HTC è sempre stata una ditta sulla bocca di tutti ma non ha mai fatto uscire un prodotto che offrisse un appeal tale da posizionarsi in una fascia precisa di mercato rimanendo confinata, forse ingiustamente, tra i geek informatici.

Per cercare di riguadagnare il tempo “perso” in questi anni, è stato creato uno smartphone che ha fatto gola anche all’utilizzatore medio spostando l’attenzione dalle due grandi rivali nel campo telefonico, l’ HTC ONE potentissimo smartphone di nuova generazione doveva essere messo in commercio per marzo ma voci interne della più grande catena di vendita americana, Best Buy, annunciano ritardi per colpa di carenze di componenti.
HTC minimizza l’accaduto garantendo la messa in commercio di tutti i pre-order ricevuti sul prodotto per la data annunciata, ossia circa la fine del mese corrente e indicativamente per il mese successivo per per i mercati minori.
Il problema principale di questa mossa di mercato è che l’HTC ONE starà in vendita senza alcun concorrente per minor tempo , visto l’arrivo imminente di Samsung S4 e un ipotiziamo anche nuovo iPhone, e potrebbe portare il cliente finale ad attendere per poter metter mano su due diversi terminali prima di scegliere il suo cellulare per il 2013.

I componenti incriminati di tutto ciò sono la scocca in alluminio, denominata unibody, e la carenza della fotocamera Ultrapixel.

Se per il primo è stata solo una questione di ordini e previsioni di vendita (visto l’andamento degli scorsi anni del brand HTC) che tecnicamente è facilmente risolvibile, ben più diverso è il discorso della fotocamera, perchè HTC non è più un cliente con un rating alto e quindi non ha canali prioritari e deve attendere i tempi standard di consegna; queste notizie sono apparse sul World Street Journal da un anonimo dirigente HTC.

Ricordiamo inoltre che l’attuale presidente HTC, Peter Chou, ha garantito le sue dimissioni in caso di fallimento del prodotto ONE.

Proviamo però a pensarla anche in un’ottica differente, una grande ditta ad ogni uscita del suo prodotto rilascia notizie riguardo la limitata disponibilità dello stesso al lancio, e nonostante i prezzi proibitivi l’oggetto in questione è sempre SOLD OUT il giorno di uscita.
E se HTC provasse questa carta per accaparrarsi più clienti possibili nel giorno di uscita fomentando un po la “scimmia” che sale a chiunque di noi quando dobbiamo comperarci una nuova cosa e la vogliamo nell’esatto istante in cui decidiamo.

Fine marzo è vicina, Techzilla è qui per vedere con voi l’evolversi della vicenda.

Ti invieremo all'incirca una email a settimana, e puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Partecipa alla discussione