Il 2016 verrà certamente ricordato come l’anno che ha scatenato il trend degli smartphone con setup dual-camera posteriore. Già nel 2016 tale soluzione non era da considerarsi una novità assoluta, ma dispositivi come LG G5 e Huawei P9 hanno rilanciato questa feature, inducendo i produttori di chip a implementare soluzioni low-cost che permettessero di supportarla con estrema facilità senza doversi sobbarcare ingenti costi – e tempi – di sviluppo. Per questo motivo tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 proliferano soluzioni di fascia media o medio-bassa dotati di doppia fotocamera.

ZTE Blade V8 Pro, presentato al CES 2017, è uno di questi: si tratta di un mid-range da 5.5 pollici con display Full HD da 1920 x 108o pixel, 3GB di memoria RAM e 32GB di memoria interna, che è possibile espandere fino a 128GB tramite il classico slot microSD. La nuova proposta di ZTE beneficia di una batteria da 31240 mAh, una porta USB Type-C e un sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali, preservando peraltro l’amato/odiato jack audio da 3.5 millimetri.

Il comparto fotografico è composto da un modulo dual-camera principale con due sensori da 13MP e da una fotocamera selfie anteriore da 8MP. Il punto di forza di questo dispositivo, basato su piattaforma Qualcomm Snapdragon 625, è certamente il prezzo, pari a 230 dollari per il mercato USA. Un prezzo certamente allettante, giustificato però da alcune “pecche” che riducono l’appetibilità del dispositivo: la porta USB Type-C, ad esempio, supporta sì la ricarica veloce ma tramite l’ormai obsoleta tecnologia Qualcomm QuickCharge 2.0. Il sistema operativo, inoltre, non è Android 7.0 Nougat come ci si potrebbe aspettare, ma bensì Android 6.0 Marshmallow. Vedremo se l’eventuale versione europea del prodotto ricalcherà le feature di quella americana o subirà qualche cambiamento.


Partecipa alla discussione