// RESTA AGGIORNATO SEGUI TECHZILLA

Eccovi finalmente la prima recensione del Kindle Touch; a provare il dispositivo per primi sono i colleghi di CNET, che hanno testato il nuovo ebook reader esprimendo un giudizio più che positivo, grazie al prezzo estremamente concorrenziale e alle tante funzionalità del dispositivo.

Di seguito vi riportiamo e commentiamo alcuni estratti della recensione.

The Good: Il ìKindle Touch è un dispositivo  e-book reader compatto, leggero ed economico, con schermo e-ink touch screen. Offre l’accesso ad un catalogo enorme di libri, riviste, giornali, e audiolibri grazie al negozio Amazon.com, nonché l’accesso online alla biblioteca di Amazon. Supporta anche i file MP3 e, per alcuni formati, il text-to-speech.
The Bad: Tutti gli accessori, tra cui una cover e un caricabatterie, prevedono costi aggiuntivi. È inoltre necessario spendere un extra di $ 40 se non si desidera la versione con i banner pubblicitari, e $ 50 in più se volete il supporto 3G. Mancano i tasti fisici per scorrere le pagine, solo scorrimento touch.

Ottime notizie quindi per gli aspiranti acquirenti: il Kindle Touch è la naturale evoluzione del Kindle 3, e il prezzo di 99 dollari lo rende uno degli ebook reader più economici in circolazione. Inoltre è più piccolo del Kindle 3, perdendo la tastiera fisica (sostituito dalla tastiera a schermo), ma perde anche gli utili tasti fisici per lo scorrimento delle pagine, sebbene basti scorrere il dito sul pannello o cliccare in qualsiasi punto della pagina per passare a quella successiva. Che ne pensate?


Recensione CNET

// CONDIVIDI  

COMMENTA

  • Antonio Crisci

    credo che per questo prezzo sia potenzialmente il top seller degli ebook reader.
    Però due tastini piccolini per lo scorrimento pagina l’avrei davvero voluti… ma sono scelte di marketing.

  • http://profile.yahoo.com/LOIILHCFGEZ6KJFFYQORAPGLUU/ Emanu_Lele

    Ma a che servono i tasti fisici se basta clikkare (non per forza scorrere il dito) su un lato dello schermo per cambiare pagina? sempre clikkare devi, ma invece di farlo sul bordo della scocca lo fai sul bordo del monitor. Non è un discorso di marketing perché nel bordo sono integrati i sensori infrarossi per leggere il dito che clikka, infatti lo schermo non è un vero schermo touch screen ma sono i sensori infrarossi che leggono la posizione e le azioni che si fanno con il dito o con una penna o uno stilo.

    • TaddeoBancifiori

      Forse per accontentare tutti, anche chi ama l’old-style dei pulsanti fisici. Inoltre credo sia più facile cliccare i pulsanti quando si legge sdraiati ad esempio. imho

    • Kino

      Servono  a sollecitare il meno possible lo schermo e dunque a farlo durare di piu penso …….

  • Matteofun

    quando arriverà in Italia????

    • EmanueleStrano

      non si sa.. per ora c’è quello non touch.