Questa mattina Google ha reso ufficiale la nuova release di Android basata su Lollipop che prende il numero di build 5.1 ed introduce diverse correzioni di problemi riscontrati su Android 5.0 oltre ad aggiungere una manciata di nuove funzionalità al sistema operativo. Le factory image sono già disponibili per i dispositivi della famiglia Nexus, ovvero il Nexus 5, Nexus 7 ed il Nexus 10.

Come è facile intuire dal numero di build questa volta abbiamo un aggiornamento più corposo rispetto ad Android 5.0.1 o 5.0.2 rilasciati nelle scorse settimane e mirati a risolvere alcuni fastidiosi bug riscontrati dagli utenti.

Con Android 5.1 troviamo tuttavia miglioramenti anche sotto questo punto di vista infatti Google è tornata sui propri passi rintroducendo la modalità Silenzioso, ovvero lo switch che permette di silenziare tutti i suoi di sistema e la vibrazione. Un altro grande miglioramento è la possibilità di gestire il Wi-Fi ed il Bluetooth direttamente dai Quick Setting del menù delle notifiche, senza quindi dover aprire le impostazioni di sistema.

Android 5.1 (4)

Google ha inoltre aggiunto il supporto alle SIM multiple, una funzionalità che prima veniva aggiunta dai singoli produttori che volevano commercializzare dispositivi dual-sim. Con Android 5.1 potremo avere ora una gestione dual-sim direttamente integrata in Android Stock e potremo cambiare tra le due Sim Card presenti nel dispositivo, sempre che il nostro smartphone lo supporti.

Un’altra piccola-grande novità è la presenza delle video-chiamate in alta definizione che sono ora integrate in Android 5.1. Anche dal punto di vista della sicurezza troviamo miglioramenti importanti infatti i dispositivi con Android 5.1 non saranno più soggetti ai ripristini di fabbrica senza che l’utente ne sia a conoscenza. Questo significa che per effettuare un reset dovremo prima autenticarci con il nostro account Google e questo dovrebbe -in teoria- scoraggiare i ladri di smartphone.

Altri piccolo miglioramenti sono sparsi anche a livello di interfaccia, come lo slider del volume che presenta una scorciatoia per accedere alle notifiche, visibile mentre ascoltiamo la musica. Questo ci permette di aggiustarlo senza interferire con il brano che stiamo ascoltando. Il framework Xposed non è ancora disponibile nonostante questa versione richieda ancora le API livello 21.

Nel complesso Android 5.1 introduce 15.000 modifiche rispetto ad Android 5.0 e per leggere il changelog completo potete recarvi a questo indirizzo.

Le factory image per i dispositivi Nexus sono invece disponibili a questo indirizzo.

Guida: installare factory image su Nexus ( Windows )

  1. Scarichiamo al versione corrispondente al nostro dispositivo ed estraiamola.
  2. Colleghiamo il dispositivo con cavo USB al PC.
  3. Avviamo il dispositivo in modalità Fastboot con uno dei seguenti metodi.
    • Utilizzando il tool adb: Con il dispositivo acceso eseguiamo:
      adb reboot bootloader
    • Con combinazione di tasti: spegniamo il dispositivo e premiamo la combinazione di tasti per entrare in fastboot in base al nostro modello. Ad esempio per il Nexus 5 bisogna tenere Volume Giù + Volume Su + Power durante l’accensione.
  4. Se necessario sblocchiamo il dispositivo con il comando:
    fastboot oem unlock

    Sul dispositivo avremo un messaggio di conferma. Attenzione! Questa procedura cancellerà i dati sul dispositivo.

  5. Apri un terminale e navighiamo fino alla cartella dove abbiamo estratto la factory image.
  6. Eseguiamo il comando per lanciare lo script: flash-al Questo installerà il bootloader necessario, la baseband e il sistema operativo.

Quando lo script termina la procedura è finita- Se per sicurezza vogliamo bloccare nuovamente il bootloader basterà fare i seguenti passaggi:

  1. Riavviamo il dispositivo in fast-boot
  2. Eseguiamo il comando:
    fastboot oem lock

Anche in questo caso, il blocco del bootloader cancellerà tutti i dati sul dispositivo.

Fonte
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: