Dopo tutto il clamore per la serie di smartphone Galaxy S20 che arriverà ad inizio mese di Febbraio, è arrivato il momento di iniziare a speculare sulla prossima linea di top gamma di Huawei.

Huawei P40 Pro dovrebbe essere lo smartphone premium, erede dell’ottimo P30 Pro che ha fatto innamorare il mondo intero per una durata della batteria infinita ed un set up fotografico decisamente avanzato. Ovviamente con Huawei P40 Pro, il colosso cinese tenerà di fare di meglio.

In rete circolano già i primi render non ufficiali del design di Huawei P40 Pro che non dovrebbe differire troppo per la parte posteriore rispetto a P30 Pro con un modulo fotografico ancora più grande e ricco di fotocamere. Ciò che cambierà sarà la parte frontale dove il notch a goccia verrà sostituito da un doppio foro per la dual camera frontale. Inoltre, pare che Huawei P40 Pro sarà il primo smartphone ad avere i bordi del display leggermente curvi su tutti i lati.

Sebbene il mistero su software di Huawei P40 Pro sia ancora alto, potrebbe arrivare con Android e servizi Google, potrebbe arrivare con Android e servizi Huawei oppure potrebbe presentarsi con il nuovo sistema operativo proprietario, è chiaro che la base hardware di Huawei P40 Pro sarà incredibilmente pompata per la parte multimediale con display e fotocamera al top.

Ancora presto parlare di una data per la presentazione di Huawei P40 Pro ma al MWC 2020 di Barcellona potrebbero arrivare delle corpose novità in merito per rendere la sfida con il Galaxy S20 ancora più avvincente.

Aggiornamento 17/01/2020

Evan Blass, in arte @evleaks, mostra la configurazione fotografica del prossimo Huawei P40 Pro. Il leaker non ha lasciato nessun altra informazione se non il render della sezione nera posteriore contenente il lotto di fotocamere.

Huawei P40 Pro avrà sempre una fotocamera firmata Leica e sarà composta da ben 5 sensori. Si può ipotizzare un sensore da 40 Megapixel RYYB come P30 Pro e Mate 30 Pro, una CineLens Ultra Wide da 40 Megapixel, una lente periscopica con zoom ottico 10X da 8 Megapixel, un sensore ToF per il calcolo della profondità e un sensore per gli scatti Macro (non è chiaro se l’ultimo sensore sarà davvero per le Macro, di solito Huawei utilizza le Ultra Wide per fare le super macro).

Fonte

Notice something, think, write. Watching.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.