L’ascesa dell’omino di pan di zenzero di Android sta avanzando con il tempo e stiamo già assistendo a come Gingerbread stia venendo adottato progressivamente su tutti i device compatibili, nonostante Froyo ( Android 2.2 ) sia ancora il “gusto” predominante negli smartphone. Vi mostriamo subito il primo grafico che indica il numero di device attualmente prodotti dalle principali aziende e la versione più recente dei loro aggiornamenti Android:


L’Android Update Alliance è stata fondata, e dovrebbe garantire un supporto e un’assistenza ad ampio raggio per tutti i device che ne prendono parte, tuttavia ancora nessuna iniziativa ufficiale è stata diramanta dall’ AUA.

Il sito AndroidandMe ha voluto stilare sotto forma di grafico tutti i modelli di device Android dei produttori che hanno aderito alla Android Update Alliance e vedere qual’è il rapporto tra terminali e versioni di Android. Il dato più rilevante riguardo i produttori riguarda HTC, che ha una percentuale di telefoni aggiornati alla major release di Android Gingerbread 2.3 più alta, a differenza degli altri concorrenti. Questo è un buon risultato che ci mostra come HTC sia molto attenta al supporto e agli aggiornamenti post-vendita di un device, ciò nonostante ancora molti dei suoi terminali sono rimasti fermi, per motivi di marketing o di requisiti, ad Android 2.2

Sony Ericssons si piazza invece al primo posto come prodotti che al momento del lancio hanno già installato Gingerbread sui propri device. L’indagine si estende anche ai provider Americani e tramite il grafico sottostante possiamo vedere qual’è la compagnia che offre update più recenti ai propri consumatori. Per finire un grafico a torta ci mostra quanti sono in percentuale i telefoni dei produttori ( facenti parte dell’AUA ) ad aver ricevuto aggiornamenti. vedremo se con Ice Cream Sandwich le cose prenderanno un’altra direzione.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here