Uno dei principali problemi a cui abbiamo dovuto assistere negli ultimi due anni è il fenomeno delle fake news. Youtube ha quindi deciso di adoperare nuove funzioni per contrastare il fenomeno della disinformazione sulla piattaforma investendo 25 milioni di dollari in aiuti per le organizzazioni d’informazione che intendono ampliare la propria offerta video, come parte del più ampio programma da 300 milioni di dollari sponsorizzato da Google (Google News Initiative).

L’obiettivo di Youtube è creare nuovi strumenti per identificare fonti di notizie autorevoli e fare in modo che i loro contenuti arrivino in cima al feed degli utenti, spesso la disinformazione riesce ad arrivare ad un pubblico enorme rispetto alle notizie vere. Il problema principale è quello di riuscire a gestire enormi moli di contenuti, basti pensare agli algoritmi che lavorano sui video per gestire le pubblicità.

Youtube, quali nuovi strumenti ci saranno?

Il primo strumento che aiuterà gli utenti a non incappare in fake news sarà quello di mostrare  un pannello informativo sopra i video con lo sviluppo delle storie che includerà un link all’articolo che Google News ha ritenuto il più autorevole sul tema . Le fonti citate da Youtube e considerate autorevoli sono Cnn e Fox News. Altra novità annunciata è l’ampliamento ad altri paesi, Italia compresa, della funzione che attiva nella home page, durante gli eventi di cronaca, una sezione con solo i video provenienti da fonti che YouTube considera autorevoli, suggerimenti sui video successivi compresi.

Tutti questi strumenti, a cui se ne aggiungeranno altri nel tempo, cercheranno di interrompere la fruizione di suggerimenti in base ai gusti degli utenti, ad oggi infatti chi vede molti contenuti su teorie cospirazioniste, non farà che ricevere altre notizie del genere, spesso false.

Ci saranno, inoltre, delle notifiche visive che attestano la veridicità degli argomenti trattati nel caso di video su “argomenti storici e scientifici che sono stati spesso soggetti a disinformazione, come lo sbarco sulla luna e gli attentati di Oklahoma City” si legge sul blog. Inoltre, dalla prossima settimana gli utenti potranno visualizzare informazioni provenienti da fonti di terze parti, come Wikipedia ed Encyclopedia Britannica.

Youtube ha creare anche  un gruppo di lavoro per lo sviluppo di nuove funzionalità che migliorino l’esperienza delle notizie su YouTube. I primi membri del gruppo di lavoro includono Vox Media, Jovem Pan e India Today. Inoltre, YouTube, Google News Initiative e Google.org, collaborano con il Poynter Institute, la Stanford University, la Local Media Association e la National Association for Media Literacy Education (NAMLE) per supportare MediaWise, un’iniziativa progettata per migliorare le competenze di alfabetizzazione digitale di un milione di adolescenti. Proprio quest’ultima porterà alcuni popolari creatori di contenuti su YouTube, come John Green, Ingrid Nilsen e Mark Watson, a creare video che sensibilizzino sull’alfabetizzazione digitale e aiutino i ragazzi a riconoscere le fonti di notizie e le informazioni legittime.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: