Come ormai ben sapete, fra poche settimane sarà disponibile il Galaxy Nexus, insieme alla nuova versione del sistema operativo di Google, Android 4.0, noto anche come Ice Cream Sandwich. Per le caratteristiche tecniche del Galaxy Nexus rimandiamo al nostro approfondimento: Galaxy Nexus: caratteristiche, data e prezzo.

Per vedere tutte le novità riguardo ad Ice Cream Sandwich potete leggere il nostro articolo: Ice Cream Sandwich: Tutte le novità di Android 4.0.

“Senza un buon hardware, il software è niente!”, ma per fortuna non si hanno di questi problemi con Google! Il Galaxy Nexus può vantare un ottimo hardware e anche di un affascinante design: prendete il modello Galaxy S II, aggiungete la curva del display del Nexus S’, raffinate la figura con qualche curva in più, ed ecco a voi il nuovo smartphone. Guardandolo di lato ha la forma simile a una goccia d’acqua allungata, parecchio allungata: lo spessore aumenta leggermente dall’alto verso il basso. A quanto sostiene Google, questo rigonfiamento alla base è dovuto per ragioni ergonomiche, non per esigenze di componentistica interna come invece nel Motorola Droid X.

Samsung si è dedicata scrupolosamente al miglioramento della serie di display Super AMOLED e ovviamente continua a farlo. Con una risoluzione 720x1280 (la prima nel mondo dei cellulari) e uno schermo da 4.65″. Si potrebbe pensare che sia eccessivamente grande ma, se si considera che ormai la media degli schermi è 4.5″, è solo leggermente più grande. Inoltre i bottoni diventano parte del display rendendo più comodo l’utilizzo quotidiano rispetto agli smartphone da 4.5″. Questo trucco dei bottoni incorporati nello schermo è una funzionalità opzionale di Ice Cream Sandwich.

La qualità delle fotocamere, frontale e posteriore, sono nella media: non deludono ma non sorprendono nemmeno.

Passiamo ora ad Ice Cream Sandwich, che riprende molte caratteristiche da Honeycomb, tra le quali il tema un po’ dark. Inoltre le icone allineate al centro, danno allo smartphone un aspetto più ordinato e pulito. Analizziamo nello specifico alcune caratteristiche:

  • il sistema widget è stato rivisto, aggiungendo la possibilità del ridimensionamento: il widget Gmail, ad esempio, può essere modificato permettendo la visualizzazione delle sole due mail più recenti, oppure con una breve pressione del widget e un trascinamento rapido degli indicatori del bordo, fino a 3 o 4.
  • Si possono eseguire screenshot direttamente sul telefonino.
  • Il browser è stato completamente perfezionato: si ha sempre la correzione dei bug e il miglioramento delle prestazioni, in più permette di salvare le pagine per la lettura non in linea ed è possibile richiedere la versione non-mobile per ogni pagina solamente con un click.
  • La nuova fotocamera è molto più veloce: il ritardo nello scatto è inesistente e si è subito pronti a scattare un’altra foto in meno di un secondo.
  • L’applicazione speech-to-text è stata completamente rivista ed è notevolmente più veloce. Puoi parlare normalmente e sarà in grado di starti dietro senza problemi, con un ritardo massimo di due sillabe.
  • Face recognition lock: Android impiega solo pochi secondi per analizzare la struttura del tuo volto, una volta configurato, il tuo viso sarà l’unico che potrà sbloccare il dispositivo. In caso di scarsa luminosità si può sempre tornare al modello swipe.
  • Per creare una cartella è sufficiente trascinare un’applicazione sul top di un’altra. Inoltre le applicazioni possono essere spostate dentro e fuori l’area statica semplicemente trascinandole.
  • E’ stato aggiunto uno strumento per l’editing di foto, certo non è Photoshop, ma sicuramente è un ottimo tool, ci voleva.
  • Infine è presente uno strumento che consente di controllare l’utilizzo delle risorse. E’ possibile tracciare una cronologia e individuare quali sono quelle applicazioni che ne fanno più uso. Una barra ci permette di settare una soglia di rischio sull’uso eccessivo, mentre un’altra barra permette di impostare la soglia massima di utilizzo, oltrepassata la quale l’applicazione viene chiusa.

Ricapitolando Ice Cream Sandwich è animato, pieno di tanti nuovi strumenti e con una grafica rinnovata tuttavia non è perfetto. Ci sono attimi in cui lo slider si blocca o il launcher va in crash, ma comunque c’è ancora tempo per poter provvedere alle correzioni di questi bug, visto che inizialmente troveremo ICS solo sui Nexus (One, S, Galaxy) e sul Samsung Galaxy S II.

via

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here