Le autorità dell’Unione Europea di regolamentazione antitrust hanno avviato nel novembre 2010 un’indagine sulle pratiche di ricerca di Google, dopo aver accusato la società di promuovere i propri servizi prima di quelli dei suoi rivali. Il commissario Ue per la concorrenza Joaquin Almunia ha detto ieri che si prevede un lungo procedimento, ma se il gigante di Internet soddisfacesse determinate richieste, l’indagine antitrust potrebbe essere definitivamente chiusa.

“Google ha ripetutamente espresso la sua disponibilità a discutere di eventuali problemi che la Commissione potrebbe avere, senza la necessità di avviare un procedimento in contraddittorio, è per questo che oggi sto dando a Google l’opportunità di offrire soluzioni per affrontare i problemi che abbiamo individuato,” ha detto Almunia , aggiungendo che vorrebbe una proposta da Google “in una questione di settimane”.

La Commissione può multare le aziende che violano le norme comunitarie fino al 10% del loro fatturato globale e ricordiamo che in passato ha già multato colossi del calibro di Microsoft e Intel.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: