Era il 2003 quando il team che lavorava all’atterraggio della sonda Beagle 2 ha perso definitivamente il contatto senza neanche ricevere conferma dell’avvenuto atterraggio del dispositivo sul suolo del pianeta rosso.

A distanza di 12 anni la sonda è stata infine ritrovata su Marte anche se l’ipotesi più accreditata era che si fosse disintegrata nell’atterraggio per via dell’alta velocità ed in seguito con l’impatto con Marte. Purtroppo la notizia non arriverà mai al Professor Colin Pillinger, team leader della missione del Beagle 2 in quanto è deceduto il 7 Maggio del 2014 all’età di 70 anni. Erano stati proprio Colin e sua moglie a dare il nome alla sonda basandosi sul nome della nave di Charles Darwin HMS Beagle.

sonda beagle 2

Il Dr. David Parker, CEO dell’agenzia spaziale del Regno Unito a pronunciare che “Quello che possiamo dire oggi con buona certezza è che il Beagle 2 non è più perduto”

“Questa scoperta sarà molto frustante per la scienza e gli ingegneri che erano dietro al progetto, poichè ora è chiaro quanto erano vicini al successo”

La sonda sembra essere atterrata a 5km di distanza da dove era previsto l’atterraggio dal team e il motivo è un’errata traiettoria che l’ha portata lontano dal punto previsto nel punto di Isidis Planitia. intrapresa dalla sonda dopo che l’ultimo segnale inviato alla base era di essersi staccata con successo prima di procedere verso il viaggio per l’atterraggio su Marte.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: