Il nuovo iPhone X non è solo carissimo, bellissimo ma anche estremamente potente. Forse anche troppo potente, non tutti i futuri possessori di iPhone X sfrutteranno davvero le capacità del processore A11 Bionic.

Qualche fortunato appassionato è riuscito a mettere le mani su questo super smartphone di Apple ed ha pensato bene di spremere il processore A11 Bionic sottoponendolo al famoso benchmark Geekbench. Ecco il risultato di Geekbench registrato dal processore A11 Bionic di iPhone X:

Il passo in avanti rispetto ad iPhone 7 è sostanzioso, iPhone X con A11 Bionic riesce a totalizzare più di 4000 punti in single-core e quasi 10.000 punti in multi-core. Sono anni che si ripete sempre che i benchmark servono a poco, il tutto ruota sulla ottimizzazione software-hardware. Ora, l’ottimizzazione Apple è leggendaria e raggiungere questi inutili score conferma che iPhone X sarà decisamente ottimizzato.

iPhone X è ufficiale - Lo smartphone del decennale che si sblocca con lo sguardo
Apple inaugura lo Steve Jobs Theater in un’occasione importante. Il 12 settembre è il giorno di iPhone X, lo smartphone del decennale dell’azienda. All’interno della nuova struttura, un gioiello da 14 milioni di dollari, i dirigenti [...]

Per gli amanti dei numeri, iPhone X con il suo A11 Bionic asfalta clamorosamente tutti i super hardware degli smartphone Android. Per fare qualche esempio:

Chiaro, i benchmark sono inutili e ciò che conta è l’utilizzo quotidiano e i tempi non sono ancora maturi per poter affermare che iPhone X sarà migliore degli attuali smartphone Android potenziati anche da 8 GB di RAM.

La guerra tra il nuovo iPhone e gli attuali smartphone Android è già iniziata, presto inizieranno a fioccare su Youtube tanti speed test per decretare lo smartphone più veloce del mondo. Attenzione a Huawei che ha già annunciato il processore del prossimo Huawei Mate 10.

Fonte

Partecipa alla discussione