Essere un genitore non è facile e ancora di meno ora che il mondo del VR e del metaverso sta entrando a passo deciso nelle nostre vite. Proprio per questo Meta ha deciso di introdurre nuovi strumenti di parental control per rendere l’esperienza VR più sicura e controllata da parte dei genitori.

La VR è ancora un mezzo relativamente nuovo per molti. E per genitori, tutori e adulti responsabili con adolescenti dai 13 anni in su nella loro vita, può essere difficile sapere da dove iniziare. Fornire esperienze sicure e adatte all’età dei ragazzi e allo stesso tempo permettere loro di esplorare la VR è un atto di equilibrio. Ecco quindi che l’azienda ha deciso di introdurre nuovi strumenti:

Oggi annunciamo gli strumenti di parental supervision in VR, che inizieranno a essere distribuiti a tutti i visori Quest nei prossimi mesi. Questo è un primo sguardo ai nostri piani per supportare la nostra community fornendo controlli a livello di piattaforma per genitori e adolescenti dai 13 anni in su. Abbiamo lavorato con gli esperti del settore Larry Magid di Connect Safely, il Dr. Michael Rich di Digital Wellness Lab, Janice Richardson di Insight SA e Jutta Kroll di Stiftung Digitale Chancen per aiutare a informare il nostro approccio e capire meglio come possiamo soddisfare le esigenze della nostra community.

Come primo passo per dare alle persone un controllo più personalizzato sulla loro esperienza VR ci sarà la nuova funzionalità del nostro modello di sblocco esistente su Quest. Oggi, è possibile creare un modello di sblocco come un ulteriore livello di sicurezza per impedire ad altri di accedere al tuo dispositivo o alle password salvate. A partire da aprile, sarà possibile per le persone di utilizzare il modello di sblocco per bloccare app specifiche direttamente dalla VR. Una volta che una data app è bloccata, sarà necessario disegnare il modello di sblocco per sbloccarla e lanciarla. Questo permetterà ai genitori di impedire agli adolescenti dai 13 anni in su di accedere a giochi ed esperienze che ritengono non adatti alla loro età, utilizzando un modello di sblocco per bloccare l’accesso a quelle app.


Successivamente, a maggio 2022, si inizierà a bloccare automaticamente agli adolescenti 13+ la possibilità di download o dall’acquisto di app inappropriate per l’età classificate IARC nel Quest Store, nonché a lanciare la nostra suite iniziale di strumenti di supervisione dei genitori, che includerà la possibilità per i genitori di annullare tali blocchi caso per caso. Adolescenti diversi hanno diversi livelli di maturità, e i genitori conoscono meglio i loro. Sappiamo anche che i controlli personalizzabili, l’autonomia dei ragazzi e le impostazioni regolabili sono importanti per la nostra community. Una volta che un adolescente collega il proprio genitore al suo account, i ragazzi saranno in grado di richiedere il permesso di annullare i blocchi e i genitori avranno la possibilità di approvare o negare ogni richiesta.
La nostra suite iniziale di strumenti di supervisione dei genitori, che comprende una Parent Dashboard accessibile dall’app mobile Oculus, permetterà ai genitori di collegarsi all’account del loro figlio. Il processo è avviato dal ragazzo, e sia lui che il genitore devono essere d’accordo con l’esperienza. Questo è solo un punto di partenza, continueremo a crescere ed evolvere i nostri strumenti di supervisione nel tempo.

Per iniziare, offriremo le seguenti protezioni, alle quali il genitore collegato può accedere tramite la Parent Dashboard nell’app mobile di Oculus:

  • Il genitore sarà in grado di approvare il download o l’acquisto da parte dell’adolescente di un’app che è bloccata di default in base alla sua classificazione IARC: Gli adolescenti dai 13 anni in su possono inviare una richiesta “Chiedi di comprare”, che fa scattare una notifica al loro genitore; o Il genitore può quindi approvare o negare la richiesta dall’app mobile Oculus.
  • Il genitore sarà in grado di bloccare app specifiche che potrebbero essere inappropriate per il loro figlio, il che gli impedirà di lanciare quelle app. Le app che possono essere bloccate includono app come browser web e app disponibili su Quest Store;
  • Il genitore sarà in grado di visualizzare tutte le app che il ragazzo possiede;
  • Il genitore sarà in grado di ricevere “Notifiche di acquisto”, che lo avvisano quando l’adolescente effettua un acquisto in VR;
  • Il genitore sarà in grado di visualizzare il tempo di schermo del visore dall’app mobile Oculus, in modo da sapere quanto tempo il ragazzo trascorre in VR;
  • Il genitore sarà in grado di visualizzare l’elenco degli amici Oculus del figlio;
  • Il genitore sarà in grado di bloccare bloccare Link e Air Link,, il che impedirà all’adolescente di accedere a contenuti dal proprio PC sul visore Quest.
  • Gli adolescenti con account collegati saranno in grado solo di vedere, senza potervi interagire, il Parent Dashboard, dall’app mobile di Oculus.

Come promemoria, i dispositivi Quest sono destinati ad essere utilizzati solo da persone di età superiore ai 13 anni e non sono progettati per i bambini più piccoli. Questo è dichiarato nei nostri Termini di servizio, nell’onboarding del prodotto e nel Safety Center. E le funzioni di supervisione parentale che forniamo sono progettate per soddisfare le esigenze degli adolescenti dai 13 anni in su. Per ulteriori suggerimenti e strumenti che i genitori possono utilizzare per aiutare i ragazzi dai 13 anni in su a mantenere la sicurezza nella VR, clicca qui. Meta ha anche introdotto oggi il Family Center, un nuovo posto per genitori e tutori per accedere agli strumenti di supervisione di Instagram e alle risorse dei maggiori esperti.


Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.