// RESTA AGGIORNATO SEGUI TECHZILLA
Il mistero del Galaxy S III esploso è risolto, era stato messo nel microonde
// CONDIVIDI  

Vi ricordate quando circa un mese fa vi abbiamo parlato del primo caso di autocombustione di un Galaxy SIII in Irlanda? Il proprietario aveva spiegato che il telefono era semplicemente collegato all’alimentazione, all’interno della sua vettura, dopodichè avrebbe iniziato a emettere fiamme spontaneamente fino a carbonizzarsi.

Samsung ha fornito un aggiornamento sulla situazione, e dopo uno studio delle cause sembra che il telefono non era da biasimare dopo tutto. Secondo Fire Investigations UK, che Samsung ha assunto per esaminare la situazione, l’accumulo di calore che ha causato l’esplosione era dovuta ad una sorgente esterna: in base al tipo di danno, il telefono era stato molto probabilmente collocato in un forno a microonde.

Il proprietario del telefono ha ritirato a quel punto le sue dichiarazioni iniziale, spiegando in un post sul forum che “un’altra persona” aveva cercato di aggiustargli il telefono dopo che gli era caduto in acqua. Incredibile..

// CONDIVIDI  

COMMENTA