Curiosa la vicenda in cui si è trovata Google nel territorio Giapponese, dove una corte gli ha ordinato di rimuovere determinati risultati dai suggerimenti automatici di completamento del motore di ricerca. Per chi non lo sapesse, il completamento automatico è quella funzione che ti suggerisce i risultati man mano che inizi a digitare il testo nel campo di ricerca, un’esempio qui sotto:

Secondo la BBC a Google sarebbero stati chiesti di togliere alcune parole relativi a “crimini” commessi da una determina persona che dichiarerebbe essere falsi. Il suo legale, Hiroyuki Tomita, spiega che tale funzione di autocompletamento sarebbe un problema per il suo cliente in quanto gli causa problemi nel trovare lavoro. Non è neanche la prima volta che questo accade in realtà, in quanto già in Francia volevano omettere completamente i termini  “crook” e “con man.” dai risultati della funzione di auto-completamento di Google.

Google si giustifica dicendo che tale funzione è frutto di un’algoritmo automatico e di conseguenza non è responsabile per i suoi risultati. Google non ha ancora obbedito alla richiesta della corte Giapponese,anche se ha detto che “valuterà la situazione”.

via

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: