Realme, da quando è arrivata in Europa, ci ha abituato al lancio di diversi prodotti, tutti di qualità. Non è un’azienda che intende perdere tempo, Realme. Soprattutto, non è facile per nessuno mettere sul mercato dispositivi interessanti nelle fasce più economiche, ovvero quella media e quella bassa, ricche di prodotti. Eppure la casa cinese ci è riuscita di nuovo, con Realme 7 Pro e Realme 7, quest’ultimo oggetto della presente recensione.

venduto da 
€ 283
€ 319.9  [-12%]

Per chi ha un budget limitato, Realme 7 è il prodotto da considerare.

  • Display:6.5
  • CPU:Helio G95 MediaTek 2x 2.05 GHz Cortex-A76 + 6x 2.0 GHz Cortex-A55
  • RAM:6 GB
  • Memoria Interna:64 GB Espandibile
  • Fotocamera:64Mp
  • Sistema Operativo:Android 10 Realme UI
realme 7 MIST BLUE 4/64GB

Unboxing Realme 7

La confezione gialla canarino del Realme 7 Pro cela un contenuto apprezzato da tutti gli utenti: manualistica rapida, una comoda cover in TPU e caricabatterie rapido con tecnologia Dart da 30 W, strumento ideale per impreziosire uno smartphone base di gamma.

Per intenderci, il caricabatterie in confezione è lo stesso che era presente insieme agli smartphone OnePlus top di gamma dello scorso anno.

Scheda tecnica Realme 7

Realme 7 non implementa un processore Qualcomm, bensì MediaTek. Parliamo, nello specifico, dell’octa-core Helio G95, supportato nella mia versione da 8GB di RAM e da 128GB di memoria interna UFS 2.1 espandibile via microSD.  Merita attenzione anche il display, un’unità LCD da 6,5 pollici in 20:9 con refresh rate a 90Hz. Di seguito la scheda tecnica completa:

Sistema OperativoAndroid
Versione Sistema OperativoAndroid 10 Realme UI
Peso196.5 grammi
CPUHelio G95 MediaTek 2x 2.05 GHz Cortex-A76 + 6x 2.0 GHz Cortex-A55
GPUMali-G76 MC4
RAM (GB)6 GB
Memoria interna (GB)64 GB
Pollici Display6.5
Risoluzione Display1080 x 2400 pixel
Tipologia DisplayIPS LCD colori 16 milioni Gorilla Glass 3
Megapixel Fotocamera64
Capacita batteria (mAh)5000

Vai alla scheda completa: Scheda tecnica Realme 7.

Design Realme 7

E’ vero, al posteriore c’è policarbonato. Ma il trattamento sulla scocca posteriore del Realme 7 lascia intendere, in ogni caso, un impegno dell’azienda cinese nell’impreziosire il dispositivo. Il risultato è garantito. Realme 7 ha una finitura elegante nel retro, con la luce che colpisce da diverse angolazioni lo smartphone e dona riflessi che si muovono lungo tutta la superficie. C’è ordine geometrico e attenzione ai dettagli: la linea longitudinale al posteriore che diversifica il trattamento riservato alla scocca continua all’interno del modulo fotografico principale e separa le camere dal flash LED Dual-Tone.

Il Mirror Design fa effetto

Frontalmente si vedono i limiti di uno schermo LCD, che non riesce completamente ad eliminare i bordi a causa della retroilluminazione del display. In ogni caso le cornici non sono un problema, soprattutto su un dispositivo posto su questa fascia di prezzo. Il display è molto grande ed è interrotto da un punch hole di medie dimensioni, atto ad ospitare la camera frontale.

Il risultato è quello di un dispositivo piacevole alla vista, ergonomico e solido, grazie all’utilizzo del policarbonato che risulta essere meno delicato del vetro. L’unico appunto è sullo spessore, leggermente superiore alla media (9,4 mm), a causa del display LCD, che richiede più spazio rispetto al pannello OLED, e della batteria generosa da 5.000 mAh.

Display Realme 7

Partiamo da un presupposto: il pannello IPS LCD da 6,4 pollici con risoluzione da 2400×1800 pixel è adeguato per l’utilizzo del dispositivo in ogni contesto. Realme ha deciso di arricchire l’offerta ai propri utenti inserendo un display in grado di regolare il refresh rate fino a 90 Hz.

Non parliamo di un pannello perfetto in termini assoluti. Il vetro trattiene spesso le impronte digitali, a causa dell’implementazione della soluzione di Corning di qualche anno fa, il Gorilla Glass 3. I neri, inoltre, non sono perfetti e al variare dell’inclinazione del display i colori virano leggermente. Il sensore di luminosità lavora in maniera adeguata al modificarsi dell’ambiente in cui lo smartphone viene utilizzato, ma è proprio il pannello stesso a non avere una luminosità massima eccessiva. Alla luce del sole, però, Realme 7 si lascia apprezzare ugualmente, anche se ci sono dispositivi che fanno meglio.

La gestione del pannello a livello software è semplificata rispetto a quella disponibile sul fratello maggiore Realme 7, poiché più economica è la soluzione adottata. Non c’è la possibilità di cambiare lo spazio colore, ma è disponibile all’utente la voce “Effetto visivo OSIE“, una sorta di enfatizzazione dei colori, che prova a saturare le immagini riprodotte. Il risultato è buono in ogni caso. Si nota che manca la qualità tipica di un OLED, ma al prezzo di vendita del Realme 7 non si può pretendere di più.

Utilizzo Realme 7

Il Mediatek Helio G95 è il processore pensato per fruire dei giochi con un dispositivo economico. Di interessante c’è il supporto alla GPU Mali G76, scheda grafica che lavora ad un clock di 900 Mhz e che consente di riprodurre tutti i titoli presenti su mobile senza tanti compromessi.

Realme 7, dunque, in ambito gaming, regala ampie soddisfazioni, anche con i titoli più energivori. Bisogna regolare le impostazioni grafiche con alcuni titoli e accontentarsi di limitare le riproduzioni grafiche 3d, soprattutto con i giochi di recente uscita, ma l’esperienza di gioco è assicurata.

Insieme al processore MediaTek e alla GPU troviamo, in questa versione 8GB di RAM LPDDR4x e 128GB di memoria interna UFS 2.1. Nell’utilizzo quotidiano lo smartphone si comporta bene. Non parliamo di esperienza eccezionale, nemmeno con i 90 Hz impostati. In alcuni frangenti, quando passiamo da un’app all’altra, in particolar modo software pesanti, quando apriamo il Multitasking per recuperare attività svolte in precedenza, qualche incertezza si nota.

I 90 Hz di refresh rate del display aiutano a migliorare la fluidità mentre ci si muove nelle app o nei menù, ma il processore e tutto l’hardware a disposizione non riescono in ogni contesto a far girare perfettamente tutto il sistema. Sono performance assolutamente adeguate per un tale dispositivo e quindi il parere sulle prestazioni del device sono assolutamente positive.

Questo grazie anche al software in dotazione. La Realme UI è ormai rodata e ha già dato dimostrazione di comportarsi bene anche su dispositivi di fascia bassa. Troviamo diverse opzioni per arricchire l’esperienza di utilizzo di un dispositivo con a bordo Android, come il Game Space, la funzione clonazione delle applicazioni o la barra laterale intelligente, utile per richiamare in finestra qualsiasi app installata sullo smartphone.

Meritano menzione il sensore di impronte e la batteria da 5.000 mAh installata. Interessante la soluzione adottata da Realme di inserire il sensore biometrico per le impronte digitali sul pulsante laterale di accensione. I display LCD non permettono di adottare un sensore biometrico sotto al display, quindi la scelta da parte del costruttore è stata quasi obbligata. Funziona comunque molto bene e la preferisco rispetto al sensore sotto al display del fratello Realme 7 Pro, non proprio perfetto.

La durata della batteria, invece, è ottima, grazie anche al processore non particolarmente energivoro, nemmeno durante sessioni di gaming spinte. Il vero valore aggiunto è il carica batterie da 30W, che consente di portare la batteria del Realme 7 dallo 0% al 100% in poco più di un’ora.

Fotocamera Realme 7

Il telefono mostra alcuni limiti lato fotografico. E’ sempre difficile, per un’azienda, stupire con un dispositivo lato camere quando lo stesso è acquistabile ad un prezzo molto appetibile. Si può osare con il resto dell’hardware, regalando agli utenti un’esperienza d’uso appagante e fluida in tutte le fasce di prezzo, ma con un telefono economico poco si può fare dal punto di vista fotografico.

Questo preambolo per sottolineare il fatto che i sensori posteriori del Realme 7 non realizzano scatti da smartphone di prima fascia. Sono assolutamente idonei per un utilizzo social, anche se sono presenti alcuni limiti. Innanzitutto è opportuno partire dalla descrizione dei sensori. Al posteriore trovano posto 4 camere: una principale da 48 MP, una grandangolare da 8 MP, una ToF da 2 MP e una macro da 2 MP.

Non c’è traccia, dunque, di un sensore zoom, che quindi sarà disponibile solo sfruttando la tecnologia digitale. Le immagini realizzate di giorno sono buone, ben contrastate, con una buona gamma dinamica e con un HDR che riesce a riprodurre bene i contrasti. Meno dettagliati sono gli scatti effettuati con la fotocamera grandangolare, che mostra particolarmente il fianco di notte. C’è una modalità notturna che lavora bene per migliorare la luminosità e i dettagli della foto in condizioni difficili, ma i frame scendono di qualità anche con la camera principale. Sono accettabili, ma nulla di più.

I video possono essere registrati in FULL HD a 60 fps o in 4K a 30 fps e sono ben realizzati e con una sufficiente stabilizzazione. Interessante la funzione Steady, che migliora ancora di più la stabilità dei video realizzati sia con la camera anteriore che con quella posteriore, purché siano effettuati in condizioni di luce ottimali.

Conclusioni Realme 7

Il Realme 7 in mio possesso, con 8GB di RAM e 128GB di ROM espandibile è disponibile ad un prezzo di 249 euro. La versione di attacco si posiziona sotto ai 200 euro, esattamente 179 euro. Si tratta, dunque, di un dispositivo economico che punta ad essere al centro dell’attenzione per le sue caratteristiche e performance.

Ha dalla sua un processore votato al gaming, che al contempo non limita l’utente durante le operazioni quotidiane. Anzi, l’esperienza di utilizzo è appagante, grazie anche ad un display non eccelso, ma che supporta i 90 Hz. Ottimo il capitolo autonomia: la batteria da 5.000 mAh e la ricarica rapida a 30W, grazie al caricabatterie proprietario, consentono un utilizzo del terminale senza particolari limiti. Trovare una carica così prestante ad un prezzo relativamente basso è un aspetto non da sottovalutare. D’altra parte, solo un’azienda che deriva da Oppo potrebbe portare sul mercato un sistema di ricarica così efficace e sicuro.

Realme 7 è lo smartphone da tenere in considerazione per chi ha un budget limitato e non vuole rinunciare alle novità tecnologiche. L’azienda cinese vuole sbaragliare la concorrenza sulla fascia media e bassa del mercato. Con gli ultimi dispositivi presentati, sembra proprio che ci stia riuscendo!

Offerte Realme 7

venduto da 
€ 181
€ 199.9  [-9%]

Pro

  • Lettore di impronte digitali
  • Autonomia e ricarica rapida
  • Software

Contro

  • Display

I nostri voti

Design7
Display7
Audio8
Utilizzo7.5
Autonomia8.5
Fotocamera - Video7
Rapporto qualità - prezzo7.5
Voto finale7.5

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.