Durante lo studio di Android, la Purdue University ha analizzato il consumo di energia di alcune tra le più popolari app disponibili sul Play Store e ha visto che diverse App utilizzano male il codice Android, che risulta in un maggiore consumo della batteria. Ad esempio Angry Birds utilizza il 63% delle proprie risorse per mostrare i banner pubblicitari, piuttosto che per far volare piccioni.

NEllo specifico molte app che utilizzano le Api di Google per il controllo della batteria e per impedire che il device vada in sleep mode ( Api di power control o wakelock ). Molti sviluppatori utilizzano bene questi controlli ma circa 1/4 di essi non sa gestirle come si deve, con la conseguenza che il device avrà una durata della batteria anche inferiore alle 5 ore. Di 187 applicazioni testate,  42 di esse contengono errori, anche se l’università non ha fornito la liste di quelle succhia-batteria. Occhio a quale app utilizzate sul vostro device.

via

 

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!

COMMENTA