’esperienza è fluida come quella di un top gamma e complice di questo anche il display AMOLED a 120hz. Non è ovviamente paragonabile ad un device fascia alta di oggi, ma le performance sono simili a quelle di un top-gamma dello scorso anno e questo significa sostanzialmente che è difficile mettere in difficolta questa architettura anche con gaming o processi pesanti.

Mi piace anche molto come OPPO stia lavorando sul fattore batteria e ricarica rapida, dove oltre alla velocità di ricarica, un occhio di riguardo è posto alla sicurezza e alla longevità del device.

Non è ovviamente perfetto e in questa fascia di prezzo le scelte sono molte e non è facile trovare una scheda tecnica anche migliore di questa, ma il pacchetto che offre OPPO va oltre l’hardware interno e questo si vede già dalla ricerca per il look: Reno 8 Pro è uno smartphone sottile ed elegante, con un corpo Unibody protetto dal vetro sia sul fronte che sul retro, con un display bellissimo e cornici ultra-sottili.

E’ uno smartphone che raccomando a chi cerca un’esperienza di fascia alta senza spendere sopra i 1000€ ( e se non volete approfittare della promo lancio e risparmiare qualcosina in più basterà aspettare qualche mese che gli street price facciano il loro corso ) e per chi ha un occhio per l’estetica e la portabilità oltre che per la qualità degli scatti, soprattutto per i selfie e per le registrazioni notturne, dove Marisilicon X riesce a dare il massimo.

Un Plauso a OPPO che nonostante la tanta concorrenza, ha saputo ritagliare un posto sotto i riflettori per la serie Reno 8 Pro che unisce raffinatezza, prestazioni ed un ecosistema solido. Qui sotto alcune offerte in tempo reale per Oppo Reno 8 Pro e il suo fratello minore Oppo Reno 8.

Pro

  • Design raffinato, IP52
  • Ottimo display con cornici sottili
  • Ricarica rapida 80W

Contro

  • Bloatware preinstallato
  • Assenza ricarica wireless
venduto da 
venduto da 

I nostri voti

Design e Materiali9
Display & Audio8.5
Hardware e Prestazioni8
Fotocamera8.5
Autonomia8
Rapporto qualità/prezzo7.5
Voto finale8.3

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Co-fondatore e amministratore di Techzilla. Adora le nuove tecnologie e si occupa principalmente dell'amministrazione, del settore marketing e dell'aspetto grafico del sito.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.