Il grande giorno è finalmente arrivato, Xiaomi ha annunciato ufficialmente l’arrivo in Italia che sarà coronato con l’apertura del primo Mi Store a Milano, inaugurazione sabato 26.

Chi è Xiaomi e cosa produce

Xiaomi è nata nel 2010, figlia dell’attuale CEO Lei Jun e di altri co-fondatori. In soli 8 anni Xiaomi è riuscita ad entrare nell’olimpo dei produttori di smartphone, il merito è sicuramente dell’ottimo rapporto qualità/prezzo che ha contraddistinto da sempre i prodotti. Xiaomi non produce solo smartphone, l’ecosistema è infatti vastissimo. Il catalogo offerto dall’azienda cinese varia dai dispositivi dedicati al fitness ai dispositivi smart home, ad accessori per l’ufficio o per la casa e non mancano i notebook. Fino ad oggi siamo stati abituati ad acquistare prodotti sugli store cinesi con prezzi decisamente bassi ma con l’incognita della garanzia e dell’assistenza tecnica, senza contare la possibilità di pagare i dazi doganali.

Xiaomi Redmi 5 Plus design
Xiaomi è vicina alla top 3 per vendite smartphone in Europa
I dati dell’ultimo rapporto Canalys, secondo cui Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, che è ufficialmente arrivato in Europa solo pochi mesi fa, ha registrato sorprendenti risultati nel Q1 2018. L’azienda cinese sembra infatti essersi messa già alle [...]

Cosa cambia con l’arrivo in Italia?

Xiaomi arriva in Italia e le cose sono destinate a cambiare, la cosa forse più importante riguarda la garanzia e l’assistenza tecnica, quest’ultima infatti si avvale di una rete di centri assistenza davvero importante. È chiaro che dovremmo aspettarci un aumento dei prezzi rispetto a quelli proposti dagli store cinesi. Dobbiamo infatti aggiungere i dazi doganali e l’IVA, che incidono in maniera molto significativa sul prezzo finale. Xiaomi durante la conferenza di apertura ha però promesso di mantenere i profitti ad un 5% massimo per cui i prezzi potrebbero non essere poi così diversi da quelli a cui siamo abituati. Importanti novità per la dotazione hardware e software dei prodotti italiani, in confezione saranno presenti alimentatori europei dotati di certificazione CE, smartphone con il supporto alla banda 20, con i servizi Google e con la lingua italiana, senza dover costringere gli acquirenti a dover installare ROM o pacchetti aggiuntivi

Mi Store

Pochi giorni fa la località dello store ufficiale di Xiaomi era trapelata, oggi è stata ufficializzata. Il nuovo Mi Store sorgerà presso il centro commerciale di Arese, uno dei centri commerciali più grandi d’Europa.

Xiaomi: Arese è la location del nuovo Mi store
Il primo negozio di Xiaomi in Italia sorgerà ad Arese presso il centro commerciale più grande d'Europa.

Nel corso dell’evento di presentazione, Xiaomi ha annunciato la disponibilità in Italia dei due smartphone Mi MIX 2S e Redmi Note 5. Il Mi Mix 2S è disponibile a partire da 499,90 euro nei colori blu lago, oro e nero, mentre sono sufficienti 199,90 euro per entrare in possesso del Redmi Note 5, sempre disponibile nei colori blu lago, oro e nero. Nello specifico:

  • Mi MIX 2S 6GB di RAM e 64GB di storage a 499,90 euro
  • Mi MIX 2S 6GB di RAM e 128GB di storage a 599,90 euro
  • Redmi Note 5 3GB di RAM e 32GB di storage a 199,90 euro
  • Redmi Note 5 4GB di RAM e 64GB di storage a 249,90 euro

Non ci saranno solo smartphone nel nuovo store, anche dispositivi IoT e Lifestyle tra cui spicca il Mi Electric Scooter: sarà commercializzato a 349,90 euro; dal 26 maggio, il Mi Store fisico proporrà le prime 400 unità dello scooter per il preordine al prezzo ridotto di 299,99 euro:

I dispositivi saranno disponibili per la vendita a partire dal 26 maggio presso il Mi Store , e presto anche su altri canali online e offline. Xiaomi durante la conferenza ha annunciato partnership con una serie di nomi noti in Italia: i principali operatori (manca solo Vodafone), Amazon, catene di elettronica (da Mediaworld a Trony), ipermercati (da Esselunga a Coop, da Iper a Auchan a Carrefour)

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: