Lo sguardo degli appassionati del marchio Samsung è già rivolto verso il futuro flagship Galaxy S8 che, causa il tramonto precoce del Note 7, è da tempo al centro di numerose indiscrezioni. Si è parlato di schermo con risoluzione 4K, che dovrebbe rivelarsi ideale per le applicazioni VR, e dei futuri SoC top di gamma di Qualcomm e Samsung, ovvero lo Snapdragon 830 e Exynos 8895, anche se forse, dal momento che i tecnici dell’azienda stanno ancora cercando di capire cosa è andato storto con il Note 7, si tratta di discorsi prematuri.

Ciò nonostante, nuovi report provenienti dal social cinese Weibo evidenziano la possibilità che Samsung possa montare sul proprio smartphone di futura generazione un sensore biometrico per il riconoscimento ottico delle impronte digitali. Nel caso tali rumors si rivelassero veritieri e nessun concorrente riuscisse ad anticipare il produttore sudcoreano, il Galaxy S8 potrebbe essere il primo smartphone in assoluto a farne uso.

Samsung Galaxy S8
Samsung Galaxy S8 – Concept

Una delle prime voci riguardo il Galaxy S8 riguardava la presunta adozione di un design edgeless, ovvero con cornici sottilissime e quasi impercettibili. Proprio ieri il gigante cinese Xiaomi ha mostrato un dispositivo con caratteristiche simili, il “concept-phone” Xiaomi Mi MIX; il fatto che anche Samsung abbia intenzione di porre grande enfasi sul comparto visivo del proprio smartphone avalla ulteriormente l’ipotesi che l’azienda possa decidere di incorporare un fingerprint ottico. Tale sensore, infatti, può essere comodamente posizionato sotto il vetro del telefono.

Si tratterebbe di una scelta in linea con la filosofia Samsung, i cui utenti sono abituati già da tempo a sbloccare il telefono con un sensore biometrico anteriore piuttosto che posteriore o laterale. Il riconoscimento ottico delle impronte sarebbe inoltre più accurato e veloce rispetto ai tanto osannati sistemi a riconoscimento ultrasonico che solamente nel corso delle ultime settimane hanno cominciato a fare capolino sul mercato. Dopo il fallimento del Note 7, ci si attende da Samsung un dispositivo perfetto, o quasi. Vedremo in che maniera l’azienda deciderà di fare ammenda per i disagi causati ai suoi utenti.


Partecipa alla discussione