Poco prima della fine dell’anno abbiamo avuto modo di provare il Predator Helios 300 valutandolo un buon portatile per chi cerca un ottimo rapporto qualità prezzo. Adesso mettiamo finalmente sotto la nostra lente di ingrandimento il nuovo Acer Predator Triton 700, il notebook più potente della linea Predator Gaming.

Al primo sguardo si capisce subito che questo portatile non teme nessun gioco attualmente sul mercato con la GPU NVIDIA GeForce GTX 1080 con design Max Q e 16 GB di RAM. Qualsiasi gioco attualmente in commercio è possibile gustarselo sullo schermo 15,6 pollici ad un minimo di 60 frame al secondo alla massima definizione grafica.

Per i dati tecnici e le prestazioni abbiamo le sezioni apposite, non perdiamo troppo tempo e vediamo subito nel dettaglio questo notebook estremamente performante.

Videorecensione

Unboxing e primo contatto

Ultimamente i produttori di notebook gaming creano delle confezioni di vendita molto particolari che rispecchiano appieno il loro contenuto. Il Triton 700 riprende in buona parte, con un packaging minimal dalle linee curate e eleganti, quello del più piccolo Helios 300 salvaguardato da urti accidentali, grazie a morbide ma resistenti sezioni in polistirolo sagomato.

Il primo contatto con il Triton 700 è molto positivo. L’intera struttura esterna del case è realizzata in un resistente alluminio, così come la sezione che racchiude la tastiera che non flette a nessuna pressione. La cornice dello schermo, leggermente troppo grande per i miei gusti, è l’unica sezione in plastica del notebook, ma viene presto messa in secondo piano dalla bellissima zona in gorilla glass, che è anche il touchpad del portatile. Intravedere le heatpipes interne e personalizzare la ventola di raffreddamento con un colore a scelta è una funzione bella da morire, ma pecca in comodità di utilizzo, ne parliamo dopo.

Lo schermo è un IPS da 15,6 pollici FHD certificato G-Sync con un’impressionante refresh rate di 120 Hrz offrendo una fluidità nelle immagini superiore alla media dei classici laptop gaming. La struttura dello stesso risulta abbastanza rigida grazie anche al retro in alluminio e le cerniere dello stesso sono solide e mantengono la posizione desiderata.

Acer Predator Triton 700

Vai alla scheda tecnica
Acer Predator Triton 700

i7-7700HQ

GeForce® GTX 1080 Max Q Design

16 GB

512 SSD

15.6

2.4 Kg

Portatili per giocare • I migliori notebook gaming • Novembre 2018
Un notebook gaming può essere un'ottima alternativa ad un pc desktop per giocare ai massimi livelli. Scopriamo i migliori portatili per giocare.

Design e Ergonomia

L’era del portatile gaming che risultava brutto e rozzo è finita. Adesso, oltre a caratteristiche fuori dal comune, si ricerca sempre di più una linea elegante e aggressiva allo stesso tempo.

Possiamo considerare il Predator Triton 700 uno dei precursori per i nuovi design sui laptop gaming. Grazie alla fusione estetica di vetro e alluminio questo notebook non passa di certo inosservato.

Partendo dalla scocca inferiore possiamo notare come questo portatile offra delle prese di aerazione molto ampie per garantire un perfetto ricircolo d’aria durante le sessioni di gioco.

Il retro dello schermo risulta pulito e molto elegante grazie anche al colore scuro del metallo che contrasta bene il logo azzurro non illuminato.

Elegante e molto potente questo Triton 700

All’interno, la prima cosa che viene notata subito, è l’inversione delle posizioni tastiera – touchpad. Il vetro Gorilla Glass, che copre una buona parte della zona superiore, lascia intravedere una ventola di raffreddamento illuminata da un led personalizzabile e i dissipatori di calore in rame che trasportano il caldo generato da CPU e GPU al sistema di raffreddamento. Non è ben delimitata l’area dedicata al touchpad che, nonostante funzioni egregiamente e permetta tutte le funzioni date dai Precision Drivers di Windows 10, risulta strano da utilizzare.

Molteplici sono le connessioni a disposizione su questo computer e mentre solitamente ci soffermiamo solo sui lati anche il retro ha delle belle sorprese.

Sul lato destro troviamo una porta USB 3.0, una porta USB Type-C, un ingresso LAN e il tasto d’accensione che resta illuminato durante l’accensione.

Sul lato opposto sono presenti 2 porte USB 3.0, una coppia di ingressi da 3.5mm per microfono e cuffie e una insolita porta USB 2.0 più interna rispetto alle altre. E’ in questa posizione per permettere di lasciare, soprattutto in caso di trasporto del notebook, un eventuale connettore wireless per mouse e tastiera.

Sul retro oltre ad ampi sfiati che analizziamo successivamente troviamo una bella sorpresa: oltre a una uscita HDMI vi è una uscita video Display Port in dimensioni standard. Fortunatamente questo Triton 700 ci permette di utilizzare fino a due schermi esterni contemporaneamente per un ottimo multitasking o per giocare con una risoluzione molto ampia.

Nella classica posizione su cui siamo abituati a vederli su ogni notebook, sono presenti una webcam onesta e un microfono che completano le connettività.

Il portatile ha un peso 2.4 chilogrammi che non risulta troppo eccessivo offrendo al notebook una buona trasportabilità, soprattutto per chi intende utilizzare questo portatile in luoghi diversi. Il notebook non è leggerissimo, se lo paragoniamo ad altri portatili in commercio di dimensioni analoghe, ma bisogna tenere sempre a mente che le importanti caratteristiche all’interno necessitano di un sistema di raffreddamento all’altezza dei componenti.

Tastiera e Touchpad

Se la strana collocazione dei dispositivi di input vi ha incuriosito, vediamo più nel dettaglio cosa offrono nello specifico il touchpad e la tastiera.

Partendo dalla tastiera è impossibile non notare la particolare retroilluminazione multicolore dei tasti, completamente personalizzabili uno ad uno con la Predator Sense. La visibilità dell’effetto luminoso è molto bella anche in ore diurne,anche se difficile da notare, ma è al calar del sole che l’esperienza è ai massimi livelli. Un tripudio di colori e luci adorna la keyboard offrendo un esperienza cromatica non indifferente. La tastiera è meccanica, ma non una classica a cui sono abituato con i tasti Cerry MX, infatti ci è voluto più del previsto per abituarmi. Per specificare, la tastiera è molto buona ma differenzia totalmente dalle tastiere cui si è abituati a trovare sui portatili, anche gaming, e quindi ho dovuto perdere più tempo del necessario per ri-imparare a utilizzare ex novo questa tastiera.

Il touchpad è il più strano, e anche il più belllo, che ho avuto il piacere di provare con le mie mani. La zona è realizzata interamente in vetro Gorilla Glass che lo rende uno dei più particolari presenti sul mercato. Bello però, non vuol dire performante. Si perché nonostante sia molto appagante vedere la ventola illuminata e i dissipatori, è anche vero che la superficie tende a trattenere tutte le ditate che andremo a fare per un utilizzo basic. Il vetro durante le sessioni gaming tende a scaldarsi molto, vista la zona a diretto contatto con i dissipatori e inoltre, i classici click destro sinistro sono abbastanza difficili da effettuare data la mancanza di tasti fisici da premere. Per essere onesto il touchpad, in caso di gaming sarà totalmente ignorato, visto il probabile utilizzo di mouse esterno, gentilmente Acer ne ha incluso uno buono nella confezione di vendita.

Prestazioni

I componenti all’interno sono il fiore all’occhiello di questo notebook. La scheda video installata su questo Acer Triton 700 è una NVIDIA GeForce GTX 1080 Max Q Design da 8GB VR Ready. Max Q è la terminologia usata da Nvidia per specificare quei portatili che offrono un corpo sottile e un minor riscaldamento generale, a discapito di un calo di prestazioni rispetto ai modelli standard da notebook. Comunque la fusione di questa GPU e del navigato processore Intel i7 7700HQ garantisce una configurazione eccellente per giocare a qualsiasi titolo presente sul mercato. I 16 GB di RAM DDR4, espandibili, e un e un SSD in Raid0 da 512 GB garantiscono una rapidità di utilizzo estremamente performante.

Design sottile per questo Acer Triton 700 con la GTX 1080 Max Q.

Marchio di fabbrica è presente di default la Predator Sense. Una suite proprietaria che permette di effettuare qualche manipolazione al volo sulla velocità delle ventole, sull’illuminazione della tastiera e su un piccolo overclock di sistema, vediamo più nel dettaglio.

E possibile regolare la velocità a cui ruotano le ventole di raffreddamento e attivare la funzione CoolBoost che aumenterà la velocità massima dell due AeroBlade 3D, si può personalizzare ogni tasto e la ventola a vista con un colore o un effetto particolare grazie all’illuminazione RGB tasto per tasto ed è possibile offrire al sistema un piccolo overclock attraverso pochi semplici click nella semplice e intuitiva interfaccia.

Gaming Benchmarks

Per non annoiarvi con una sfilza di numeri, che vi lascio tutti racchiusi nella galleria sottostante, vi parlo brevemente delle potenzialità di questo notebook gaming.

Il fattore primario su cui si basa la potenza di un portatile è la capacità di far girare un titolo, o un benchmark specifico, ad una determinata velocità per valutare la forza bruta del notebook. Questo Acer Predator Triton 700 come avete potuto vedere dai risultati è un notebook da gioco che performa in maniera ottimale in tutti i campi. I valori raggiunti in FHD sono estremamente appaganti e giocare sullo schermo a 120 Hrz e con G-Sync attivo è un’esperienza che consiglio a chiunque cerchi di avere la massima espressione video ludica.

Il portatile gestisce tranquillamente il gioco in realtà virtuale. Sebbene le specifiche tecniche minime per ricevere la certificazione VR Ready siano inferiori alle caratteristiche di questo notebook, ho voluto provare ad effettuare qualche test per ottenere una conferma ulteriore della bontà del portatile.

Non sono mancate sessioni di gioco con i titoli del momento, belli importanti e impegnativi come Far Cry 5, o con prodotti meno esosi in termini di caratteristiche ma pur sempre importanti a fini di recensione.

90 FPS medi su Far Cry 5 ad Ultra

Parlando di titoli ludici che non hanno un bechmark integrato,dai più semplici ai più complessi, non ho trovato particolari problematiche a giocare al massimo senza scatti. A seconda del titolo, non sarà un problema ad avere ottimi risultati anche in 4k su di uno schermo esterno dedicato.

Multimedia

Vediamo più nello specifico come si comporta in ambito multimediale in un utilizzo più classico.

Display

Lo schermo è un IPS che copre circa il 96 % della scala di colori RGB, è certificato G-Sync e ha una velocità di aggiornamento di 120 Hrz. Fortunatamente, ma per il valore del notebook non mi stupisco più di tanto, Acer ha scelto di installare un pannello tale da sostenere una velocità di aggiornamento alta per offrire una qualità video strabiliante e ottimi angoli di visuale a discapito di un pannello TN, forse più adatto a giocare grazie ai migliori tempi di risposta ma meno performante in ambito generale.

Audio

Gli speaker sono intelligentemente posizionati ai lati della tastiera ed è quasi impossibile coprirli durante l’utilizzo. Il suono che ne esce è abbastanza alto anche se carente di bassi dedicati. Durante le sessioni di gioco intenso ho preferito appoggiarmi ad un paio di cuffie esterne perché il rumore delle ventole andava, in alcuni momenti, a sormontare il volume massimo raggiunto dalle casse, niente di preoccupante, ma fastidioso.

Autonomia

Il design Max Q della GTX 1080 permette si un minor consumo energetico rispetto a una versione standard, ma ha un difetto, se così posso chiamarlo, abbastanza sostanziale. Tutti i portatili dotati di una scheda video come questa, a differenza dei classici portatili a cui siamo abituati, non ha una scheda grafica integrata. Questo vuol dire che anche senza alcun videogioco, o finestra aperta, tutte le operazioni passano attraverso la scheda dedicata comportando un dispendio maggiore rispetto a una integrata.

Per quanto riguarda l’autonomia, tenendo conto di ciò descritto sopra, non riusciremo a superare le due ore di utilizzo normale del notebook, molto meno se vogliamo giocare staccati dalla corrente. I numeri lo piazzano tra i portatili con meno autonomia in assoluto, nonostante tutte le ottimizzazioni del caso come riduzione della luminosità; un valore che personalmente non ritengo molto invalidante in quanto il portatile è pensato e progettato per essere un vero e proprio desktop replacement, con la particolarità di poter essere spostato molto più facilmente di un setup completo standard.

PC da gioco - i migliori componenti per giocare • Novembre 2018
Scegliamo i componenti per il vostro PC per giocare in base al vostro budget e alle vostre esigenze. Diverse configurazioni divise per fasce di prezzo.

Conclusioni

Dopo aver snocciolato tutti i valori e messo sotto torchio il portatile è giunto il momento di tirare le somme su questo Acer Triton 700.

Il notebook risulta particolarmente intrigante sia per le linee che per le caratteristiche tecniche che ha a sua disposizione. Il peso, relativamente contenuto per le caratteristiche a disposizione, permette a chiunque se lo può permettere di avere una macchina da gioco facilmente trasportabile in qualsiasi zona della casa.

Sostanzialmente, l’unico difetto riscontrato per il notebook in recensione, è come facilmente ipotizzabile il prezzo a cui proposto. 3499 euro sono tanti, forse troppi per un portatile gaming se si pensa che con la metà si può avere un desktop di equivalenti  prestazioni. Quindi, perché acquistare Acer Triton 700?

Semplicemente questo Triton 700 risulta essere uno dei migliori, se non il miglior portatile gaming di questa categoria su cui ho messo le mani. Certo mi viene in mente la concorrenza diretta, stò parlando del Asus Zepyrus, assomiglia molto a questo modello e ha un prezzo leggermente minore, ma a pelle ritengo che questo Acer ha tutte le carte in regola per essere un MUST BUY per chi cerca la miglior soluzione per quanto riguarda la potenza e la trasportabilità. Le ventole di raffreddamento con tecnologia AeroBlade 3D sono molto preformanti e non troppo rumorose, se non in sessioni di gioco estremo.

La scheda video, NVIDIA GeForce GTX 1080 Max Q offre prestazioni altamente sorprendenti, specialmente pensando alle dimensioni del portatile, che risultano ampiamente soddisfacenti per giocare tutto il 2018 alla massima qualità grafica disponibile, e ottenere valori molto buoni anche su schermi esterni a risoluzioni 4K.

Pro

  • Eccellente trasporabilità
  • Ottimo sistema di raffreddamento
  • Prestazioni elevate
  • Audio buono nonostante la carenza di bassi

Contro

  • Touchpad - Bello da vedere ma scomodo da usare
  • Ventole alla massima velocità rumorose
  • Batteria scarsa anche per uso standard
Portatili per giocare • I migliori notebook gaming • Novembre 2018
Un notebook gaming può essere un'ottima alternativa ad un pc desktop per giocare ai massimi livelli. Scopriamo i migliori portatili per giocare.

Offerte

Il prezzo ufficiale lo avete letto poco sopra, noi cerchiamo sempre di lasciarvi qualche suggerimento per risparmiare qualcosa online. Ecco le offerte aggiornate per questo notebook gaming.

Acer Predator Triton 700

Vai alla scheda tecnica
Acer Predator Triton 700

i7-7700HQ

GeForce® GTX 1080 Max Q Design

16 GB

512 SSD

15.6

2.4 Kg

I nostri voti

Design9.5
Tastiera10
Touchpad - Mouse8.5
Display9.5
Audio9
Prestazioni9.5
Autonomia9
Rapporto qualità-prezzo9
Voto finale9.3

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: