Facebook spera che gli investitori clicchino “Mi piace”  sul social network così come già fanno i propri utenti. Dopo una serie di voci che si sono moltiplicati nelle ultime settimane, Facebook ha presentato l’ Initial Public Offering (IPO) ieri sera presso la Securities and Exchange Commission per un valore di 5 miliardi di dollari.

L’IPO era stata ampiamente prevista dagli investitori, con le prime indiscrezioni che risalgono addirittura ad anni fa. Qualcuno si aspettava che l’azienda puntasse a un valore molto più alto, intorno ai 100 miliardi di dollari, ma è scontato che Facebook punti a raggiungere un valore molto più ragionevole dei 5 miliardi  iniziali.

Di seguito è riportato il testo integrale della lettera ufficiale agli investitori del CEO Mark Zuckerberg, che abbiamotradotto per voi:

[box_light]

Facebook non è stato originariamente creato per essere una società. E ‘stato costruito per compiere una missione sociale – per rendere il mondo più aperto e connesso.

Pensiamo che sia importante che tutti coloro che investono in Facebook capire che cosa questa missione significa per noi, come possiamo prendere decisioni e perché facciamo le cose che facciamo. Cercherò di delineare il nostro approccio in questa lettera.

Su Facebook, siamo ispirati da tecnologie che hanno rivoluzionato il modo in cui le persone condividono e consumano informazioni. Spesso si parla di invenzioni, come la stampa e la televisione, che hanno semplicemente reso le comunicazioni più efficienti, hanno portato ad una completa trasformazione di molte parti importanti della società. Hanno dato a più persone una voce. Esse hanno incoraggiato il progresso. Hanno cambiato il modo in cui è stata organizzata la società. Ci hanno portato più vicini.

Oggi, la nostra società ha raggiunto un altro punto di svolta. Viviamo in un momento in cui la maggioranza delle persone nel mondo ha accesso a Internet o alla telefonia mobile – gli strumenti primi necessari per iniziare a condividere quello che stai pensando, sentendo e facendo, con chi vuoi. Facebook aspira a costruire i servizi che danno alla gente il potere di condividere, e aiutarli a trasformare ancora una volta molte delle nostre istituzioni centrali e delle nostre industrie.

C’è un enorme bisogno e una grande opportunità per connettere tutti nel mondo, per dare a tutti una voce e contribuire a trasformare la società per il futuro. La scala della tecnologia e delle infrastrutture che deve essere costruita non ha precedenti, e crediamo che questo sia il problema più importante su cui possiamo concentrarci.

Speriamo di rafforzare il modo in cui le persone si relazionano tra loro.

Anche se la nostra missione suona grande, inizia dal piccolo – dal rapporto tra due persone.

Le relazioni personali sono l’unità fondamentale della nostra società. Le relazioni sono il modo in cui si scoprono nuove idee, si capisce il nostro mondo e in ultima analisi, danno la felicità a lungo termine .

A Facebook, costruiamo strumenti per aiutare le persone a entrare in contatto con le persone che vogliono e condividere ciò che vogliono, e così facendo stiamo estendendo la capacità delle persone di costruire e mantenere relazioni.

Persone che condividono di più – anche se solo con i loro amici più intimi o la famiglia – creano una cultura più aperta e portano ad una migliore comprensione della vita. Crediamo che questo crea un numero maggiore di forti relazioni tra le persone, e che aiuta le persone a esporsi a un maggior numero di prospettive diverse.

Aiutando le persone a formare queste connessioni, speriamo di ricreare il modo di diffondere e consumare informazioni. Noi pensiamo che le infrastrutture delle informazioni del mondo dovrebbero assomigliare al grafo sociale – un network costruito dal basso verso l’alto o peer-to-peer, piuttosto che la monolitica struttura top-down che è esistita fino ad oggi. Crediamo anche che il controllo della gente su ciò che condividono è un principio fondamentale di questo ricablaggio (rewiring letteralmente, ndt).

Abbiamo già aiutato più di 800 milioni di persone a tracciare oltre 100 miliardi di connessioni fino ad ora, e il nostro obiettivo è quello di accelerare questo ricablaggio.

Speriamo di migliorare il modo in cui le persone si connetto alle imprese e all’economia.

Noi pensiamo che un mondo più aperto e connesso contribuirà a creare un’economia più forte con le imprese più autentiche che costruiscono prodotti e servizi migliori.

Quando la gente condivide di più, ha accesso a più pareri dalle persone di cui si fida sui prodotti e servizi che utilizzano. Questo rende più facile scoprire i migliori prodotti e migliorare la qualità e l’efficienza della loro vita.

Mark Zuckerberg

[/box_light]

Secondo un rapporto del Wall Street Journal , Zuckerberg ha “da tempo paura del danno” che una IPO potrebbe portare alla “filosofia” aziendale. Eppure, sembra che Facebook sia pronto ad affrontare questo passaggio. Ma cosa significa per gli utenti? Scrivetecelo nei commenti

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: