Motorola non è un player tecnologico privo di esperienza. Conosce molto bene il mercato degli smartphone, soprattutto quello dei dispositivi di fascia bassa/medio-bassa. La serie Moto G ha fatto la storia recente della telefonia, un punto di riferimento per tutti gli utenti che desideravano spendere poco e avere un dispositivo affidabile. Negli ultimi anni Motorola si è celata in mezzo a tanti nuove aziende agguerritissime e in qualche caso ha fatto fatica a ritagliarsi il proprio posto.

Motorola G31 non è il dispositivo della svolta nella fascia bassa del mercato, ma ha delle caratteristiche che lo rendono appetibile e degno di essere considerato, una su tutte il pannello OLED da 6,4 pollici.

venduto da 

Unboxing Motorola G31

All’interno della confezione del Motorola G31 sono presenti un trasformatore da 10W, un cavo USB – USB Type-C, cuffie auricolari open-fit con ingresso da 3,5mm di bassa qualità e una cover in silicone trasparente. Manca un trasformatore per la ricarica rapida, ma considerando la fascia di prezzo dello smartphone, si può accettare di ricaricare la batteria del dispositivo da 5.000 mAh con tempi più dilatati.

Scheda tecnica Motorola G31

Il punto di forza dello smartphone è il display OLED Max Vision 20:9 da 6,4 pollici (FULLHD+), una scelta non ancora comune nei dispositivi proposti a questo prezzo. Motorola ha scelto di affidarsi a MediaTek per il processore, montando l’Helio G85, una soluzione octa-core realizzata con processo produttivo a 12nm. Sono installati nel Motorola G31 4GB di RAM e 128GB di memoria interna e-MMC espandibili.

Il comparto fotografico vede la presenza di una triplo modulo posteriore, caratterizzato da un sensore principale Quad Pixel da 50 MP, uno ultra-grandangolare per la profondità da 8 MP e uno macro da 2 MP. Di seguito la scheda tecnica completa:

Sistema Operativo Android
Versione Sistema Operativo Android 11
Dimensioni 161.89mm x 73.87mm x 8.55mm
Peso 181 grammi
CPU Helio G85 MediaTek 2x Cortex A75 2GHz + 6x Cortex A55 1.8GHz
GPU Mali-G52 MC2
RAM (GB) 4 GB
Memoria interna (GB) 128 GB
Pollici Display 6.4
Risoluzione Display 1080 x 2400 pixel
Tipologia Display OLED colori 16 milioni
Capacita batteria (mAh) 5000

Vai alla scheda completa: Scheda tecnica Motorola Moto G31.

Design Motorola G31

Che telefono serioso, verrebbe da dire! Il fatto che la concorrenza, anche in questa fascia di prezzo, sia attenta e ricerchi il design più accattivante e studi colori innovativi non aiuta il Motorola G31. Dal punto di vista estetico, lo smartphone non brilla affatto. Il colore Mineral Grey rende severa la realizzazione e la scelta dei materiali, tra l’altro cheap dato il prezzo.

Il policarbonato ruvido abbraccia completamente il posteriore, mentre il metallo viene relegato al frame laterale. Sul retro un’isola dalle linee tondeggianti racchiude i tre sensori, appena sopra al logo Motorola.

La texture della plastica migliora il grip, ma di certo non aiuta a donare allo smartphone un look più pregiato.

Meglio l’anteriore, con il pannello OLED che spicca e risulta protetto da cornici più spesse nella parte inferiore, senza però stonare. Il display è interrotto dal foro per la fotocamera, posto in alto in posizione centrale. E’ piccolo e non compromette la fruibilità dei contenuti riprodotti dal G31.

L’attenzione la cattura il display

Per quanto riguarda la maneggevolezza, il Motorola G31 recupera punti. Le dimensioni ed il peso (181 gr) permettono all’utente di utilizzarlo anche con una sola mano senza particolari difficoltà.

Nemmeno le linee tondeggianti ostacolano la presa. E poi, se si dovesse usare una cover gommata per aumentare il grip, nessun esteta ne soffrirebbe, visto il poco sex appeal estetico dello smartphone!

Poco ragionata invece la dislocazione dei pulsanti fisici che si trovano nel frame laterale destro del telefono: il pulsante di accensione con integrato il sensore di impronte (molto affidabile), il bilanciere del volume ed il pulsante per richiamare l’attenzione di Google Assistant. Tutti e tre sono disposti in fila verso la parte alta dello smartphone ed alcuni gesti, soprattutto quelli ad una mano per gestire il volume e per parlare con Assistant, sono scomodi da effettuare. L’Azienda avrebbe potuto spostarne alcuni sull’altro frame in posizione più comoda.

Display Motorola G31

Scelta azzeccata da parte di Motorola nell’utilizzare un pannello OLED. Una soluzione non scontata in questa fascia di prezzo, che premia il produttore e che eleva la qualità delle immagini riprodotte dal Motorola G31. Si tratta di un’unità OLED Max Vision da 6,4 pollici (FULLHD+), con refresh rate a 60Hz. A questo prezzo meglio i 90 o 120Hz in accoppiata ad un panello IPS o i 60Hz ad uno OLED? Senza dubbio la seconda proposta.

Viva l’OLED

Il pannello a matrice organica scelto da Motorola ha un’ottima qualità, a partire dalla riproduzione dei colori fino ad arrivare al punto di nero, con un contrasto assoluto. Nelle impostazioni è possibile regolare la saturazione del pannello, optando per un profilo più tenue o uno più carico, che esalta il contrasto e rende vivide le immagini.

Buona per la categoria anche la visibilità sotto alla luce diretta del sole, che permette all’utente di fruire dei contenuti senza particolare affanno. Motorola ha anche lavorato sul trattamento oleofobico del vetro, che risulta quasi perfetto: il display non trattiene le ditate e non si avverte l’esigenza di coprirlo con una pellicola.

Utilizzo Motorola G31

L’utilizzo di un pannello di qualità in questa fascia di prezzo ha costretto l’a casa alata a risparmiare sul processore. Non una strategia completamente errata da parte dell’Azienda, che punta sul software proprietario sempre leggero ed ottimizzato per compensare la mancanza di forza bruta. Parliamo, nello specifico, del MediaTek Helio G85, un octa-core realizzato a 12 nm che è stato presentato due anni fa e che ha fatto il suo debutto sul mercato a bordo degli ormai datati Redmi Note 9, dispositivi di fascia media del 2020.

La CPU è formata da due cluster: 1 da 6 Cortex A-55 a 1,8Ghz per le operazioni a basse prestazioni e 1 da 2 Cortex A-75 a 2Ghz per le funzioni che richiedono più risorse. Non parliamo di grandi performance. I test da benchmark testimoniano che il Motorola G31 risulta meno prestante di un dispositivo di pari fascia dello scorso anno. Questo anche a causa dei soli 4GB di RAM a disposizione e della memoria eMMC che non regalano prestazioni memorabili.

Motorola G31 consente di effettuare singole operazioni con performance discrete, ma quando l’utente richiede allo smartphone elaborazioni multiple, tipiche di un utilizzo quotidiano come ad esempio l’aggiornamento o il download delle app mentre si scrive del testo su una chat di messaggistica o mentre si consulta un social, si verificano rallentamenti e incertezze. Nulla di particolarmente invalidante, questo va sottolineato, ma ci sono soluzioni alternative che garantiscono una fluidità maggiore nella stessa fascia di prezzo.

La scelta effettuata da Motorola si rivela però vincente, dal momento che l’affidabilità della My UX, l’interfaccia Android di Motorola, ha consentito all’azienda di investire sul pannello e di lesinare sulla qualità del processore. Il software è praticamente quello stock di Android, ma Motorola lo potenzia dove serve e regala all’utente personalizzazioni uniche nel panorama.

Innanzitutto a bordo del Motorola G31 è installato Android 11, con le patch di sicurezza aggiornate al 1° dicembre 2021. Il display OLED dà importanza e valore alla funzione “Schermo Attento”, che mostra in anteprima, a display spento, le notifiche che arrivano al dispositivo e permette all’utente di raggiungere velocemente la notifica stessa o di eliminarla. L’esperienza quotidiana è migliorata ulteriormente dalla Modalità Gioco, dalle gesture personalizzabili che consentono facilmente di attivare la torcia, di effettuare screenshot, di capovolgere lo smartphone per silenziare le notifiche, etc…

Utile la funzione del doppio tap sul sensore di impronte digitali posto lateralmente (sempre rapido e preciso) per richiamare i collegamenti rapidi o quella che consente di lasciare acceso il dispositivo mentre l’utente fissa lo schermo. Parliamo di funzioni smart, di funzioni utili che migliorano l’esperienza e che Motorola installa all’interno di tutti i suoi device, dai top di gamma fino a questo Motorola G31.

Motorola G31 è smart grazie alla My UX

Il device supporta l’equalizzazione Dolby Atmos, che ha valore quando vengono collegati degli auricolari. L’audio del telefono, invece, è mono ed è garantito dalla cassa posta nella parte inferiore. Non è una vera e propria mancanza l’audio stereo su questa fascia, anche perchè il suono è alto e soddisfacente.

La batteria è da 5.000 mAh e consente all’utente di superare brillantemente la giornata senza il pensiero della ricarica, grazie soprattutto al processore poco energivoro, che non scalda mai e garantisce una discesa lineare dell’autonomia.

Fotocamera Motorola G31

Motorola G31 non brilla per prestazioni fotografiche! E’ bene precisarlo, perchè i risultati effettivamente sono in linea con la fascia di prezzo in cui si colloca il dispositivo. Il modulo fotografico posteriore è costituito da un sensore principale Quad Pixel da 50Mp, da uno ultra-grandangolare con apertura di 118° e da uno macro da 2 Mp. Di giorno i risultati sono buoni per un utilizzo social, con una corretta gestione del colore e del bilanciamento del bianco. Interessante è la Modalità Notte, che dà luce alle immagini scattate in condizione di scarsa illuminazione ambientale e contiene il rumore.

Di bassa qualità, invece, i video, soprattutto di notte. Le riprese hanno molto rumore video in condizione di scarsa luminosità e possono essere girati al massimo in FULLHD a 30fps. Merita menzione l’applicazione Fotocamera di Motorola G31, che presenta tante impostazioni e risulta, al contempo, intuitiva. Apprezzata la funzione che illumina il display quando viene scattato un selfie di notte, tramite la camera anteriore da 13 Mp.

Conclusioni Motorola G31

La strategia di Motorola ha una sua logica: aggredire un mercato affollatissimo con un prodotto che punta quasi tutto sul display OLED! Niente refresh rate elevato, nessun tipo di campionamento al tocco spinto. Il pannello del Motorola G31 offre un nero assoluto e colori vividi.

Altro punta di forza dello smartphone è il software di Motorola: My UX è leggera, poco invasiva ma piena di soluzioni smart che impreziosiscono l’esperienza utente. L’ottimizzazione del sistema operativo permette al dispositivo di muoversi nelle impostazioni e nelle app in maniera decorosa, nonostante l’implementazione di un processore MediaTek poco prestante e rallentato da soli 4GB di memoria RAM.

Motorola G31 è, quindi, un prodotto consigliato intorno ai 200 euro. Cosa potrebbe fermare l’utente nello scegliere proprio questo dispositivo? La ricerca estetica, la soluzione cool che colpisce e appaga l’occhio dell’utente. Da qualche tempo anche nella fascia bassa del mercato alcuni produttori hanno iniziato ad investire nel design, nei materiali e nel colore delle scocche, che prendono vita quando vengono colpiti dalla luce. Motorola G31 è austero, rigido, impostato e può risultare indifferente agli utenti più giovani. Sarebbe un peccato rimanere impassibili di fronte a questo prodotto della casa alata!

venduto da 

Pro

  • Interfaccia Android personalizzata My UX
  • Trattamento oleofobico Display
  • Autonomia
  • Display OLED performante

Contro

  • Estetica
  • Prestazioni
  • Risultati comparto fotografico

I nostri voti

Design5.5
Display8.5
Audio6
Utilizzo6
Autonomia8.5
Fotocamera6
Rapporto qualità-prezzo7
Voto finale6.8

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.