La mania Pokémon GO è ormai planetaria e, come spesso accade quando si ha a che fare con fenomeni di queste dimensioni, c’è sempre un lato oscuro dovuto derive fanatiste, e qualcheduno che va oltre le righe. Abbiamo già parlato degli eccessi di alcuni utenti statunitensi e non, che non si sono fatti alcuno scrupolo, e hanno invaso luoghi come cimiteri e musei dell’Olocausto pur di catturare qualche pokémon virtuale e raggiungere le locazioni suggerite dalla mappa.

È giunta anche notizia di un uomo in Singapore che ha dato in escadescenza per il fatto che il gioco non era ancora disponibile nel paese in cui si trovava: la compagnia per cui lavorava, alla luce del fatto che il comportamento dell’uomo – diffuso, come purtroppo sempre più spesso accade, sui social senza pensare alle conseguenze del gesto – è stato ritenuto lesivo per l’azienda, è stato licenziato. Ma c’è anche chi, pur di diventare il migliore allenatore di pokémon nella finzione videoludica, è disposto anche ad abbandonare volontariamente il proprio lavoro.

pokemon go

È il caso di Tom Currie, ragazzo neozelandese di 24 anni, il quale, stando a quanto riportato da Newshub – testata neozelandese -, ha deciso di lasciare il proprio lavoro per dedicarsi al gioco full time. Apparentemente, il suo scopo sarebbe quello di viaggiare per l’intero paese e catturare tutti i pokémon che vi dovesse trovare.

“Ho prenotato corriere per viaggiare nella Nuova Zelanda in lungo e in largo, da Invercargill a Capo Reinga, e spero che ciò mi permetta di catturare lungo la strada qualche bel pokémo. Il gioco tiene traccia di quanto si è camminato, e nel mio caso si tratta, per adesso, di 50 chilometri. Una gran sgobbata.”

Currie afferma con entusiasmo di aver raggiunto nel gioco il livello 20, e di essere riuscito fino ad ora a catturare oltre 700 pokémon, tra cui un Vaporeon da 1709 “CP” (Combat Power). Il suo sogno è quello di catturare un Mewtwo. Nel frattempo, si è sentito parlare persino di individui che, approfittando del boom del gioco, offrono i propri servigi per trasportare gli “allenatori” in giro per i vari spot di cattura, e si rendono disponibile persino per catturare i pokémon al posto vostro. Inutile sottolineare il fatto che il rischio di furti, truffe e quant’altro è dietro l’angolo, e dunque occorre prestare attenzione a chi si dà fiducia.

Se non ne potete più del tormentone di questa estate, potete far sparire Pokémon GO dagli schermi dei vostri computer scaricando una estensione che nasconde tutti i riferimenti al gioco che si farà ricordare per i suoi record e per i suoi eccessi.

Fonte
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: